L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Disaster Artist: il film più brutto di tutti i tempi secondo James Franco, la recensione

The Disaster Artist: il film più brutto di tutti i tempi secondo James Franco, la recensione

Di Redazione SW

Recensione a cura di Adriano Ercolani

Prima del pessimismo post undici settembre, prima che Hollywood diventasse un meccanismo industriale basato esclusivamente sul guadagno dei cinecomic o dei franchise stracolmi di effetti speciali, Los Angeles era un posto in cui anche uno squinternato senza il men che minimo talento poteva realizzare il suo film. La Città degli Angeli era ancora una terra promessa capace di offrire opportunità ai poveri diavoli venuti a cercar fortuna. Anzi, meglio: poteva ancora offrire loro una visione. Certo, se poi quella di Tommy Wiseau era talmente orribile da diventare il peggior lungometraggio della storia del cinema, The Room, ecco che allora la fondazione di quello stesso sogno può essere rovesciata in chiave quasi parodistica.

È quello che ha fatto James Franco con il suo nuovo The Disaster Artist, storia di come venne realizzato quel film senza senso. Rispetto alla parte comico-grottesca della storia, che risulta comunque efficace pur senza brillare per trovate o situazioni originali, il film funziona principalmente come ritratto del momento storico e sociale di una città. Quello che si respira in The Disaster Artist è lo spirito d’iniziativa, la voglia di tentare, il coraggio di gettarsi a capofitto in un progetto anche senza saper neppure lontanamente come portarlo a termine. Alla fine Tommy e il suo miglior amico Frank rappresentano una variante incredibilmente sciocca del self-made man americano, eppure possono essere inseriti nella stessa categoria di coraggiosi sognatori in cui sono contenuti tanti eroi del cinema a stelle e strisce. È una questione di abilità, non di natura umana, sembra volerci ricordare Franco con il suo lavoro.

Favola su un tempo forse definitivamente passato in cui fare film era visto come un’impresa alla portata dei tenaci – processo che deve essere distinto da quello di oggi, dove si può “fare cinema” con il proprio iPhone – The Disaster Artist ha il suo maggior punto di forza in quelli che in altre produzioni sarebbero forse considerati difetti. Come il film che mette in scena infatti anche l’opera di Franco vaga senza una meta narrativa forte, segue le suggestioni della follia creativa (parola forte…) di Wiseau assecondandole attraverso una canovaccio prestabilito che sembra lasciare la porta costantemente aperta a divagazioni dissennate. Ci si può facilmente perdere in The Disaster Artist se si cerca a tutti i costi un senso: meglio lasciarsi trasportare dalla soave astrusità di Tommy e della sua crew. James Franco interpreta il protagonista con più che discreta aderenza mimica, coadiuvato da suo fratello Dave con cui forma una coppia decisamente affiatata. Nei pochi momenti in cui è in scena Seth Rogen riesce a conquistare il sorriso grazie al suo tono incredulo e spassoso. Il resto del cast di comprimari è funzionale e divertito almeno quanto gli attori principali. E il cammeo di Bryan Cranston pre-Breaking Bad, quando interpretava il papà gioviale in Malcolm in the Middle, è semplicemente da antologia.

The Disaster Artist non si prende sul serio, non pretende di essere rigidamente costruito, e proprio per questo nella sua libertà quasi raffazzonata ci ricorda che fino alla fine degli anni ‘90 fare cinema poteva essere (anche) una questione di spudorata, gioiosa, squinternata incapacità.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Dune: l’uscita in contemporanea su HBO Max salterà? 18 Maggio 2021 - 11:45

La nuova situazione fluida di WarnerMedia, ceduta a Discovery, potrebbe rimescolare le carte per il prossimo futuro

Attack the Block: il sequel si farà, confermato il ritorno di John Boyega e Joe Cornish 18 Maggio 2021 - 10:56

In arrivo un sequel di Attack the Block – Invasione Aliena, il thriller fantascientifico scritto e diretto da Joe Cornish che ha lanciato la carriera di John Boyega.

The Lost Symbol – Trailer ufficiale per la serie tratta da Dan Brown 18 Maggio 2021 - 10:00

È disponibile il trailer ufficiale di The Lost Symbol, serie Peacock basata sul romanzo di Dan Brown, con Ashley Zuckerman nel ruolo di un giovane Robert Langsdon.

M.O.D.O.K., la recensione del primo episodio 17 Maggio 2021 - 10:23

Abbiamo visto in anteprima il nuovo, divertente show animato Marvel, dedicato al quel capoccione di M.O.D.O.K.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.