L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La Storia dietro un Frame: L’Impero Colpisce Ancora e il “Puliscitavoli Tunisino”

La Storia dietro un Frame: L’Impero Colpisce Ancora e il “Puliscitavoli Tunisino”

Di Filippo Magnifico

LEGGI ANCHE: La Storia dietro un Frame: Nightmare e la guerra segreta tra Wes Craven e Sam Raimi

I set dei film sono pieni di aneddoti più o meno interessanti. Alcuni sono noti, altri meno. Partendo da un frame, da una semplice immagine, si possono scoprire storie interessantissime, in alcuni casi straordinarie. Questo perché dietro il semplice fotogramma di una pellicola si può nascondere un mondo. È questo il caso de L’Impero Colpisce Ancora e del “Puliscitavoli Tunisino”.

Star Wars: Gli Ultimi Jedi ha finalmente fatto il suo ingresso nelle sale italiane e per l’occasione abbiamo deciso di dedicare il nuovo appuntamento della nostra rubrica alla saga più famosa del mondo, creata da George Lucas negli anni ’70. Siamo banali? Forse, ma questa, che vi piaccia o meno, è la settimana di Star Wars ed era praticamente impossibile non parlarne. Quindi torniamo indietro nel tempo, nel 1980, anno in cui L’Impero colpisce ancora – il secondo film in ordine di produzione ma quinto in ordine di cronologia interna della serie – fa il suo ingresso in sala.

La storia la conosciamo tutti ma cerchiamo almeno di ambientarci: il primo Star Wars è diventato un incredibile successo, al di là di ogni aspettativa. Un secondo capitolo è praticamente scontato e George Lucas lo sa bene. Colta la palla al balzo, si tuffa nella produzione ma a questo giro le responsabilità sono così tante che decide di non dirigere personalmente il film, affidando la regia a Irvin Kershner. Il risultato? Il migliore capitolo della saga, sia messo a verbale. La critica al tempo non lo capisce ma qualche anno dopo siamo qui, pronti a dirlo con un coro unanime.

In questo episodio vengono introdotti nuovi personaggi, tra cui Lando Calrissian, interpretato da Billy Dee Williams, vecchio amico di Han Solo e precedente proprietario del Millenium Falcon. La scena su cui vogliamo soffermarci è ambientata a Cloud City, dove Han ritrova il suo amico accompagnato da Leia Organa e Chewbecca. Il Falcon atterra e i nostri eroi sono un bel po’ allegri. Ecco, qui scatta il fermo immagine. Abbiamo il nostro frame e, come al solito, dobbiamo tornare indietro nel tempo, di nuovo. È la notte prima delle riprese della scena in questione, Carrie Fisher e Harrison Ford sono giovani star e sono anche un bel po’ pazzerelli.

Ma più pazzerello di loro è Eric Idle dei Monty Python, proprietario della casa occupata dalla Fisher durante le riprese de L’Impero colpisce ancora. In quel periodo Idle sta girando con il resto del gruppo quel piccolo gioiellino conosciuto con il nome di Brian di Nazareth, è appena tornato dalla Tunisia e ha organizzato una festicciola tra amici che comprende i tipici vicini della porta accanto, come i Rolling Stones. Al party sono invitati anche Carrie Fisher e Harrison Ford, che hanno così l’occasione di provare il drink della casa: un liquore talmente potente che è stato soprannominato il “puliscitavoli tunisino“. Un bicchiere, una chiacchierata con Mick Jagger, un altro bicchiere, una battutina con Eric Idle e così via. Carrie Fisher e Harrison Ford si presentano sul set la mattina successiva senza aver dormito, visibilmente brilli e la loro felicità, frutto di una notte brava, è rimasta lì, sulla pellicola. La cosa è stata confermata dalla stessa Fisher sulle pagine virtuali di Newsweek:

In quel periodo abitavo nella casa di città di Eric Idle in St. John’s Wood – vicino a St. John’s Wort, solo più deprimente – ed Eric era appena tornato dopo le riprese di Brian di Nazareth in Tunisia. Aveva portato questo drink che, stando a quanto dichiarato da lui, veniva rifilato alle comparse per farle lavorare meglio. Lo chiamai puliscitavoli tunisino. Di regola sono allergica all’alcohol e Harrison non era un grande bevitore. Ma quella notte c’era stata una festa improvvisata. C’erano i Rolling Stones. Stavano registrando a qualche isolato di distanza. Siamo rimasti svegli tutta la notte bevendo il puliscitavoli, senza mai dormire. Giunti sul set il giorno dopo non eravamo in hangover, eravamo proprio come le comparse in Tunisia, più che disposti a lavorare. Quella mattina abbiamo girato l’arrivo a Cloud City, dove incontriamo Billy Dee Williams. Ed è uno dei pochi momenti dell’intera saga in cui io e Harrison sorridiamo. Ancora oggi Eric è molto fiero del suo impatto sulla trilogia.

Che dire, un brindisi a Star Wars. E a Eric Idle.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Angel – Lo spin-off di Buffy è su Star e dovete recuperarlo subito! 8 Maggio 2021 - 20:00

Angel è da oggi parte del catalogo di Star su Disney+: una perfetta occasione per recuperare un cult!

Infinite: lo sci-fi thriller di Fuqua con Wahlberg salta i cinema e passa a Paramount+ 8 Maggio 2021 - 18:07

Un altro titolo fantascientifico salterà le sale: Infinite lo scifi thriller di Fuqua con Mark Wahlberg passa a Paramount+

The Space Cinema cerca nuove risorse per tutti i multisala del circuito 8 Maggio 2021 - 17:00

In vista della ripartenza del settore, dopo la chiusura di questi mesi, l’azienda ha aperto da poco nuove posizioni per coloro che vogliono lavorare all’interno dei multisala The Space Cinema.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.