L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Obbligo o Verità: la recensione del thriller soprannaturale targato Blumhouse

Obbligo o Verità: la recensione del thriller soprannaturale targato Blumhouse

Di Adriano Ercolani

La Blumhouse sembra diversificare sempre più il proprio tipo di lungometraggi dividendoli tra un prodotto intelligente e ritmato destinato al pubblico giovane (Auguri per la tua morte ne è l’ultimo esempio), un altro che può lavorare come crossover con spettatori più adulti (i franchise di Insidious o The Purge) e infine film che invece elevano il discorso sul genere spesso inserendovi tematiche importanti legate al nostro presente e le sue contraddizioni: Get Out di Jordan Peele e Split di M. Night Shyamalan sono a nostro avviso i fiori all’occhiello di questo secondo tipo di produzioni.

Obbligo o Verità deve necessariamente essere inserito nel primo dei due filoni della Blumhouse, in quanto sfrutta il filone giovanile carpendo a piene mani da idee provenienti da altri film, soprattutto la saga di Final Destination e un piccolo gioiello più recente come It Follows. Il regista Jeff Wadlow (Kick Ass 2) punta tutto sul ritmo della narrazione e la spigliatezza di una messa in scena che sfrutta la trama discretamente congegnata per regalare al pubblico l’eliminazione dei personaggi nei modi più disparati e originali. Non ci troviamo però di fronte al gore di serie come Hostel o L’enigmista, l’idea principale e marchio di fabbrica delle ultime produzioni Blumhouse è quella di intrattenere magari facendo saltare sulla poltrona il pubblico, ma senza scioccarlo con immagini eccessivamente e inutilmente forti.

Rispetto al precedente Auguri per la tua morte di Christopher Landon però Obbligo o Verità non possiede lo stesso piglio: l’idea ad esempio di giocare in qualche modo anche con la commedia in questo caso non viene contemplata, e la freschezza che il precedente film aveva mostrato qui non riesce a essere riproposta. Il film si muove sui binari già prestabiliti da trama e genere senza tentare percorsi che possano renderlo particolarmente originale o elevarlo dalla media, e ciò lo rende uno spettacolo godibile ma non memorabile. Volendo continuare a compararlo con il sorprendente e vitale film di Landon Obbligo o Verità manca di un altro elemento di successo fondamentale: una protagonista che buca lo schermo. L’istrionica e scatenata Jessica Rothe di Obbligo o Verità non trova il suo contraltare nella più gentile ma meno coinvolgente Lucy Hale (Pretty Little Liars in TV). La psicologia e l’arco narrativo della sua protagonista Olivia sono di quelli che non costringono lo spettatore a parteggiare per l’eroina o respingerla, come invece accadeva alla Tree interpretata dalla Rothe. In fin dei conti a risultare addirittura più incisiva è la sua “spalla” Markie, interpretata da Violett Bean.

Rispetto alla qualità altissima a cui ci ha abituato negli ultimissimi anni il cinema sfornato da Jason Blum e la sua Blumhouse – che si tratti di semplice intrattenimento o di qualcosa di più corposo a livello tematico – Obbligo o Verità rappresenta un prodotto di routine, realizzato con gusto ma privo di quella volontà di non ripetersi che ha positivamente distinto il marchio. Un horror che si lascia senz’altro vedere, anche gustare dagli appassionati del genere, ma che non va oltre il livello del compitino ben fatto.

Se i film Horror sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno segui la pagina Facebook Noi fan dell’Horror, costantemente aggiornato con tutte le novità legate all’universo dei brividi, e iscriviti al nostro gruppo dedicato a tutti fan dell’Horror!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Wars: nella serie su Cassian Andor ci saranno anche Obi-Wan Kenobi e Ahsoka Tano? 6 Marzo 2021 - 20:00

Alcuni interessanti rumor sulla serie live-action di Star Wars dedicata a Cassian Andor, le cui riprese sono attualmente in corso, hanno cominciato a circolare nel web.

Il cast di Chucky: ecco chi sfiderà in TV la Bambola Assassina 6 Marzo 2021 - 19:00

La serie sequel de La bambola assassina, creata da Don Mancini, ha scelto i teenager protagonisti

Prank Encounters: tornano gli scherzi da brivido di Gaten Matarazzo, il trailer della Stagione 2 6 Marzo 2021 - 18:00

Netflix ha diffuso il trailer della seconda stagione di Prank Encounters – Scherzi da brivido, la serie candid camera che vede la partecipazione di Gaten Matarazzo, aka il Dustin di Stranger Things.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.