L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Black Lightning, un super-eroe incavolato nero

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Black Lightning, un super-eroe incavolato nero

Di DocManhattan

Luke Cage non è l’unico super-eroe di colore a spasso per la TV, rispettato dalla gente del suo quartiere ma non amatissimo dalle forze dell’ordine. Ora c’è il decisamente più appariscente Black Lightning ad affrontare il razzismo e le gang della solita città immaginaria del DC Universe. Facendo il preside e rifilando ripigli a chi fuma nei bagni. In effetti no, non è esattamente così, ma questa storia del super-eroe preside ti sta mandando fuori di testa: lo sanno tutti che i presidi sono persone naturalmente propense ad essere malvagie. Ma comunque: Black Lightning è l’ennesima serie prodotta dal canale CW e ispirata a un super-eroe DC. Fa quindi parte dell’Arrowverso, come SupergirlThe FlashArrow e Legends of Tomorrow? No. Almeno per il momento, no. Perché? Perché non è stato facile per Black Lightning trovare casa.

Il pilota di Black Lightning è stato infatti rimbalzato da Fox due anni fa e la serie è approdata solo in seguito sulla spiaggia di CW, dove ha debuttato la settimana scorsa. Da ieri il primo episodio è disponibile da noi su Netflix. Malati del binge watching alert: si viaggia in differita solo di qualche giorno rispetto agli USA, il che vale a dire una puntata a settimana. La storia ruota attorno alla figura di un ex super-eroe che ha appeso da molti anni la tutina (orribile) al chiodo. Jefferson Pierce (il Cress Williams di Prison Break) ha smesso di essere un vigilante e si è messo a fare il preside a tempo pieno, cercando di salvare in un altro modo i ragazzi di colore di un quartiere difficile in una città molto difficile, dove imperversa una gang dal grilletto facilissimo. Nasce preside ed ex eroe, Fulmine Nero, anche nei fumetti e proprio sulla scia di Luke Cage, creato nel ’77 da un ex sceneggiatore dell’eroe antiproiettili Marvel. Primo super-eroe di colore protagonista di una sua testata per la DC.

E di colore è praticamente il 99% del cast della serie, perché il tema delle tensioni razziali è al contempo l’elemento caratterizzante della trama e la molla che spingerà Pierce a tornare in azione. Nella fittizia Freeland, se sei un nero, è facile che la polizia ti sbatta sul cofano della volante sotto la pioggia giusto perché stanno cercando un rapinatore nero, anche se non corrispondi minimamente al profilo del ricercato. A Freeland l’ispettore capo è un uomo di colore amico di Pierce, ma sa benissimo che gli agenti della città non usano i guanti bianchi con i non caucasici. La città è finta, insomma, il tema è vero, delicato e purtroppo sempre attuale, anche se spinto al punto di sforare in discussioni un po’ buttate lì sul festival di Afropunk che è migliore del celebre e troppo bianco Coachella o da citare a memoria, pronti via, attivisti neri come King e Fannie Lou Hamer. Anche il villain della serie è nero pur non sembrandolo: è il rapper albino Krondon.

E pur non inventando assolutamente niente, fintanto che resta lì, la storia dell’ex eroe sembra funzionare. I flashback non sono molesti come in tante altre serie CW (per curarmi da quelli ambientati sull’isola e introdotti dal suono della sgommata in Arrow, sono finito in analisi) e questa figura imponente e leggermente ingobbita di un padre di famiglia che cerca di salvare il suo quartiere in giacca e cravatta fa tenerezza. Per quanto possa fare tenerezza un omone di un metro e novanta da almeno cento chili. È sul finale, quando l’ex eroe torna ad essere un vigilante sparafulmini (spietato con il crimine come neanche il Vito Catozzo di Faletti) che partono un po’ di Vabbè, accompagnati da una parata di sopracciglia inarcate.

Perché? Mah, perché fa un effetto un po’ strano. È chiaro, è una serie su un’eroe in tutina, arriva l’eroe in tutina, che altro? Con uno dei Guerrieri della Notte (il sempre ubiquo James Remar) a fargli da sarto personale/Alfred/Lucius Fox/zia. Ma a) quella tutina con le lucette sembra rubata dall’armadio del Max Steel dei cartoni, e a video rende molto peggio che nei poster promozionali b) ci si tuffa subito a braccia aperte, senza neanche rallentare, nel paradosso Clark Kent, per cui bastano un paio di occhialini scuri per non essere riconosciuti da tizi con cui hai discusso il giorno prima, e c) ti chiedi se sia proprio consono per un eroe seminare più o meno indirettamente cadaveri a mucchi. Poi ti ricordi del Batman di Snyder che purché fa esplodere gli altri indirettamente, con le smitragliate della Batmobile, è ok. E allora va bene tutto. Cioè, forse. Ma soprattutto d), Williams in costume è ancora più ingobbito. D’altronde ha quasi cinquant’anni, due figlie grandi e problematiche e un mutuo ancora da pagare. Lo fai facile il supertipo giovane e atletico se sei un giovanotto col ciuffo come Flash.

Il cliffhanger familiare a fine episodio (altro super-eroe DC in arrivo, #nientedimeno) e il cattivo cattivo rapper basteranno a tenere vivo l’interesse del pubblico? Lo vedremo. Ma almeno è una serie molto diversa dal resto dell’offerta CW popolata da ragazzi in costume, e non solo per le primavere sul groppone del protagonista. Per ora, nonostante il grande sforzo che richiede veder sgambettare un omone con le lucette addosso in quella corsetta sulla scala del motel ridicola, è guardabile. Non sarà il primo Daredevil Netflix (ma non lo è quasi niente, della supercumpa in TV. Neanche il secondo Daredevil Netflix), ma grazie al cielo non è nemmeno Iron Fist. Hai detto niente.

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, non perderti #BingeLove, la sketch comedy targata ScreenWEEK.it, e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Palm Springs alla Festa del Cinema di Roma 27 Settembre 2020 - 12:12

Palm Springs, l'opera prima di Max Barbakow, verrà presentata alla Festa del Cinema di Roma

Road of the Dead: la zombie-saga di Romero potrebbe risorgere con uno spin-off 27 Settembre 2020 - 12:00

Il regista e sceneggiatore Matt Birman ha scritto il sequel cronologico de La terra dei morti viventi, e giura che si farà

Supernatural: un nuovo trailer in attesa degli ultimi episodi 27 Settembre 2020 - 11:00

Si avvicina la fine di Supernatural, per ingannare l'attesa ecco un nuovo trailer. Come sappiamo, gli ultimi episodi della serie verranno trasmessi negli Stati Uniti a partire dal prossimo 8 ottobre.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.