L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Netflix cancella lo special di Louis C.K., che ammette le sue colpe

Netflix cancella lo special di Louis C.K., che ammette le sue colpe

Di Lorenzo Pedrazzi

Le recenti accuse di molestie sessuali contro Louis C.K. stanno sortendo i loro effetti sulla carriera dell’attore americano. Sappiamo già che la premiere di I Love You, Daddy – film da lui scritto, diretto e interpretato – è stata cancellata, e che The Orchard ha deciso di annullarne la distribuzione; ora, invece, tocca a Netflix prendere le distanze dal comico.

Louis C.K. aveva un accordo con la piattaforma per due spettacoli di stand up comedy: il primo è stato pubblicato lo scorso aprile, mentre il secondo non sarà nemmeno prodotto. Ecco le dichiarazioni di un portavoce di Netflix:

Le affermazioni di svariate donne sul New York Times circa il comportamento di Louis sono inquietanti. Il comportamento inappropriato e non professionale di Louis nei confronti delle colleghe ci ha portati a decidere di non produrre un secondo speciale di stand up comedy, contrariamente ai piani iniziali.

Intanto, HBO ha deciso di togliere tutti gli speciali di Louis C.K. – insieme alla serie Lucky Louie – dal suo servizio streaming, e di non farlo partecipare al programma di beneficienza Night of Too Many Stars. Si attende ancora una mossa da parte di FX, che ospitava l’acclamata serie Louie: il canale via cavo sta riflettendo sul da farsi.

Parallelamente, lo stesso Louis C.K. ha rotto il silenzio su Entertainment Weekly, ammettendo la sua colpevolezza di fronte all’accuse. Si dice pentito di aver approfittato dell’ammirazione che quelle donne provavano nei suoi confronti, e di “aver esercitato quel potere in modo irresponsabile”.

Ho provato rimorso per le mie azioni. E ho provato a imparare da esse. A fuggire da esse. Ora sono consapevole dell’estensione dell’impatto delle mie azioni. Ieri ho scoperto fino a che punto queste donne si sono sentite male con loro stesse, diventando caute nei confronti di altri uomini che non le avrebbero mai messe in quella situazione.

L’attore ammette inoltre che la sua fama gli aveva sempre permesso di schivare le accuse:

Ho inoltre approfittato del fatto che fossi ampiamente ammirato nella mia e nella loro comunità, e questo ha impedito loro di condividere le loro storie, sottoponendole al disprezzo altrui quando hanno cercato di farlo, perché quelli che mi stimavano non volevano sentirle. Non mi rendevo conto di fare una cosa del genere, perché la mia posizione mi consentiva di non pensarci.

C.K. chiede pubblicamente scusa al suo manager, ai suoi collaboratori e alla sua famiglia, chiudendo la lettera con queste parole:

Ho trascorso la mia lunga e fortunata carriera dicendo quello che volevo. Ora farò un passo indietro e mi prenderò molto tempo per ascoltare.

Fonte: Deadline

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Rashomon: la serie ispirata al film di Kurosawa su HBO Max 25 Settembre 2020 - 21:30

Il nuovo servizio streaming di WarnerMedia si aggiudica il progetto, scritto dagli sceneggiatori di Captain Phillips e Mudbound

Monster Hunter – Rivelata la sinossi del live action 25 Settembre 2020 - 20:45

La nuova sinossi del live action di Monster Hunter offre nuovi dettagli sui protagonisti del film diretto da Paul W.S. Anderson

Dopo Justice League, tutte le serie DC Comics in arrivo su HBO MAX 25 Settembre 2020 - 20:30

Dal prequel di The Batman allo spin-off di The Suicide Squad, su HBO Max sono in arrivo moltissime serie basate sui fumetti DC Comics: Ecco quali sono!

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.