L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Annientamento, la recensione: ecco come dovrebbe essere la fantascienza!

Annientamento, la recensione: ecco come dovrebbe essere la fantascienza!

Di Adriano Ercolani

Ecco come dovrebbe essere la fantascienza al cinema! Dopo l’exploit di Ex Machina, per cui ha ottenuto al candidatura all’Oscar per la miglior sceneggiatura originale, Alex Garland porta sul grande schermo l’adattamento del romanzo omonimo di Jeff VanderMeer. E riesce a realizzare uno dei film più disturbanti e ipnotici da tanto, tanto tempo a questa parte.

La storia di Annientamento (Annihilation, 2018) è perfetta per farsi contenitore di tematiche e suggestioni capaci di arrivare in profondità nello spettatore: dopo che molte spedizioni sono scomparse senza lasciar traccia un gruppo scelto di cinque donne – ognuna con storie e competenze differenti – si inoltra in una zona di terra entrata sotto l’effetto di un’entità aliena precipitata sulla terra dentro un meteorite. All’interno di quest’area le protagoniste assisteranno a dei mutamenti nella natura circostante, ma anche nell’anima delle persone, che metterà in grave pericolo la vita di ognuna. Tra loro c’è Lena, biologa il cui marito militare era nell’ultima spedizione…

Usando tre piani temporali distinti che si intersecano però a creare un filo emotivo e narrativo saldo, Garland sceglie il modo migliore per tradurre questo tipo di fantascienza in immagini. Annientamento infatti punta sulla semplicità della visione, su una distorsione appena percettibile della realtà come da noi percepita, e ciò rende tale scarto ancora più inquietante. Ci sono almeno due o tre momenti nel film in cui le mutazioni a cui le cinque protagoniste assistono riescono a disturbare seriamente lo spettatore, a inculcargli oltre la tensione della scena anche quegli interrogativi filosofici che sono poi alla base dell’angoscia stessa prodotta da questo genere cinematografico. Garland non cerca l’eleganza, non vuole ingraziarsi il pubblico con gli effetti speciali o l’azione. Al contrario preferisce che siano i personaggi e le loro tensioni interne a irretire. Il rapporto tra Lena e suo marito Kane (splendidamente tratteggiati da Natalie Portman e Oscar Isaac) scandisce l’ossatura emotiva del film, il quale però sfrutta al meglio anche i rapporti tra le donne. In questo film tutto o quasi al femminile il regista riesce, in un crescendo drammatico che porta a un climax di enorme potenza espressiva, a indagare temi portanti come l’identità, la dualità della natura umana, il rapporto tra individuo e l’ambiente. Annihilation non è un film dal messaggio preconfezionato o dalla retorica esposta. Retorica in questo magnifico prodotto proprio non ce n’è. Ci sono invece domande, suggestioni, paure che riguardano il nostro oggi e molto probabilmente il nostro domani. La fantascienza, quella nichilista che lavora con l’utopia negativa per scandagliare le contraddizioni del nostro presente, ha trovato con il film di Alex Garland un altro, ammirevole tassello.

Complimenti dunque a Netflix per esserci aggiudicato la distribuzione di Annientamento in molti Paesi del circuito internazionale, Italia compresa. Noi negli Stati Uniti abbiamo visto il film al cinema, su uno schermo capace di amplificare la visione di Garland e soprattutto le suggestione in essa contenute. A nostro avviso fa (ancora) tutta la differenza del mondo…

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Neil Patrick Harris sarà in Matrix 4 16 Ottobre 2019 - 0:21

Nel cast già confermati Keanu Reeves, Carrie-Anne Moss, Yahya Abdul-Mateen II.

Heather Graham nella serie tratta da L’ombra dello scorpione 15 Ottobre 2019 - 23:44

CBS All Access produrrà l'adattamento dal capolavoro di Stephen King.

Amanda Seyfried e Lily Collins in Mank, il dramma in bianco e nero di David Fincher 15 Ottobre 2019 - 22:59

Charles Dance, Amanda Seyfried e Lily Collins nel cast di Mank, la pellicola biografica in bianco e nero diretta da David Fincher

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.

StreamWeek: le ultime miglia di Jesse Pinkman in El Camino 14 Ottobre 2019 - 13:07

El Camino, The Front Runner, Bohemian Rhapsody, Shazam e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

Mortal Kombat, il film (FantaDoc) 10 Ottobre 2019 - 13:45

Quella volta in cui Mortal Kombat ha stracciato Street Fighter grazie alla generosità di Christopher Lambert...