L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Insidious: L’ultima chiave – Un nuovo, prezioso tassello delle avventure della sensitiva Elise, la recensione

Insidious: L’ultima chiave – Un nuovo, prezioso tassello delle avventure della sensitiva Elise, la recensione

Di Adriano Ercolani

Se ce ne fosse ancora bisogno, ecco arrivare l’ennesimo esempio che Jason Blum e la sua società di produzione sono il meccanismo industriale che oggi a Hollywood funziona meglio. Soprattutto perché riescono a non ripetersi mai pur rimanendo sempre fedeli allo spirito e alla visione del loro modo di fare cinema. Il quarto episodio del fortunato franchise iniziato nel 2010 dalla coppia James Wan/Leigh Whannel (sceneggiatore e attore) si propone come nuovo, prezioso tassello delle avventure della sensitiva Elise Rainier, in quanto ripropone le coordinate estetiche e narrative dei precedenti capitoli ma ne approfondisce alcune tematiche con sorprendente profondità, considerato comunque che si tratta di un prodotto dal genere ben definito.

Diretto da Adam Robitel, Insidious: L’ultima chiave affronta infatti in maniera a tratti toccante un orrore molto più spaventoso e purtroppo reale, quello che avviene dietro le mura domestiche. Nell’esplorare attraverso i flashback il passato doloroso della giovane Elise, il film aggiunge alla confezione del prodotto inteso a spaventare un tono malinconico che risulta a tutti gli effetti la parte migliore dell’intera operazione, soprattutto quando nel finale si riallaccia alla trama per chiudere il cerchio della storia. Senza voler ovviamente arrivare a scrivere che Insidious: L’ultima chiave è un film che contiene tematiche sociali al proprio interno, rimane comunque il fatto che il suo affrontare la piaga della violenza domestica di cui spesso i figli sono loro malgrado vittime indifese è un qualcosa che impreziosisce il prodotto rendendolo più coinvolgente dei precedenti.

Lin Shaye si dimostra ancora una volta molto efficace nel dare volto e saggezza a Elise, l’anima pura della saga di Insidious. L’attrice è come sempre affiancata dai fedeli Leigh Whannell e Angus Sampson che contribuiscono ad alleggerire il tono del lungometraggio con i loro intermezzi comici/geek. Alla fine ciò che viene fuori dalla mescolanza di tutti questi elementi è un qualcosa di spurio ed affascinante, come del resto è sempre stata questa saga nella sua anima. Horror prima di tutto, certo, ma sempre con venature più leggere e un gusto per il kitsch che colora l’operazione di una sua particolare bizzarria. In più, la trama principale potrebbe aver aperto la porta in maniera piuttosto originale a una nuova serie si spin-off che eventualmente ne ringiovaniranno personaggi principali e avventure.

Che altro aggiungere su Insidious: L’ultima chiave? La sua forza primaria sta nell’essere esattamente il prodotto che il pubblico si aspetta e insieme un qualcosa di leggermente diverso, una variazione intelligente che contiene una sua originalità dentro il sistema estetico e narrativo predefinito. Insomma, una produzione perfettamente in linea con la politica della Blumhouse, e questo sembra ormai essere un marchio di fabbrica che, quando si tratta di horror, davvero non tradisce mai.

Se i film Horror sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno segui la pagina Facebook Noi fan dell’Horror, costantemente aggiornato con tutte le novità legate all’universo dei brividi, e iscriviti al nostro gruppo dedicato a tutti fan dell’Horror!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Batman – La serie non sarà Gotham Central, ma uno spin-off su Gordon 18 Aprile 2021 - 19:00

Ed Brubaker rivela che l'annunciata serie per HBO Max, spin-off di The Batman, non sarà un adattamento di Gotham Central, ma avrà James Gordon come protagonista.

Zack Snyder’s Justice League – Ecco il concept art di Kilowog 18 Aprile 2021 - 18:00

Jerad S. Marantz ha svelato il suo concept art per Kilowog in Zack Snyder's Justice League, dove la Lanterna Verde appare in un cameo.

Shang-Chi – La pagina Twitter è stata aggiornata, i fan sperano nel trailer 18 Aprile 2021 - 17:00

Il profilo Twitter di Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings è stata aggiornata, e i fan sperano che la Marvel sveli il primo trailer.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.