Condividi su

27 novembre 2017 • 16:00 • Scritto da Filippo Magnifico

Il Woody Allen del giorno: Prendi i soldi e scappa

La Ruota delle Meraviglie farà presto il suo ingresso nelle sale italiane e per l’occasione abbiamo deciso di riproporvi alcuni grandi momenti del cinema di Woody Allen. Oggi è il turno di Prendi i soldi e scappa...
0

LEGGI ANCHE: Wonder Wheel convince sotto ogni punto di vista, la recensione del nuovo film di Woody Allen

La Ruota delle Meraviglie farà presto il suo ingresso nelle sale italiane e per l’occasione abbiamo deciso di riproporvi alcuni grandi momenti del cinema di Woody Allen.

Oggi è il turno di Prendi i soldi e scappa, diretto, interpretato e scritto (in collaborazione con Mickey Rose) da Allen nel 1969. Un falso documentario che racconta la vita di Virgil Starkwell, un criminale particolarmente sfortunato.

Il video mostra un colloquio di lavoro molto particolare…

La Ruota delle Meraviglie arriverà nelle sale italiane a dicembre. Il film racconta la storia di quattro personaggi le cui vite si intrecciano nella frenesia del parco di Coney Island negli anni Cinquanta: Ginny (Kate Winslet), ex attrice emotivamente instabile che lavora come cameriera in un ristorante di pesce; Humpty (Jim Belushi), rozzo marito di Ginny che fa il manovratore della giostra; Mickey (Justin Timberlake), affascinante giovane bagnino che sogna di diventare un drammaturgo; e Carolina (Juno Temple), figlia di Humpty, che si nasconde nell’appartamento del padre per sfuggire ad alcuni gangster. QUI trovate la pagina Facebook del film.

Amate Woody Allen e vi è piaciuto questa pillola della sua filmografia? Continuate a seguire la rubrica “Il Woody Allen del giorno” sul blog ufficiale di La ruota delle meraviglie a quest’indirizzo!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *