L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Mute, un barlume di purezza in questo mondo infame

Mute, un barlume di purezza in questo mondo infame

Di Lorenzo Pedrazzi

La fantascienza umanista di Duncan Jones non accetta compromessi. Moon e Source Code ne sono la dimostrazione lampante, con il loro fiero intimismo che rifiuta la tirannia dello spettacolo: l’uomo e i suoi affetti – più che gli effetti – divengono il nucleo di una narrazione centripeta, in grado di risucchiarci sempre più a fondo nell’animo e nel dramma dei protagonisti. Così facendo, il regista inglese si è imposto come uno dei maggiori esponenti della soft science fiction (almeno sul grande schermo), e Mute merita di essere considerato all’interno di un percorso che, escludendo l’inopportuna deviazione di Warcraft, si mantiene rigorosamente fedele alla linea.

Jones ci lavorava da anni, e Netflix gli ha offerto l’opportunità di produrre il film con tutta la libertà di cui aveva bisogno. Un’arma a doppio taglio, senza dubbio: Mute necessitava di maggior controllo in fase di scrittura, dove l’accumulo degli spunti narrativi rischia spesso la saturazione, eppure Jones ci regala un’opera sincera e viscerale, le cui clamorose imperfezioni scaturiscono direttamente dal cuore del cineasta. Alexander Skarsgård interpreta Leo, un barista Amish che perde la voce da bambino, quando le pale di un motoscafo gli recidono la trachea. Sua madre rifiuta l’operazione perché contraria al proprio credo, e Leo cresce muto. Trent’anni dopo, lo ritroviamo nella Berlino del futuro: serve al bancone di un locale notturno, intaglia il legno nel tempo libero e ama una collega, Naadirah (Seyneb Saleh), che lo ricambia. Lei però nasconde un segreto, e sparisce all’improvviso dopo una notte di passione. Nella sua scomparsa sono coinvolti due chirurghi americani, Cactus Bill (Paul Rudd) e Duck (Justin Theroux), implicati in un giro di prostituzione e negli affari della criminalità russa. Così, Leo si improvvisa investigatore e parte alla ricerca della sua amata.

Il valore di Mute è rintracciabile proprio nello sguardo del suo eroe silenzioso, gigante gentile che si aggira spaesato in un futuro incomprensibile, soprattutto per chi non ha la parola ed è stato cresciuto dalla cultura tecnofobica degli Amish. Se in Moon e Source Code gli snodi fantascientifici giustificavano l’esistenza stessa del conflitto, in questo caso ne rappresentano invece lo sfondo, utile per amplificare il dramma nel contrasto fra la metropoli tedesca (debitrice di Blade Runner, ma con un’atmosfera più ordinaria) e l’alienazione di Leo. Utilizzando pochi tratti, Duncan Jones riesce a trasmettere l’esigenza della sua storia d’amore con Naadirah, evocando una tenerezza che nasce proprio dal silenzio, dalla comunicazione vocalmente unidirezionale tra i due amanti. Il cineasta attinge al retaggio del noir e lo rielabora nella sua sensibilità maschile, recuperando la concezione del personaggio femminile come emblema di salvezza dalla solitudine, ma anche come figura inquieta e sfuggente che stride con la tranquillità imperturbabile del protagonista.

Certo, Jones non ha il senso della misura: eccede in deviazioni e falsi finali, complica l’intreccio e inanella troppi personaggi (ma non è una caratteristica tipica di molte detective story, da Il grande sonno a Vizio di forma?). Il punto, però, è che Mute non tradisce mai la sua natura, nemmeno quando inciampa e rischia di cadere. Resta sempre un film puro, devoto alla propria causa. Se ne frega del cinismo post-moderno, ignora il sarcasmo e la retorica anti-sentimentalista, ma culla i suoi personaggi in un abbraccio affettuoso che ha la stessa dolcezza di Leo. Jones, peraltro, è abilissimo nell’impiegare la metonimia per strutturare la sceneggiatura e le sue svolte narrative, introducendo dettagli solo apparentemente insignificanti che si rivelano fondamentali per la risoluzione della trama: in tal modo, Mute si rivela progressivamente per quello che è, ovvero un film sulla genitorialità e sui sacrifici che essa comporta.

La dedica finale chiude il cerchio, a coronamento di un’opera sì imperfetta, talvolta balbettante, ma disposta a risalire la corrente dell’indifferenza per scoprirsi calorosa, onesta, orgogliosamente emotiva. Pura, in altre parole.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RIMANERE AGGIORNATI SU MUTE

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

That ’90s Show: Tommy Chong riprenderà il ruolo di Leo 25 Maggio 2022 - 17:15

L'adorabile hippie Leo tornerà nella serie sequel di That '70s Show, che riunirà il cast originale su Netflix

Alcarràs, cronaca di una fine: la recensione del film di Carla Simón 25 Maggio 2022 - 16:30

Alcarràs di Carla Simón, trionfatore al Festival di Berlino, fotografa con precisione un grande passaggio storico: la fine del rapporto tra l'uomo e la natura.

5 cose dette da David Cronenberg a Cannes per presentare Crimes of the Future 25 Maggio 2022 - 15:49

David Cronenberg ha presentato al Festival di Cannes Crimes of the Future, la sua ultima fatica.

Cip e Ciop Agenti Speciali: i 30 cameo ed easter egg più fuori di testa 24 Maggio 2022 - 16:01

Un film d'animazione Disney in cui c'è DI TUTTO? Pronto!

Thor: Love and Thunder, il nuovo trailer spiegato a mia nonna 24 Maggio 2022 - 8:04

Gorr il Macellatore di Dei

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.