Condividi su

06 novembre 2017 • 11:15 • Scritto da Filippo Magnifico

Stranger Things 2: è record su Twitter, i Fratelli Duffer difendono l’episodio 7

La seconda stagione di Stranger Things conquista un altro record, intanto i creatori dello show Ross e Matt Duffer parlano del tanto discusso episodio 7...
0

LEGGI ANCHE: I protagonisti di Stranger Things portano il Sottosopra a Lucca Comics & Games!

La seconda stagione di Stranger Things conquista un altro record, confermandosi la serie streaming più citata su Twitter e rubando il primo posto a Tredici, sempre prodotta da Netflix. Stando a quanto riportato da Variety, lo show è stato citato circa 3.7 milioni di volte nei primi tre giorni sul social network. I commenti, ovviamente, riguardavano anche i protagonisti, nella classifica di gradimento sulla base dei tweet raccolti abbiamo:

Eleven (Millie Bobby Brown)
Will (Noah Schnapp)
Steve (Joe Keery)
Hopper (David Harbour)
Dustin (Gaten Matarazzo)

ATTENZIONE: SPOILER

Intanto si continua a parlare della serie e di un episodio in particolare che non sembra aver incontrato l’approvazione dei fan. Se avete già visto la seconda stagione sapete già che stiamo parlando del tanto discusso Episodio 7, che si discosta dalla storia principale per raccontare l’avventura di Eleven fuori da Hawkins, a Chicago, e ci presenta ufficialmente Kali (Linnea Berthelsen), sorella di Eleven. I creatori dello show Ross e Matt Duffer hanno recentemente parlato di questo segmento della storia, rischioso dal punto di vista narrativo ma a quanto pare indispensabile (via EW):

Che sia piaciuto o meno ci ha permesso di sperimentare. Per noi è molto importante provare a fare cose nuove, senza ripetere sempre la stessa cosa. Abbiamo praticamente messo un nuovo pilot nel mezzo della seconda stagione e sappiamo bene che è una cosa folle da fare. Ma è stato divertente sia da scrivere che da girare.

Abbiamo anche provato a toglierlo dallo show, per capire se effettivamente serviva. Non volevamo che sembrasse un riempitivo, anche se in molti ci hanno accusato di questo dopo averlo visto. Ci siamo accorti, in effetti, che il viaggio di Eleven sembrava inutile senza questa parentesi. Quindi, che sia riuscito o meno, avevamo bisogno di questo blocco per non far crollare l’intero show.

La storia di Eleven è stato il più grande rischio che abbiamo affrontato ma continueremo a rischiare. Non volevamo che risolvesse tutto magicamente. Come Luke Skywalker, aveva bisogno di intraprendere un viaggio personale per imparare alcune cose su se stessa.

LEGGI ANCHE: Stranger Things 2 tra citazionismo e mitologia espansa: la recensione

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, non perderti #BingeLove, la sketch comedy targata ScreenWEEK.it, e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *