L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Good Omens – Prima foto di Jon Hamm nel ruolo dell’Arcangelo Gabriele

Good Omens – Prima foto di Jon Hamm nel ruolo dell’Arcangelo Gabriele

Di Lorenzo Pedrazzi

GUARDA ANCHE: Michael Sheen e David Tennant nella prima immagine di Good Omens

Amazon Prime Video ha pubblicato la prima immagine di Jon Hamm in Good Omens, attesissima serie tv basata sull’omonimo romanzo di Neil Gaiman e Terry Pratchett, noto in Italia con il titolo Buona apocalisse a tutti!. L’adattamento in sei episodi, prodotto da BBC Studios, sarà disponibile sulla piattaforma on-line nel 2019.

L’ex protagonista di Mad Men interpreta l’Arcangelo Gabriele, e ha confessato il suo amore per il libro:

Ho letto Good Omens circa 20 anni fa e l’ho trovato uno dei libri più belli e divertenti che avessi mai letto. Ovviamente era infilmabile. Due mesi fa invece Neil mi ha mandato lo script, ho subito capito di dover essere parte del cast.

Neil Gaiman, showrunner della serie, ha dichiarato:

Gabriel è tutto quello che Azraphel non è: lui è alto, bello, carismatico, e vestito impeccabilmente. Siamo molto fortunati che Jon Hamm fosse disponibile, dato che ha già tutte queste peculiarità senza dover recitare. Ci riteniamo ancora più fortunati che Jon, oltre a essere un attore bravissimo, è anche fan del libro.

La costumista Claire Anderson ha invece parlato del look di Gabriele:

Gabriel è il leader degli angeli e il più elegante e meglio vestito di tutti, così abbiamo scelto un vestito fatto su misura in colori chiari, impeccabile, che Jon Hamm porta alla perfezione, abbinato con accessori di colore lilla per mettere in risalto gli inquietanti occhi violetti di Gabriel.

Ecco la foto:

Qui di seguito potrete leggere la sinossi ufficiale del libro, edito in Italia da Mondadori:

Sulla base delle Profezie di Agnes Nutter, Strega (messe per iscritto nel 1655 prima che Agnes facesse saltare in aria tutto il villaggio riunito per godersi il suo rogo), il mondo finirà di sabato. Sabato prossimo, per essere proprio precisi. E per questo motivo che le temibili armate del Bene e del Male si stanno ammassando, che i Quattro Motociclisti dell’Apocalisse stanno scaldando i loro poderosissimi motori e sono pronti a lanciarsi per strada, e che gli ultimi due scopritori di streghe si preparano a combattere la battaglia finale, armati di istruzioni clamorosamente antiquate e di innocue spillette. Atlantide sta emergendo, piovono rane dal cielo. Gli animi si surriscaldano… Bene bene. Tutto sembra proprio andare secondo il Piano Divino. Non fosse che un angelo un filo pignolo (ma giusto un filo, per carità) e un demone che apprezza la bella vita – ciascuno dei quali ha passato tra i mortali sulla Terra parecchi millenni e si è, come dire?, affezionato a usi e costumi umani – non fanno esattamente salti di gioia davanti alla prospettiva dell’incombente catastrofe cosmica. E allora, se quei due (Crowley e Azraphel) vogliono che quanto profetizzato non si compia, devono mettersi al lavoro subito per scovare e uccidere l’Anticristo (mica una bella cosa, visto che è un ragazzino simpaticissimo). Ma c’è un piccolo problema: sembra proprio che qualcuno lo abbia scambiato con qualcun altro…

Good Omens è stato commisisonato per Amazon Prime Video e per BBC two da Patrick Holland, direttore di BBC two; da Shane Allen, direttore di BBC Comedy Commissioning; e da Georg Sharp, editor presso BBC. Lo show è prodotto dal team comedy ai BBC studios, la divisione BBC commercial production, Narrativia e The Blank Corporation, in collaborazione con BBC Worldwide. Regista e produttore esecutivo è invece Douglas Mackinnon, noto per Knightfall, Dirk Gently, Doctor Who, Outlander e Sherlock: The Abominable Bride.

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, non perderti #BingeLove, la sketch comedy targata ScreenWEEK.it, e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

EXCL – Joachim Rønning sul futuro di Pirati dei Caraibi 18 Ottobre 2019 - 21:00

La nostra Sonia ha intervistato Joachim Rønning, regista di Maleficent - Signora del male e dell'ultimo capitolo delle avventure dei Pirati dei Caraibi. Una domanda sul futuro della saga con il pirata Johnny Depp era praticamente obbligatoria…

Le 10 serie più viste su Netflix, secondo Netflix 18 Ottobre 2019 - 21:00

Dati analitici (finalmente) alla mano, ecco quali sono le 10 serie più viste su Netflix!

La Casa: Sam Raimi ha già scelto il regista del nuovo capitolo della saga 18 Ottobre 2019 - 20:00

La saga horror Evil Dead, lanciata da Sam Raimi negli anni ’80, tornerà sul grande schermo con un nuovo film, che a quanto pare ha già un regista...

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.