L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Cloverfield Station – Daniel Brühl conferma che il film sarà ambientato nello spazio

Cloverfield Station – Daniel Brühl conferma che il film sarà ambientato nello spazio

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: La campagna promozionale del nuovo Cloverfield parte da un misterioso messaggio

Com’è sua abitudine, Bad Robot ha immerso il terzo film del Cloverfield Universe in un clima di mistero, al punto che non sappiamo nemmeno quale sia il titolo: noto precedentemente come God Particle, pare che sia stato ribattezzato Cloverfield Station, almeno stando ad alcuni rumor dei giorni scorsi. L’uscita è comunque prevista per il 20 aprile, quindi possiamo aspettarci che i primi materiali ufficiali arrivino nelle prossime settimane.

Nel frattempo, però, ci pensa uno degli attori ad aprire uno spiraglio in questo velo di segretezza. Daniel Brühl ha infatti confermato a Collider che il film sarà ambientato nello spazio, rivelando di aver svolto alcune ricerche presso la UCLA per prepararsi al suo ruolo di astronauta:

Sono andato alla UCLA e ho incontrato alcuni studenti e scienziati molto brillanti. Ho capito alla lontana solo il 2% delle informazioni che mi hanno dato. [Il film] è basato su alcune idee molto interessanti circa il futuro prossimo, che è una visione interessante di ciò che potrebbe accadere alla Terra. Ho un po’ di paura a parlarne perché il progetto è altamente riservato. Temo di finire in una prigione della Bad Robot.

L’attore di Rush e Bastardi senza gloria ha speso parole di elogio nei confronti del franchise e del produttore J.J. Abrams:

Ero consapevole dei film precedenti, e volevo entrare in quell’universo che hanno creato. J.J. Abrams è davvero un maestro nel genere. Ero molto attratto dall’idea di lavorare con tutti quegli attori meravigliosi. Ho sempre voluto fare un film ambientato nello spazio, quindi non vedevo l’ora di fluttuare in assenza di gravità e risolvere grossi problemi.

Cloverfield Station – ammesso che sia questo il titolo – è un progetto molto intrigante, al punto da guadagnarsi una posizione rispettabile nella nostra lista dei film di fantascienza più attesi del 2018. Questo ambizioso sci-fi a basso budget si svolge in un prossimo futuro: durante una missione, l’equipaggio di una stazione spaziale fa una scoperta terrificante che costringe gli astronauti a lottare per la sopravvivenza e a rimettere in discussione tutte le loro conoscenze sul tessuto della realtà. Pare che tale scoperta coinvolga la sparizione della Terra in seguito a un incidente con l’acceleratore di particelle, ma la situazione diventa ancora più strana quando l’equipaggio capta il segnale di un’altra stazione spaziale nelle vicinanze. Ma quali sono i suoi legami con Cloverfield?

Ebbene, è noto che la Bad Robot, invece di produrre dei sequel diretti del suo celebre monster movie, ha optato per la realizzazione di capitoli “collaterali” come 10 Cloverfield Lane, definito un “successore spirituale” del primo film. In questo modo, lo studio intende costruire una sorta di Cloverfield Universe: non necessariamente un universo condiviso, ma un marchio comune in cui raggruppare una serie di film autonomi, come se fosse la versione cinematografica di Ai confini della realtà; l’obiettivo è lanciare un film all’anno, con riferimenti incrociati al loro interno (i fan sanno bene che in 10 Cloverfield Lane c’erano alcuni easter egg legati a Cloverfield).

Bad_Robot_progetto misterioso abrams

LEGGI ANCHE: La recensione di 10 Cloverfield Lane

Il cast è composto da David Oyelowo (Selma, A Most Violent Year, Interstellar), Gugu Mbatha-Raw (Beyond the Lights, Jupiter Ascending, Concussion), John Krasinski (The Office, American Life, 13 Hours), Daniel Brühl (Rush, Bastardi senza gloria, Captain America: Civil War) Chris O’Dowd (em>Star System, I Love Radio Rock, Il segreto di Vera Drake, Thor: The Dark World) e Ziyi Zhang (La tigre e il dragone, Hero, 2046, La foresta dei pugnali volanti, Memorie di una geisha, The Grandmaster).

La regia di God Particle è stata affidata a Julius Onah, cineasta nigeriano (ma cresciuto negli Stati Uniti) che ha diretto il thriller The Girl Is in Trouble. La sceneggiatura è opera di Oren Uziel (Mortal Kombat, 22 Jump Street, Scherzi della natura, Men in Black 4). L’uscita americana è fissata al 27 febbraio 2017.

Fonte: Heroic Hollywood

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

CLICCATE SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI GOD PARTICLE!


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

47 Ronin – Aimee Garcia e AJ Mendez scriveranno il seguito 21 Aprile 2021 - 15:22

Aimee Garcia e AJ Mendez scriveranno il seguito di 47 Ronin, una storia moderna e multiculturale con delle potenti protagonisti femminili

Come partecipare ad un Video Party di Twitch 21 Aprile 2021 - 15:21

Con i video party, le community di Twitch possono incontrarsi direttamente su Twitch per guardare i film e le serie TV. Ecco come partecipare.

Stranger Things: la stagione 4 nel 2022, secondo Finn Wolfhard 21 Aprile 2021 - 15:00

Non dovrebbero arrivare prima dell'anno prossimo i nuovi episodi; ma questo cosa comporta per la timeline della serie?

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.