L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Perché Ghost Stories è uno dei migliori horror degli ultimi anni (e non dovete assolutamente perderlo!)

Perché Ghost Stories è uno dei migliori horror degli ultimi anni (e non dovete assolutamente perderlo!)

Di Filippo Magnifico

LEGGI ANCHE: Ghost Stories è il film che tutti gli appassionati di horror stavano aspettando, la recensione

Ghost Stories è pronto per fare il suo ingresso nelle sale italiane e, non ci stancheremo mai di ripeterlo, NON DOVETE ASSOLUTAMENTE PERDERLO!

Il film porta sul grande schermo una delle pièce teatrali più spaventose che siano mai andate in scena, un grande successo di critica che si è trasformato in uno dei film horror più riusciti degli ultimi anni. Il merito è tutto di Jeremy Dyson e Andy Nyman, i creatori dello spettacolo teatrale, che hanno dato vita ad una pellicola all’insegna del brivido ma non solo.

Protagonista di questa storia il Professor Philip Goodman (Andy Nyman), noto a tutti per il suo proverbiale scetticismo nei confronti di qualsiasi evento sovrannaturale conduce un programma televisivo, nel quale smaschera false sedute spiritiche e sedicenti sensitivi. Quando gli affidano il compito d’indagare su tre sconcertanti casi di attività paranormale, Goodman inizia a scavare sempre più a fondo, ignaro del fatto che i tre casi finiranno per rivelare, ciascuno a suo modo, dei misteri terrificanti, ben oltre la sua stessa immaginazione. Finché, via via, non giungerà a un’angosciante e scioccante conclusione che lo riguarderà personalmente.

I pregi di Ghost Stories sono molti, noi abbiamo cercato di elencare i principali punti di forza di un film che, siamo sicuri, farà la gioia di tutti gli appassionati di cinema di genere.

FA PAURA

Una considerazione scontata? Non proprio. Siamo pieni di presunti film horror che promettono brividi a non finire. Quanti di loro sono in grado di mantenere la promessa? Pochi.
Ghost Stories è in grado di trasmettere un reale senso di inquietudine ed è realizzato da due registi che sono dei veri fan del cinema di genere, cosa che traspare in ogni singolo frame. È un film che disturba, che tocca nel profondo, che gioca con lo spettatore coinvolgendolo in un vortice di orrore difficile da dimenticare.
È sempre bello vedere buon cinema realizzato con amore e Ghost Stories è proprio questo: una lettera d’amore nei confronti del glorioso cinema horror. Come dichiarato da Jeremy Dyson:

Ciò che ci ha ispirati a livello di trama sono stati i film delle Amicus Anthologies degli anni ’60 e ’70, come Le cinque chiavi del terrore e La bottega che vendeva la morte, oltre a un classico dell’horror, prodotto dagli Ealing Studios, come Incubi Notturni. Ma abbiamo anche reso omaggio al terrore intrinseco dei film di Val Lewton, alle atmosfere tipiche delle pellicole di Dario Argento, delle quali nel film ci sono diverse citazioni, ma anche a tutto quell’immaginario horror che da piccoli ci spaventava terribilmente. Inoltre, abbiamo scavato a fondo nei nostri demoni personali e in tutte quelle cose di cui avevamo più paura da bambini.

È TRATTO DA UN GRANDE SUCCESSO TEATRALE

Ok, molti altri film hanno la stessa premessa e non tutti sono dei capolavori. Ma questo punto si riallaccia direttamente al primo, perché le persone coinvolte nello spettacolo teatrale sono le stesse che hanno scritto e diretto il film: Jeremy Dyson e Andy Nyman.

Per la cronaca, Ghost Stories è ancora oggi una delle pièce teatrali più spaventose che siano mai andate in scena. Ha esordito alla Liverpool Playhouse a febbraio del 2010 e, in seguito, è andata in scena presso il Lyric Theatre di Hammersmith, a Londra. Un grande successo di critica, con rappresentazioni anche nel West End, presso il Teatro Duke of York e, successivamente, presso l’Arts Theatre, dove ha sbancato i botteghini per ben 26 mesi consecutivi. Oltre a Londra, è andato in scena anche a Toronto, Shanghai, Lima, Sydney e Mosca. Lo spettacolo teatrale è stato visto da oltre mezzo milione di persone in tutto il mondo.

Un successo che ha subito attirato l’attenzione delle grandi case di produzione, intenzionate a trasformare quello spettacolo teatrale in un film. Ma Jeremy Dyson e Andy Nyman non hanno ceduto subito al richiamo del grande schermo, come dichiarato dallo stesso Dyson:

Uno degli Studios maggiori ci contattò subito, ma non saremmo mai riusciti a fare le cose come volevamo se avessimo accettato quella prima offerta. Volevano solo ottenere il concept del progetto, non avevano alcuna intenzione di coinvolgerci.

Dire no ad un’offerta così allettante è stata una mossa decisamente coraggiosa ma i registi sono stati premiati, perché hanno avuto tutto il tempo necessario (e ovviamente il controllo creativo) per portare sul grande schermo l’opera che avevano in mente. E questa cosa ha premiato anche il pubblico, ovviamente.

HA UN GRANDE CAST

Al fianco di Andy Nyman, che interpreta il protagonista Philip Goodman troviamo, in ordine di apparizione:

Paul Whitehouse, volto iconico del mondo dello spettacolo britannico, visto in pellicole come Harry Potter e il prigioniero di Azkaban e Neverland – Un sogno per la vita. L’attore interpreta Tony Matthews, protagonista del primo caso affrontato nel film

Alex Lawther, visto nelle serie Netflix Black Mirror e The End of the F***ing World. L’attore interpreta Simon Rifkind, protagonista del secondo caso affrontato nel film.

Martin Freeman, tra i volti più iconici del panorama cinematografico britannico, visto in serie come Sherlock e in pellicole come Lo Hobbit e Black Panther. L’attore interpreta Mike Priddle, protagonista del terzo caso affrontato nel film.

QUI trovate il nostro video dedicato al caso Matthews

QUI trovate il nostro video dedicato al caso Rifkind

QUI trovate il nostro video dedicato al caso Matthews

È PROFONDO

Siamo contenti quando un film horror riesce a fare il suo dovere, terrorizzandoci come il genere impone, ma cos’altro possiamo chiedere? Profondità, l’opportunità di riflettere, di tornare a pensare a quello che abbiamo visto e non dimenticarlo subito dopo come un qualsiasi tunnel dell’orrore. E Ghost Stories è un film molto profondo, dietro i brividi si nasconde una splendida riflessione sul senso di colpa. È costruito come un rompicapo in grado di affascinare e di spingere a un’ulteriore visione che, vi garantiamo, riuscirà a farvi apprezzare ulteriormente la storia. Ma non possiamo rivelare altro per non rovinare la visione. Ghost Stories va visto a scatola chiusa.

LEGGI ANCHE: Martin Freeman ci racconta Ghost Stories: “Il vero orrore è dentro di noi”

Se i film Horror sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno segui la pagina Facebook Noi fan dell’Horror, costantemente aggiornato con tutte le novità legate all’universo dei brividi, e iscriviti al nostro gruppo dedicato a tutti fan dell’Horror!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La regina degli scacchi: in arrivo il musical di Broadway! 8 Marzo 2021 - 20:30

Il romanzo di Walter Tevis verrà adattato dalla compagnia Level Forward, che ha ottenuto 37 nomination ai Tony Awards

WandaVision: Le domande irrisolte dopo il finale della serie 8 Marzo 2021 - 20:00

WandaVision lascia dietro di sé moltissime domande: ecco tutte le trame rimaste aperte dopo la fine della serie!

Warner Bros. festeggia gli 80 anni di Wonder Woman 8 Marzo 2021 - 19:45

DC, Warner Bros. Global Brands and Experiences e WarnerMedia celebrano con un evento globale gli 80 anni della Paladina della Giustizia e Guerriera per la Pace dell’universo DC, Wonder Woman, in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.