L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Roman Polanski sarà accolto da una protesta alla sua retrospettiva a Parigi

Roman Polanski sarà accolto da una protesta alla sua retrospettiva a Parigi

Di Giovanni Magliaro

Il regista Roman Polanski ha in programma di partecipare ad una retrospettiva sulle sue opere, a Parigi, nella giornata di domani, ma purtroppo per lui lo attendono delle proteste al seguito.

Un’organizzazione femminista francese, Osez le Féminisme, ha organizzato una petizione contro l’apparizione di Polanski, e ha nei suoi programmi una protesta fuori da le Cinémathèque Française in concomitanza con l’inaugurazione dell’evento, previsto nella giornata di Lunedì.

La petizione rivendica che l’apparizione di Polanski sarebbe ‘indecente’ e rappresenterebbe un insulto a tutte le vittime delle molestie sessuali mobilitate dalla recente campagna online #MeToo.

“E’ un affronto a tutte le vittime del reato di stupro, e in particolar modo alle vittime di Polanski” si legge nella petizione “Polanski merita disonore, non gli onori.”

Su Roman Polanski pendono tuttora delle accuse, negli USA, sullo stupro di una tredicenne, e un’altra donna si è esposta questo mese sostenendo che il regista la violentò nel 1972, quando lei era ancora minorenne. Altre tre donne hanno recentemente sostenuto che Polanski le molestò, dandò il là ad una protesta che vorrebbe estromettere il regista da qualunque organizzazione professionistica di cinema.

La petizione del gruppo di femministe ha inoltre posto l’accento sulle tempistiche degli onori de la Cinémathèque, sulla scia dello scandalo legato ad Harvey Weinstein, e la protesta che ne è seguita riguardo le molestie sessuali nell’industria cinematografica.

Polanski vive in Europa da quando fuggì dagli USA, negli anni Settanta, per evitare l’azione giudiziaria che lo riguardava nel caso dello stupro di Samantha Geimer.

A Gennaio, è stato costretto a fare un passo indietro e a rinunciare a ricoprire l’incarico di Presidente della Giuria ai Premi César, una prestigiosa cerimonia di premiazione spesso ribattezzata come gli ‘Oscar’ francesi, dopo che 61 Mila persone avevano firmato una petizione contro di lui.

Il regista franco-greco Constantin Costa-Gavras, Presidente de la Cinémathèque Française, ha sostenuto che l’istituzione non può giudicare Polanski o moralizzare, dichiarando: “Non elargiamo i nostri premi o gli attestati sulla base della buona condotta. La nostra ambizione è diversa: mettere in mostra il lavoro completo dei registi e collocarli nella storia permanente de la Cinémathèque.”

Fonte: deadline.com

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

 

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Assassin’s Creed – In sviluppo una serie live action e una animata per Netflix 27 Ottobre 2020 - 16:15

Netflix sta sviluppando una live action di Assassin's Creed, al momento è in cerca di uno showrunner, a cui si aggiungerà anche una serie animata. Ecco il logo

Anche la Blumhouse ha il suo evento virtuale, arriva il BlumFest 27 Ottobre 2020 - 16:15

La Blumhouse ha deciso, sulla scia del DC FanDome, di lanciare il suo BlumFest, giusto in tempo per Halloween.

Ora Natale su Marte e Watchmen condividono lo stesso universo (più o meno) 27 Ottobre 2020 - 15:32

Un natale su Marte è ambientato nello stesso universo narrativo di Watchmen? No, ma qualcosa che unisce questi mondi così distanti effettivamente c'è...

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).