L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Cloverfield Paradox: ecco tutti i collegamenti con l’universo di Cloverfield

The Cloverfield Paradox: ecco tutti i collegamenti con l’universo di Cloverfield

Di Filippo Magnifico

ATTENZIONE: IL SEGUENTE ARTICOLO CONTIENE SPOILER

Ieri The Cloverfield Paradox è stato lanciato su Netflix. Decisamente una sorpresa, si parlava da tempo di un possibile accordo tra Paramount e Netflix per la distribuzione del film e il Super Bowl era l’ideale trampolino di lancio per un annuncio ufficiale, nessuno però si aspettava il film completo disponibile sulla piattaforma di streaming.

Ambientato in un futuro prossimo, The Cloverfield Paradox racconta la storia di un gruppo di astronauti internazionali che sta lavorando a bordo di una stazione spaziale per risolvere una grande crisi energetica sulla Terra. La tecnologia sperimentale a loro disposizione, però, sortisce un effetto inaspettato, lasciando la squadra completamente isolata e costretta a combattere per la sopravvivenza.

Paradossi temporali, dimensioni parallele che entrano in collisione tra di loro animano una pellicola che, come sappiamo, fa parte del cosiddetto Cloverfield Universe, composto da vari “capitoli collaterali” di Cloverfield che non sono necessariamente dei sequel diretti ma dei “successori spirituali”, come 10 Cloverfield Lane.

I film, però, presentano degli elementi comuni. Cerchiamo, quindi, di scoprire quali sono i collegamenti tra The Cloverfield Paradox e l’universo di Cloverfield.

CLOVER

Iniziamo subito con quello che sembra il collegamento più palese, la gigantesca creatura che si vede alla fine del film. Si tratta dello stesso mostro di Cloverfield? Le somiglianze ci sono, anche se quello che vediamo in The Cloverfield Paradox è senza ombra di dubbio più grande (sappiamo però che quello nel film del 2008 è in realtà un cucciolo). Questa creatura emerge dalle nuvole nel momento in cui la capsula spaziale si dirige verso il suolo terrestre.

C’è chi ha visto in questa scena un diretto collegamento con il film del 2008, più nello specifico con il finale in cui è possibile distinguere un oggetto che precipita dal cielo nell’oceano. Si tratta della capsula? In realtà no, perché come sappiamo The Cloverfield Paradox è ambientato nel 2028. Sembra più che altro un omaggio. Per quanto riguarda la creatura, sebbene somigliante non sembra la stessa di Cloverfield, anche se durante la storia è possibile scorgerne un’altra attraverso il fumo, mentre cammina tra le macere, che sembra più somigliante, soprattutto per dimensioni.

SLUSHO!

Sulla stazione spaziale è possibile vedere un bobble head di Slusho!, un brand presente in tutte le pellicole dell’universo di Cloverfield ma non solo (è presente anche in altre produzioni di J.J Abrams come Lost, Star Trek e Super 8).

KELVIN GAS

The Cloverfield Paradox inizia con Ava Hamilton (Gugu Mbatha-Raw) e suo marito Michael in fila ad una stazione della Kelvin Gas. Anche questo un brand è presente in molte produzioni di J.J. Abrams e, ovviamente, anche nell’universo di Cloverfield.

È possibile distinguere il brand anche nella stazione spaziale.

STAMBLER

Il personaggio interpretato da John Goodman in 10 Cloverfield Lane si chiama Howard Stambler. Lo scienziato che parla in televisione del “Paradosso di Colverfield” ha lo stesso cognome. Sono parenti? Non lo sappiamo ma una cosa sembra essere certa: questo paradosso, creato dall’acceleratore di particelle testato nello spazio, sembra essere la causa di tutto quello che accade nell’universo di Cloverfield. Poco importa che i film siano ambientati in epoche diverse, perché lo strappo nella membrana spazio-temporale può causare distorsioni della realtà in ogni dimensione e tempo. Il bunker in cui si rifugiano Michael e la piccola Molly, inoltre, ricorda molto quello di Howard Stambler.

TAGRUATO

Anche questo un nome ricorrente nell’universo di Cloverfield. Come riportato dalla campagna virale di The Cloverfield Paradox, la Tagruato Corporation è strettamente collegata alla missione spaziale. La società possiede inoltre la Bold Futura (per cui ha lavorato John Goodman in 10 Cloverfield Lane) e la Slusho! In The Cloverfield Paradox è possibile distinguere il nome su un pannello elettrico.

LEGGI ANCHE: The Cloverfield Paradox, più marketing che cinema: la recensione del film

La regia di God Particle è stata affidata a Julius Onah, cineasta nigeriano (ma cresciuto negli Stati Uniti) che ha diretto il thriller The Girl Is in Trouble. La sceneggiatura è opera di Oren Uziel (Mortal Kombat, 22 Jump Street, Scherzi della natura, Men in Black 4).

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Willie Garson è morto, aveva interpretato Stanford Blatch in Sex and the City 22 Settembre 2021 - 10:12

L’attore statunitense Willie Garson è morto, aveva 57 anni. Nel corso della sua carriera Willie Garson era comparso in oltre 50 film, ma il suo ruolo più famoso rimarrà quello di Stanford Blatch, interpretato nella serie televisiva Sex and the City dal 1998 al 2004.

Venom: La furia di Carnage – Lo scontro continua sul poster IMAX 22 Settembre 2021 - 10:00

I due simbionti si scontrano sul poster IMAX di Venom: La furia di Carnage, in uscita il prossimo 14 ottobre nelle sale italiane.

Passing – Il trailer del film di Rebecca Hall, dal 10 novembre su Netflix 22 Settembre 2021 - 9:00

Due donne - Passing è il film di Rebecca Hall tratto dal romanzo di Nella Larsen, con Tessa Thompson e Ruth Negga nel ruolo di due amiche che si ritrovano nella New York degli anni Venti, tra conflitti etnici e sociali.

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).