L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Molly’s Game: una Jessica Chastain da Oscar per l’esordio alla regia di Aaron Sorkin, la recensione

Molly’s Game: una Jessica Chastain da Oscar per l’esordio alla regia di Aaron Sorkin, la recensione

Di Adriano Ercolani

Aaron Sorkin è uno dei più grandi sceneggiatori del cinema americano contemporaneo, se non addirittura il più grande. Fin dagli anni ’90, quando esplose con un film memorabile quale Codice d’onore, ha iniziato ad affinare uno stile di scrittura personalissimo, fatto di dialoghi brillanti e ritmo del discorso sincopato, alla maniera delle grandi commedie sofisticate degli anni ’40, ovviamente riproposte attraverso tematiche e psicologie contemporanee. Questo processo di scrittura ha portato a script folgoranti come Il presidente – Una storia d’amore, The Social Network, La guerra di Charlie Wilson o il più recente Steve Jobs.

Il suo esordio alla regia Molly’s Game, storia vera della donna che per anni gestì a Los Angeles e New York un circolo esclusivo e segreto di poker, possiede ovviamente lo stesso marchio di fabbrica, lo stesso stile di narrazione elegante e “alto”, anche se molto meno ostentato rispetto ad esempio ad alcune delle sue ultime produzioni (ci riferiamo soprattutto alla serie The Newsroom, realizzata qualche anno fa per HBO). La parte migliore del film infatti sono i duetti a colpi di battute taglienti tra la protagonista Jessica Chastain e il suo avvocato Idris Elba. Gli attori riescono soprattutto con la loro presenza scenica a impreziosire quelle che solitamente sarebbero considerate semplici scene di raccordo, mentre in Molly’s Game rappresentano veri e propri scontri ideologici tra i due personaggi.

Un’altra costante delle storie di Sorkin è la descrizione dei rapporti tra genitori e figli, quasi sempre problematici. Non fa eccezione questo film, con Kevin Costner che interpreta magistralmente il padre di Molly Bloom, uno psicologo di successo che ha costretto la figlia a un’infanzia votata alla disciplina sportiva e la rigore dell’addestramento, minandone le sicurezze e costringendola in qualche modo alla ribellione. Nel cuore infatti Molly’s Game è un film che racconta gli errori che ognuno di noi può fare nel cercare di capire qual è il suo posto nel mondo. La delineazione della psicologia della figura principale, forte ed ambiziosa quando raggiunge una posizione di potere dovuta al suo gioco ma sempre emotivamente fragile e insicura, è decisamente convincente, e si discosta con finezza introspettiva rispetto al ritratto solitamente stereotipato di questo tipo di ritratti femminili.

A livello di scrittura Sorkin si rivela come sempre magistrale, e molte parti del film si imprimono nella mente dello spettatore anche solo per la bellezza dei dialoghi. A livello di regia invece l’autore dimostra qualche incertezza dovuta evidentemente alla voglia di strafare, di sottolineare a livello visivo i momenti più drammatici del film. Sorkin non riesce sempre a limare con il montaggio e la music alcuni momenti che nel film sarebbero dovuti essere più contenuti nel tono, ma questo non inficia più di tanto la riuscita del suo film, comunque solido e fluido nel racconto. A sostenerlo con la sua avvenenza ma soprattutto bravura d’attrice è una Jessica Chastain in forma come non la ammiravamo da qualche tempo.

L’attrice candidata all’Oscar per The Help e Zero Dark Thirty potrebbe ottenere con la sua interpretazione di Molly Bloom la sua terza nomination, e non sarebbe di certo immeritata. È lei il cuore pulsante del film, attorno al quale ruotano in maniera efficace i già citati Elba e Costner e un Michael Cera che ritroviamo con piacere. Tutti insieme regalano carisma e profondità alla sceneggiatura di Aaron Sorkin, per comporre un puzzle cinematografico di psicologie sfaccettate e per nulla scontate. Un film dunque imperfetto ma senz’altro da vedere.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Andor: nuovi dettagli sulla serie di Star Wars, ecco una nuova immagine 4 Luglio 2022 - 20:30

Tony Gilroy parla di Andor, la serie dedicata al personaggio interpretato da Diego Luna in Rogue One: A Star Wars Story.

Stranger Things 5: quando inizieranno i lavori? Rispondono i fratelli Duffer 4 Luglio 2022 - 19:45

La produzione dell'ultima stagione di Stranger Things non è ancora iniziata, la stanza degli sceneggiatori inizierà a lavorare a breve

Clerks III: Kevin Smith pubblica il poster ufficiale in attesa del trailer 4 Luglio 2022 - 19:00

I protagonisti di Clerks ritratti davanti al celebre mini-market Quick Stop, nel poster del terzo capitolo della saga

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.

Guida pratica alle serie Marvel ex Netflix (ora su Disney+) 30 Giugno 2022 - 9:01

Daredevil, Jessica Jones e le altre: cosa recuperare delle serie Marvel un tempo di Netflix, ora che sono disponibili su Disney+.