L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ore 15:17 – Attacco al treno, la recensione del nuovo film di Clint Eastwood

Ore 15:17 – Attacco al treno, la recensione del nuovo film di Clint Eastwood

Di Adriano Ercolani

Il cinema di Clint Eastwood sembra aver definitivamente cambiato pelle. Il precedente, riuscitissimo Sully ci aveva infatti presentato una nuova idea di messa in scena, se possibile ancora più scarna e dritta al punto di quella sviluppata dal cineasta negli ultimi trent’anni. A livello di lavoro sulle luci ad esempio, in capolavori come Mystic RiverMillion Dollar Baby o Changeling adoperate in maniera fortemente espressiva, a partire dal film con Tom Hanks si assiste a un’illuminazione totalmente realista, volta a rafforzare l’idea di verità di un lungometraggio basato su un’inchiesta e sulle ripercussioni psicologiche che essa porta al protagonista.

Il nuovo Ore 15:17 – Attacco al treno è improntato secondo le stesse direttive del lavoro precedente di Eastwood ma non ne possiede la stessa efficacia, né la coerenza estetica. Il problema maggiore sta nel fatto che l’evento principale del nuovo film, lo sventato attacco terroristico sul treno da parte dei tre ragazzi americani, si svolge nel giro di pochissimi secondi e per tutto il resto del film Eastwood tenta di raccontarci quello che ha portato questi giovani al loro atto eroico senza avere però abbastanza materiale narrativo per rendere il film compatto e coerente. Eppure Ore 15:17 – Attacco al treno sembra essere un film fortemente sentito dal cineasta, e in alcuni momenti lo si percepisce. Molti dei valori che i tre ragazzi e le loro madri posseggono sono quelli che il regista condivide da decenni, anche nei suoi film migliori: il legame di fratellanza e onore che lega i personaggi, la loro volontà di eccellere nonostante gli sforzi spesso siano castrati da un sistema castrante e svogliato – la critica alle strutture scolastiche ormai obsolete è ad esempio piuttosto evidente nei flashback sull’infanzia dei protagonisti – il diritto all’autodifesa che si accompagna alla volontà di servire e aiutare il prossimo, soprattutto in situazioni di pericolo estremo. Un altro problema del film è che l’idea di messa in scena così stringata, quasi scarna, non aiuta a “mascherare” la retorica e la voglia non troppo velatamente propagandistica del discorso di Eastwood e dei suoi protagonisti. In più di un’occasione si ha la sensazione che la volontà dell’autore di andare dritto al sodo e girare il film con mezzi e tempi ristretti lo abbia infine costretto a delle scelte estetiche in questo caso troppo limitate.

La sceneggiatura di Dorothy Blyskal, tratta dal libro scritto degli stessi tre eroi che nell’adattamento cinematografico interpretano loro stessi, non propone uno sviluppo psicologico ed emozionale dei personaggi che li porti coerentemente a compiere il gesto eroico, il quale tutto sommato alla fine rimane più sporadico che realmente frutto degli ideali dei ragazzi. Il momento migliore del film, quello in cui il cinema di Eastwood torna a essere intenso e potente, è la scena cruciale, quella della colluttazione contro Ayoub El-Khazzani tra i sedili del vagone ferroviario. Una sequenza tesissima nella sua semplicità, in cui la messa in scena torna a inchiodare lo spettatore alla poltrona.

Se Clint Eastwood ha veramente deciso di realizzare il suo cinema futuro lavorando in economia produttiva e soprattutto estetica, dovrà trovare sceneggiature in grado di sviluppare storie e caratteri più forti di quelli visti in The 3:17 to Paris (titolo originale). Altrimenti rischia di perdere il filo del suo discorso, e far arrivare al pubblico opere di presa emotiva debole e di difficile interpretazione nei messaggi che contengono. Alla prossima allora grande Clint!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love in the Villa: Tom Hopper e Kat Graham nel film Netflix ambientato a Verona 20 Settembre 2021 - 21:30

Scritto e diretto da Mark Steven Johnson, il film romantico sarà girato a Verona a partire da questo mese

His Dark Materials: Sian Clifford e Jonathan Aris nel cast della stagione 3’ 20 Settembre 2021 - 21:15

Saranno due spie dei Gallivespiani, una popolazione di minuscoli umanoidi che popolano una delle Terre del mondo di Philip Pullman

Per James DeMonaco i fan degli horror (e dalla Marvel) mantengono vivo il cinema 20 Settembre 2021 - 20:30

Secondo il creatore de La notte del giudizio James DeMonaco, i fan del genere horror, con la loro passione stanno mantenendo in vita il cinema.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).

Guida pratica al mondo di Dune 14 Settembre 2021 - 9:15

Dai film ai videogiochi, da Star Wars a Miyazaki, tutto quello che è nato dal romanzo di Dune (che nessuno voleva pubblicare).

Star Trek, i 55 anni del sogno di Gene Roddenberry 8 Settembre 2021 - 15:51

Cinquantacinque anni fa andava in onda il primo episodio di Star Trek, "la carovana del vecchio West lanciata nello spazio".