L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Grammy Awards 2018 – La La Land ottiene quattro candidature

Grammy Awards 2018 – La La Land ottiene quattro candidature

Di Marlen Vazzoler

Sono state annunciate questa mattina dalla cantautrice Andra Day, su CBS This Morning, le nomination della 60a edizione dei Grammy Awards.

La colonna sonora di La La Land è stata nominata come ‘Best Compilation Soundtrack For Visual Media‘ dove concorrerà contro Baby Driver, Guardiani della Galassia: Vol. 2, Il diritto di contare e Oceania.

Il compositore Justin Hurwitz ha ottenuto una nomination nella categoria ‘Best Score Soundtrack For Visual Media‘ nella quale troviamo anche: Jóhann Jóhannsson (Arrival), Hans Zimmer (Dunkirk), Ramin Djawadi (Game Of Thrones: Stagione 7), e Benjamin Wallfisch, Pharrell Williams & Hans Zimmer (Il diritto di contare).

A queste si aggiungono le nomination nella categoria ‘Best Arrangement, Instruments and Vocals‘ per la canzone ‘Another Day Of Sun‘ arrangiata da Hurwitz e con le voci del cast del film

e quella per la miglior canzone ‘City Of Stars‘ nella categoria ‘Best Song Written For Visual Media’, oltre a Justin Hurwitz, Benj Pasek & Justin Paul, troviamo nominato come autori anche Ryan Gosling ed Emma Stone.

In questa stessa categoria troviamo inoltre: ‘How Far I’ll Go‘ di Lin-Manuel Miranda, autrice Auli’i Cravalho che abbiamo sentito in Oceania;

I Don’t Wanna Live Forever” (Cinquanta sfumature di Nero) di Jack Antonoff, Sam Dew & Taylor Swift, autori Zayn & Taylor Swift;

Never Give Up‘ (Lion) di Sia Furler & Greg Kurstin, autrice Sia

e ‘Stand Up For Something‘ (Marshall) di Common & Diane Warren, autori Andra Day feat. Common.

Nella categoria ‘Best Comedy Album’ troviamo diversi nomi noti: Dave Chappelle (The Age Of Spin & Deep In the Heart of Texas), Jim Gaffigan (Cinco); Jerry Seinfeld (Jerry Before Seinfeld), Sarah Silverman (A Speck of Dust) e Kevin Hart (What Now?).

In quella ‘Best Spoken Word Album’: Neil deGrasse Tyson (People in a Hurry), Bernie Sanders e Mark Ruffalo (Our Revolution: A Future To Believe In) e Carrie Fisher (The Princess Diarist).

Jay-Z ha ottenuto in tutto 8 nomination, Kendrick Lamar 7, Bruno Mars 6; Childish Gambino (alias Donald Glover), SZA e Khalid, No I.D invece 5 ciascuno.

La cerimonia di premiazione verrà trasmessa in diretta dal Madison Square Garden di New York, il 28 gennaio 2018 sulla CBS.

Fonte Deadline

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Alex Kurtzman ha esteso il suo contratto con CBS Studios fino al 2026 1 Agosto 2021 - 19:06

Alex Kurtzman rimarrà a capo dell'universo di Star Trek per altri sei anni, dopo il rinnovo del suo contratto con CBS Studios

Il revival di Criminal Minds su Paramount+ forse non si farà 1 Agosto 2021 - 19:00

Lo ha rivelato su Twitter la star della serie originale Paget Brewster

Stallone ha un nuovo anello fortunato… Expendables 4 si avvicina! 1 Agosto 2021 - 17:00

Il protagonista e creatore del franchise ha postato su Instagram la foto del nuovo anello del suo Barney Ross. Ci siamo?

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.