Condividi su

14 marzo 2018 • 08:44 • Scritto da Lorenzo Pedrazzi

Addio a Stephen Hawking, il grande astrofisico che studiò l’origine dell’universo

Stephen Hawking, il grande astrofisico che studiò i buchi neri e l'origine dell'universo, si è spento stanotte nella sua casa di Cambridge.
0

Stephen Hawking si è spento stanotte nella sua casa di Cambridge, lo ha reso noto il portavoce della famiglia. Aveva 76 anni.

Nato l’8 gennaio 1942 a Oxford, Stephen Hawking ha offerto contributi fondamentali nella teoria cosmologica sull’inizio senza confini dell’universo (denominata “stato di Hartle-Hawking“), la termodinamica dei buchi neri e l’elaborazione con altri scienziati di numerose teorie fisiche e astronomiche, come il multiverso, la formazione ed evoluzione galattica e l’inflazione cosmica. Ha introdotto anche il concetto della “radiazione di Hawking“, una radiazione termica che si ritiene sia emessa dai buchi neri a causa degli effetti quantistici. Oltre che un grande astrofisico, è stato un memorabile divulgatore scientifico.

I suoi figli hanno rilasciato il seguente comunicato:

Siamo profondamente rattristati che il nostro amato padre sia scomparso oggi. Era un grande scienziato e un uomo straordinario, il cui lavoro e la cui eredità continueranno a vivere per molti anni. Il suo coraggio e la sua perseveranza, insieme alla sua brillantezza e senso dell’umorismo, hanno ispirato gente da tutto il mondo.

Una volta disse: «Non sarebbe granché come universo se non fosse la casa delle persone che ami». Ci mancherà per sempre.

Com’è noto, nel 1963 gli fu diagnosticata una forma di sclerosi laterale amiotrofica che dagli anni Ottanta lo costrinse all’immobilità, forzandolo inoltre a comunicare con un sintetizzatore vocale. Questo, però, non gli ha impedito di diventare la più grande icona popolare della scienza contemporanea, soprattutto grazie alle numerose apparizioni in documentari e show televisivi. Si ricordano, in particolare, i programmi L’universo di Stephen Hawking e Curiosity di Discovery Channel, ma anche le sue molteplici comparsate nella cultura di massa: Stephen Hawking ha partecipato a un episodio di Star Trek: The Next Generation e ben cinque puntate di The Big Bang Theory, oltre a varie serie d’animazione come I Simpson, Futurama, I Griffin e Due Fantagenitori.

Sono stati inoltre realizzati diversi film sulla sua vita, il più famoso dei quali è indubbiamente La teoria del tutto, che ha permesso a Eddie Redmayne di vincere l’Oscar come Miglior Attore Protagonista.

Fonte: The Guardian

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *