L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Bright – Già richiesto un sequel da parte di Netflix

Bright – Già richiesto un sequel da parte di Netflix

Di TheFlash

E’ stato appena reso noto da Bloomberg che il gigante dello streaming ha già chiesto la produzione di un sequel di Bright. Anche se il film che ha per protagonisti Joel Edgerton e Will Smith non ha ancora debuttato su Netflix la grande attesa che c’è intorno a questa produzione deve avere convinto subito la nota piattaforma a rendere la pellicola il primo franchise streaming della storia.

Bright è il primo tentativo della compagnia in una produzione ad alto budget, che pone una star del cinema in una storia fantasy. Diretto da David Ayer, che ha anche prodotto Suicide Squad, è un avvertimento a tutti gli studi e ai proprietari cinematografici che Netflix mira ad entrare in competizione anche nel box office mondiale

Come abbiamo già detto, questo dato dimostra la grande fiducia che Netflix ripone per Bright e non sembra da escludere che un eventuale grande successo da parte del film con Will Smith possa portare alla produzione di una vera e propria saga sviluppata su molte pellicole.

LEGGI ANCHE:

– Un video ci porta all’anteprima europea di Bright

– Il nuovo trailer di Bright

– Il videoclip di Home, brano della colonna sonora di Bright

– La nostra intervista a David Ayer, regista di Bright

– La locandina finale di Bright

– Il full trailer di Bright

– Il secondo trailer di Bright

– Il primo teaser trailer di Bright

– Le foto ufficiali di Bright

Bright è stato acquisito da Netflix, ed è il film più costoso nella storia della piattaforma on-line, con un investimento superiore a 90 milioni di dollari: il budget di produzione ammonta “solo” a 45 milioni, mentre il denaro restante è destinato agli autori e agli attori coinvolti, tra cui ben 3 milioni per il solo Max Landis (una delle cifre più alte che siano state pagate negli ultimi anni per uno spec script, ovvero un copione scritto su libera iniziativa dello sceneggiatore, non su commissione).

Bright è R-rated, e Netflix ha garantito una certa libertà da questo punto di vista. Nel cast anche Noomi RapaceLucy Fry e Ike Barinholtz.

Fonte: slashfilm.com

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su FacebookTwitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love, Death + Robots – Volume 2: il nuovo red band trailer della serie Netflix 10 Maggio 2021 - 21:00

La serie antologica animata di David Fincher e Tim Miller tornerà con otto nuovi episodi il 14 maggio

Videogames News: Il Futuro di Google Stadia, I Problemi di Returnal, Xbox in Perdita 10 Maggio 2021 - 20:35

Ecco come ogni settimana la nostra rubrica riguardante tutte le più interessanti notizie in arrivo dal mondo dei videogiochi!

Solos: Dal 25 giugno su Prime Video la serie antologica Amazon Original 10 Maggio 2021 - 20:15

In Italia arriverà il 25 giugno su Prime Video: Solos la serie antologica Amazon Original creata da David Weil, con Anne Hathaway e Helen Mirren

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).