Condividi su

14 marzo 2018 • 16:15 • Scritto da Filippo Magnifico

Le Winx protagoniste di una serie live action targata Netflix

Winx Club, la serie animata italiana più esportata nel mondo, arriverà su Netflix con una nuova serie live action.
0

Winx Club, la serie animata creata e prodotta da Iginio Straffi e dal suo studio Rainbow Spa, sbarcherà su Netflix con una nuova serie live action. A dare l’annuncio Erik Barmack, VP International Originals di Netflix:

Quello delle Winx è un fenomeno globale e siamo molto emozionati all’idea di rafforzare la nostra collaborazione con il gruppo Rainbow per dare vita al prossimo capitolo di questa saga fantasy. Le celebri fatine cresceranno con i loro fan, diventeranno delle vere eroine adolescenti e affronteranno tematiche più complesse in questa nuova serie live action.

Anche Iginio Straffi ha commentato la notizia, senza nascondere un più che giustificato entusiasmo:

Siamo molto felici di proseguire la nostra collaborazione con Netflix lavorando insieme a progetti sempre più ambiziosi. Grazie ai suoi contenuti destinati al pubblico young adult, Netflix è stato in grado di arrivare al cuore degli spettatori di tutto il mondo. Non vediamo l’ora di vedere le Winx in questa nuova veste live action.

Winx Club è il cartone italiano più esportato al mondo e dopo il suo lancio nel 2004 ha proseguito il suo percorso all’insegna del successo. Ricordiamo che nel 2016 Netflix ha realizzato due stagioni originali dello spin-off World of Winx, riscuotendo anche in questo caso un grandissimo successo.

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, segui la pagina Facebook Noi fan delle Serie TV e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Fonte: Deadline

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *