L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Pacific Rim: La rivolta, un sequel che diverte con il suo spirito naïf

Pacific Rim: La rivolta, un sequel che diverte con il suo spirito naïf

Di Lorenzo Pedrazzi

Rielaborare i miti dell’infanzia significa appropriarsi di un vastissimo immaginario collettivo, rendendo “personale” ciò che solitamente ha un valore universale. Il cinema di Guillermo Del Toro lavora spesso in quella direzione, e Pacific Rim è una sincera lettera d’amore per Gigantor, Patlabor, Mazinga Z e tutti gli anime che hanno accompagnato la crescita di molti trentenni e quarantenni odierni, mondati dalle loro radici culturali (si tratta pur sempre di un film americano, non giapponese) e ridotti alle caratteristiche più essenziali dell’intrattenimento naïf, con l’immancabile dualismo tra robot e mostri giganti. Pacific Rim: La rivolta rappresenta un passo successivo sul medesimo percorso, soprattutto se consideriamo che Stephen S. DeKnight – l’ottimo showrunner della prima stagione di Daredevil – ha preso il posto di Del Toro come regista e co-sceneggiatore.

A partire dall’interessante “mitologia” fondata nel prequel, DeKnight costruisce un prodotto diverso, meno greve, compiendo un’evoluzione che stilisticamente guarda a Evangelion più che ai pionieri del genere. Lo si nota negli avanzamenti tecnici e di design, ma anche nell’abbandono di quella monumentalità che Del Toro aveva ricavato dal celebre Colosso di Goya: i nuovi Jaeger sono più agili, i combattimenti avvengono alla luce del giorno, mentre la tecnologia futuristica gioca un ruolo ancor più determinante nello sviluppo della trama. Eppure, la premessa di Pacific Rim: La rivolta non è così distante dal primo film. Anche in questo caso abbiamo un eroe recalcitrante – il Jake Pentecost di John Boyega – che si è ritirato dalle scene per vivere alla giornata, ed è costretto a prendere in mano le redini dell’umanità quando la situazione diventa critica. È qui che la storia prende una strada diversa, spazzando via le scorie del passato per generare una specie di reboot interno, con le nuove generazioni che ricevono il testimone da quelle precedenti. In tal senso, la sceneggiatura rispecchia le condizioni in cui è stato (faticosamente) realizzato questo sequel: Del Toro ha affidato la sua creatura in mani altrui, lasciandola libera di esplorare nuovi territori.

Intendiamoci, il copione risente di eccessivi rimaneggiamenti in fase di pre-produzione, con dialoghi scontati e personaggi monodimensionali, ma DeKnight e gli altri sceneggiatori centrano un paio di svolte narrative ispirate, trovando un equilibrio soddisfacente fra i legami con il prequel e le esigenze di cambiamento. Il film scorre in scioltezza, diverte, si prende meno sul serio e garantisce un intrattenimento onesto, dove il piacere infantile di vedere scontrarsi mech e mostri giganti è pienamente appagato; anzi, stavolta gli Jaeger “di supporto” non sono affatto sprecati, ma partecipano all’azione con la Gipsy Avenger di Jake e Nate Lambert (Scott Eastwood). In compenso, ritorna una delle idee alla base del primo Pacific Rim: la battaglia, l’eroismo e il sacrificio come forme di elaborazione del lutto. Sia Jake sia la nuova recluta Amana Namani (Cailee Spaeny) sono tormentati dal trauma della perdita, coagulato in immagini e memorie ricorrenti che, nello scontro finale, si manifestano sul loro cammino per essere puntualmente esorcizzate.

È comunque un sequel più lieve, che favorisce il pubblico giovane anche per la durata contenuta, e più orientato verso la policromia rispetto alla cupezza del predecessore. Il suo cuore sono i combattimenti (ben distribuiti nel corso del film) che mettono a soqquadro le metropoli del pacifico, riproponendo in versione extralusso la morbosità distruttiva dei vecchi monster movie, con mezzi più ampi e un discreto realismo visivo, soprattutto per quanto riguarda le scenografie digitali. Si resta facilmente abbagliati da questa spettacolarità, dimenticando certi passaggi inverosimili o troppo affrettati nella costruzione della trama; ma non ha grande importanza, perché alla fine Pacific Rim: La rivolta accetta le responsabilità dell’entertainment con il piglio giusto: senza ipocrisia, né alcun tipo di presunzione.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Garret Dillahunt e Scoot McNairy in Blonde, film su Marilyn Monroe 20 Settembre 2019 - 0:14

Alla regia Andrew Dominik, alla produzione Brad Pitt.

Mayim Bialik e Jim Parsons ancora insieme per la sitcom Carla 19 Settembre 2019 - 23:53

Si tratta del remake americano dello show britannico Miranda.

Joaquin Phoenix sarà protagonista del prossimo film di Mike Mills 19 Settembre 2019 - 23:42

Le riprese inizieranno il prossimo autunno.

La storia di Waterworld (FantaDoc) 19 Settembre 2019 - 16:08

L'annacquata storia di Waterworld, il buco nell'acqua di Costner. Ma sarà poi vero?

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Batman, il telefilm 18 Settembre 2019 - 15:47

Nanananananananana...

7 cose che forse non sapevate sulla Famiglia Mezil 17 Settembre 2019 - 16:32

Lo storico cartoon della Famiglia Mezil, che veniva da oltre cortina e... ha ispirato i Simpson?!?