Condividi su

19 febbraio 2018 • 12:30 • Scritto da Andrea Suatoni

Marvel Cinematic Universe: La Timeline definitiva dei film e delle serie tv Marvel!

Il Marvel Cinematic Universe è sempre più vasto e complesso: con la nostra guida alla visione, la timeline del MCU non sarà più un problema!
8

Black Panther è da poco uscito nelle sale lo scorso 14 Febbraio, e con esso l’ultimo grande tassello del Marvel Cinematic Universe è stato messo al suo posto prima del super film-evento del prossimo 25 Aprile, Avengers: Infinity War.

Infinity War tirerà le fila di ben 10 anni di storie Marvel, dalla genesi di Iron Man che fece da apripista all’universo unito fino all’arrivo di Thanos, che vedrà tutti gli eroi cinematografici del MCU uniti per fronteggiarlo… O almeno nel tentativo di farlo. Dal 2008 ad ora, non solo i 18 film che abbiamo visto sul grande schermo ma anche uno svariato numero di serie televisive, webserie e corti hanno dipinto una enorme cosmologia ricchissima di personaggi e di situazioni, fra cui ricorrono spesso le misteriose sei Gemme dell’Infinito.

Abbiamo scoperto attraverso gli anni che la Gemma dello Spazio, la Gemma della Realtà, la Gemma del Potere, la Gemma della Mente e la Gemma del Tempo (manca ancora all’appello solamente la Gemma dell’Anima) sono artefatti estremamente potenti e altrettanto pericolosi, e gli Avengers ed i Guardiani della Galassia sono venuti spesso a contatto con essi… Thanos è alla ricerca delle Gemme per un suo misterioso scopo, ed in Avengers: Infinity War gli eroi della Terra (…E non solo) cercheranno di difendere il loro pianeta e l’universo intero dalla sua furia!

Per cercare di creare un quadro il più possibile chiaro e completo, abbiamo raccolto in una efficace infografica tutti i media televisivi e cinematografici attraverso i quali si è espresso il MCU, delineando una guida per seguire una perfetta timeline degli eventi: la maggior parte di ciò che le serie ed i film Marvel raccontano avviene infatti in tempo reale, più o meno nel momento storico caratterizzato dal periodo della loro uscita o messa in onda (ad esempio, Tony Stark è diventato Iron Man nel 2008, anno di uscita del primo Iron Man, mentre la tragedia di Sokovia è avvenuta nel 2015, anno di uscita di Avengers: Age of Ultron), ma spesso invece abbiamo assistito ad un’inversione di tendenza che ha scosso la timeline con rimandi, flashback e situazioni difficili da confermare esattamente nel tempo.
Grazie alla nostra redazione, questo non sarà più un problema: ecco spiegata chiaramente la Timeline Definitiva del Marvel Cinematic Universe, che spiega l’ordine temporale di tutti gli installment dell’universo unito!

Iniziamo ovviamente con Captain America: Il Primo Vendicatore, ambientato fra il 1943 ed il 1945 (dove il Tesseract, che racchiude la Gemma dello Spazio, fa il suo esordio), per poi fermarci al Marvel’s One Shot 4, Agent Carter (fra i contenuti speciali del Blu-ray di Iron Man 3), che ha luogo esattamente un anno dopo e fa da apripista alla serie che racconta le origini dello SHIELD, appunto Agent Carter, con le sue uniche due stagioni prima della chiusura dello show da parte di ABC.

In tempi più recenti, saltiamo fino al 2008 (al netto di un grandissimo numero di flashback funzionali alle storie individuali dei vari eroi, come il salto nel 1992 in Ant-Man o il passato di Jessica Jones sotto l’influenza di Killgrave nella serie Jessica Jones di Netflix) per vedere Tony Stark diventare un eroe nel primo Iron Man, al cui termine sentiamo nominare per la prima volta la parola Avengers (Vendicatori nella traduzione italiana). Segue quindi L’Incredibile Hulk con il Bruce Banner di Edward Norton (che verrà poi sostituito da Mark Ruffalo), che nella scena dopo i titoli di coda vede ricomparire Stark. A ridosso di esso abbiamo il Marvel’s One Shot 1, Il Consulente, ambientato in realtà fra la fine de L’Incredibile Hulk e la scena post-credit appena menzionata (presente nei contenuti extra del Blu-ray di Thor), con protagonisti l’agente Coulson e l’agente Sitwell dello SHIELD.
Arriviamo quindi ad Iron Man 2 e al seguente Marvel’s One Shot 2, Scena Comica nel Raggiungere il Martello di Thor, anch’esso situato temporalmente fra il termine del film e la sua scena post-credit che ci mostra per la prima volta Mjolnir, il martello di Thor (lo possiamo trovare fra i contenuti extra del Blu-ray di Captain America: Il Primo Vendicatore).
E’ poi quindi la volta del primo Thor di Kenneth Branagh, che ci presenta l’intera mitologia asgardiana per poi catapultarci in The Avengers, dove Iron Man, Captain America, Hulk, Thor, la Vedova Nera e Occhio di Falco si uniranno contro Loki e gli emissari di Thanos. Pochi giorni dopo quella che passerà alla storia come la Battaglia di New York hanno luogo gli eventi raccontati nel Marvel’s One Shot 2, Item 47 (visibile nel Blu-ray di The Avengers).

Iron Man 3 ed il successivo Marvel’s One Shot 5, All Hail the King (nel Blu-ray di Thor: The Dark World) aprono la Fase 2 del MCU, caratterizzata anche dall’arrivo della serie ABC Agents of SHIELD, che si ripropone ambiziosamente di fungere da filo d’unione fra i vari film. Nell’episodio 8 dello show osserviamo dei riferimenti a Thor: The Dark World (che ci mostra per la prima volta l’Aether, la Gemma della Realtà) nel momento in cui il protagonista Phil Coulson (sopravvissuto in segreto dopo la sua apparente – ma non troppo – morte in The Avengers) ed i suoi agenti devono fare i conti con le conseguenze della Convergenza. L’episodio 16 invece ci traghetta direttamente verso Captain America: The Winter Soldier e la caduta dello SHIELD qui raccontata. Gli ultimi episodi della prima stagione fanno quindi da epilogo al film, mostrandoci più nel dettaglio la rete di tradimenti messa in moto dall’HYDRA all’interno dello SHIELD.
Nel 2014 (esattamente 26 anni dopo il 1988, come ci viene mostrato nelle didascalie) hanno luogo le vicende di Peter Quill e dei suoi Guardiani della Galassia alle prese con la Gemma del Potere prima e con Ego poi, in quanto Guardiani della Galassia 2 è ambientato solamente pochi mesi dopo il primo.

Anche Netflix entra nel gioco con la prima stagione di Daredevil, che avanza di pari passo con la seconda stagione di Agents of SHIELD; l’episodio 19, tramite la visione di una veggente inumana, si collega direttamente ad Avengers: Age of Ultron, dove avvengono i tragici fatti di Sokovia. Gli ultimi 3 episodi della seconda stagione di Agents of SHIELD fungono anche in questo caso da epilogo alle vicende cinematografiche.
L’incontro/scontro di Scott Lang con Falcon in Ant-Man avvenuto nella nuovissima Avengers Facility ci permette di posizionare anche la pellicola sul supereroe in miniatura poco dopo la sconfitta di Ultron.

La prima stagione di Jessica Jones, la seconda di Daredevil e la terza di Agents of SHIELD iniziano più o meno tutte da questo punto (segnaliamo nell’episodio 14 di Agents of SHIELD un lieve riferimento indiretto – tramite telegiornale – a ciò che accade contemporaneamente ad Hell’s Kitchen in Daredevil), con il film Captain America: Civil War che portando nel MCU gli Accordi di Sokovia si posiziona fra gli episodi 19 e 20 di Agents of SHIELD. E’ qui che inseriamo anche Black Panther, che quindi non risulta affatto datato 2018, anno della sua uscita nelle sale: la pellicola è ambientata appena una settimana dopo l’attentato di Vienna visto in Captain America: Civil War, raccontando l’incoronazione di T’Challa dopo la morte del padre nell’atto terroristico.
In questo periodo posizioniamo anche la prima stagione di Luke Cage, avvenuta a poca distanza dalla prima di Jessica Jones, e Doctor Strange, che nelle scene iniziali (prima del suo lungo addestramento in oriente) fa un chiaro riferimento alle condizioni di War Machine dopo l’incidente avvenuto nella battaglia fra gli Avengers in Germania (si parla, appena prima dell’incidente d’auto di Strange, di una grave lesione alla spina dorsale di un colonnello dell’aeronautica 35enne avvenuta all’interno di una armatura sperimentale). Mentre Strange si recava in addestramento a Kamar-Taj, verosimilmente Spider-Man affrontava l’Avvoltoio a New York in Spider-Man: Homecoming; in realtà la timeline del film è molto ampia, iniziando dal secondo atto di Captain America: Civil War e dilungandosi poi attraverso un arco di svariati mesi.

A Doctor Strange e Spider-Man: Homecoming si affianca la quarta stagione di Agents of SHIELD, che viene spezzata fra gli episodi 8 e 9 dalla web-serie Slingshot incentrata sul personaggio di Elena Rodriguez alias Yo-Yo. E’ poi il turno di Iron Fist e quindi subito dopo di The Defenders, crossover fra tutte le serie Marvel/Netflix in cui Jessica Jones, Luke Cage, Daredevil e Danny Rand affronteranno La Mano.
Difficile recuperare riferimenti tangibili per The Inhumans, ma non impossibile: vengono menzionati gli Accordi di Sokovia e alcune battute fanno riferimenti sia a Thor che a Spider-Man. Per il resto, possiamo basarci solamente sulla data d’uscita dello show.
Inseriamo qui Thor: Ragnarok, che copre anch’esso un arco narrativo lungo alcuni mesi e che va sicuramente posizionato dopo Doctor Strange (il mago supremo del MCU è qui già il guardiano del Santuario mistico di NewYork) per arrivare, probabilmente, fin quasi al prologo di Infinity War.
The Punisher si posiziona accanto ad esso raccontandoci le vicende in solitaria di Frank Castle, dove la presenza di Karen Page ormai sola ci rimanda alla precedente – apparente – morte di Matt Murdock in The Defenders.

La vera sfida è l’incerta collocazione di The Runaways (ancora non arrivato in Italia), dove i riferimenti sono ridotti al minimo: notiamo alla tv la presenza del notiziario WHIH, un canale televisivo fittizio simile alla reale CNN che abbiamo già visto in moltissimi installment del MCU (dalle serie Netflix ad Iron Man, dove Leslie Bibbs interpreta la reporter di WHIH Christine Everhart), ed alcuni dispenser di caramelle Pez che sembrano ritrarre Iron Man, Thor e Spider-Man (che sembrano più una easter-egg che un reale riferimento, poiché è difficile credere alla commercializzazione di un prodotto basato su un nuovo super-eroe conosciuto solo a New York).

Infine, ambientata con un salto temporale nel 2091, abbiamo la quinta stagione di Agents of SHIELD, ancora in corso: probabilmente però prima o poi gli eroi dello show torneranno nel loro tempo per cambiare il futuro distopico che hanno visitato, modificando anche la timeline della nostra infografica.

La seconda stagione di Jessica Jones sarà la prossima a venire inclusa nel grande affresco del Marvel Cinematic Universe, cui poi si aggiungeranno le pellicole Avengers: Infinity War e ancora Ant-Man and The Wasp, Captain Marvel, la nuovissima serie su Cloak & Dagger e molto, molto altro, che aggiorneremo tempestivamente in questa sede!

LEGGI ANCHE:

-Black Panther: La strada per Infinity War passa per il Wakanda!

-10 cose che abbiamo imparato dal trailer di Avengers: Infinity War

-Il primo trailer di Avengers: Infinity War

-I Marvel Studios omaggiano i loro primi 10 anni con un video

-Marvel Cinematic Universe e X-Men: 5 ipotesi di crossover in continuity

-Il primo trailer di Ant-Man and The Wasp

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Condividi su

8 commenti a “Marvel Cinematic Universe: La Timeline definitiva dei film e delle serie tv Marvel!

  1. Vorrei segnalare un errore. L’incidente con l’armatura sperimentale non è quello di warmachine ma quello che si vede in ironman2. Delle Hammer industries. Non si diventa stregone supremo in pochi mesi 😉

  2. In effetti Stephen Strange non è ancora lo Stregone Supremo: è evidente come al termine del film sia ancora inesperto. Il suo apprendistato on screen è durato circa 6 mesi, per poi maturare off screen l’esperienza che gli vediamo sfoggiare in Thor: Ragnarok.
    L’incidente in Iron Man 2 capita ad un semplice pilota, non ad un colonnello quale invece è James Rhodes (e al cui grado si fa esplicito riferimento nel film).

  3. Col senno di poi, mi sa che hanno sbagliato a voler collegare per forza le serie televisive, con quelle cinematografiche. Avrebbero dovuto fare come la DC. Non collegarle. Per me sono inutile, le ho guardate per vedere i collegamenti fra cinema e tv e ci sono solo piccolissimi riferimenti. Neanche un personaggio cinematografico appare nelle serie televisive. Sono inutile. Non modificano niente di tutto questo universo, perché poi al cinema, nessuno parla di questi personaggi.

  4. “SPIDER-MAN HA DETTO: Col senno di poi, mi sa che hanno sbagliato a voler collegare per forza le serie televisive, con quelle cinematografiche. Avrebbero dovuto fare come la DC. Non collegarle.” e ottenere incassi penosi al botteghino e milioni di fan disgustati dallo scempio fatto dei loro beniamini. Grazie al cielo non fai lo show runner!”

    “SPIDER-MAN HA DETTO: le ho guardate per vedere i collegamenti fra cinema e tv e ci sono solo piccolissimi riferimenti. Neanche un personaggio cinematografico appare nelle serie televisive.” Non le hai guardate proprio bene: Phil Coulson (comparso in 5 film) è protagonista di Agents of SHIELD; Peggy Carter (comparsa in Captain America: The First Avengers) è protagonista della serie Agent Carter, con una buona spalla in Howard Stark (citato in vari film e comparso insieme a Peggy nello stesso film). Poi abbiamo vari personaggi secondari quali Sif (comparsa per la prima volta in Thor) che compare in un breve arco narrativo di Agents of SHIELD, così come Nick Fury e Maria Hill che spesso tornano nella serie. Ci sono poi gli Howling Commandos che compaiono anche in Agent Carter. Ovviamente non mancano le organizzazioni (SHIELD, HYDRA, Stark Industries,…) e altri personaggi terziari.

    “SPIDER-MAN HA DETTO: Sono inutile.” Suvvia! Non essere così duro con te stesso! Poco attento magari… ma inutile no!

  5. Segnalazione errore: gli eventi narrati nel One-shot Agent Carter, seppur pubblicati prima, sono la conclusione dell’omonima serie tv, non la prefazione. Infatti la serie narra la frustrante vita lavorativa di Peggy nel SSR mentre nel one-shot riceve la chiamata di Howard Stark che gli chiede di lasciare la SSR ed entrare nello SHIELD appena fondato.

  6. Non si tratta di un errore: gli Eventi nel One-Shot: Agente Carter sono precedenti, come abbiamo riportato. Lo dice chiaramente la didascalia all’inizio del corto, che lo data esattamente un anno dopo la morte di Captain America (avvenuta nel 1945), quindi nel 1946.
    Le due stagioni di Agent Carter coprono invece gli anni dal 1946 al 1947, sono quindi posteriori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *