L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Watchmen – Damon Lindelof annuncia la serie HBO con una foto

Watchmen – Damon Lindelof annuncia la serie HBO con una foto

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: La serie tv di Watchmen non sarà un adattamento letterale

Evidentemente i dubbi di Damon Lindelof si sono dissipati: il noto sceneggiatore di Lost, Prometheus e The Leftovers ha infatti annunciato su Instagram di aver cominciato i lavori su Watchmen, l’ambiziosa serie tv della HBO basata sul celebre romanzo a fumetti di Alan Moore e Dave Gibbons.

Si tratta però di un annuncio ben poco esplicito. Lindelof si è limitato a pubblicare una foto che ritrae la base di una celebre statuina all’interno di una writers room (la stanza dove gli sceneggiatori si riuniscono per discutere le idee su una serie tv), commentando con due semplici parole: “Giorno Uno”. La statua, ben nota ai lettori del fumetto, ritrae Hollis Mason, il primo Gufo Notturno: nel corso della graphic novel, viene utilizzata da Derf per ucciderlo.

Insomma, Lindelof vuole farci sapere che ha accettato il difficile incarico, e che ha cominciato a lavorarci sopra. Non conosciamo ancora i dettagli, ma probabilmente nelle prossime settimane emergerà qualche informazione aggiuntiva.

Potrete vedere la foto qui di seguito:

Day One.

Un post condiviso da Damon (@damonlindelof) in data:

Casey Bloys, presidente di HBO, ha rivelato che la serie di Watchmen includerà del materiale originale, assente nel fumetto e creato apposta per l’occasione. Possiamo quindi aspettarci una trasposizione molto diversa dal film di Zack Snyder, noto per la sua fedeltà quasi maniacale all’opera di Alan Moore e Dave Gibbons, ambientazione ucronica compresa (una versione alternativa degli anni Ottanta). È possibile che l’adattamento di Lindelof sia ambientato nel nostro presente, seppure in una versione alternativa e autoritaria della società americana, magari prendendo spunto dalle recenti evoluzioni della politica statunitense: in tal modo, la serie potrebbe applicare la trama di Watchmen al mondo contemporaneo, un po’ come hanno fatto le sorelle Wachowski nella loro sceneggiatura di V for Vendetta, altro fumetto di Alan Moore che tratta argomenti di natura socio-politica in una veste distopica. Anche in quel caso, le aggiunte al materiale originale servivano per aggiornare la riflessione sul nostro presente.

Per ora, comunque, sono soltanto ipotesi: la serie è ancora nelle primissime fasi di sviluppo.

watchmen-lindelof-copertina

LEGGI ANCHE: Damon Lindelof al lavoro sulla serie tv di Watchmen per HBO

Watchmen è il capolavoro di Alan Moore e Dave Gibbons che ha contribuito a rinnovare la figura del supereroe nell’immaginario collettivo: ambientato in una realtà alternativa dove gli Stati Uniti hanno imboccato una svolta autoritaria (siamo negli anni Ottanta), il romanzo a fumetti racconta le avventure di un gruppo di supereroi per nulla idealizzati, anzi, spesso violenti e fallibili. In seguito all’omicidio del Comico, brutale vigilante che ha condiviso un passato con loro, i giustizieri mascherati noti come Rorschach, Gufo Notturno, Spettro di Seta e Ozymandias si ritrovano al centro di un misterioso complotto che mira a uccidere i vecchi supereroi, mentre Dr. Manhattan – il primo uomo dotato di superpoteri – comincia a mettere in dubbio il suo ruolo sulla Terra e il suo interesse per la specie umana.

Curiosamente, anche Adi Shankar ha sviluppato una serie tv per HBO ispirata a Watchmen: s’intitola Gods and Secrets, e non ne abbiamo più avuto notizie dopo l’annuncio iniziale. Comunque sia, non è un adattamento del fumetto di Moore e Gibbons, ma una storia originale che trae ispirazione da esso.

Watchmen

Fonte: ComingSoon.net

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, non perderti #BingeLove, la sketch comedy targata ScreenWEEK.it, e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

ScreenWeek.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice "click", compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWeek.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a martedì 5 novembre 2019.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI



Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Secondo The Rock le riprese di Black Adam cominceranno nel luglio del 2020 20 Ottobre 2019 - 19:00

Le riprese di Black Adam cominceranno nell'estate del 2020, lo ha rivelato il suo interprete Dwayne Johnson su Twitter

Watchmen – Un nuovo spot con gli elogi della critica 20 Ottobre 2019 - 18:00

Il nuovo spot di Watchmen comprende gli elogi della stampa americana. Il debutto italiano della serie è atteso per questa notte in contemporanea con gli USA.

Terminator: Destino oscuro – I nuovi poster internazionali sono i migliori finora 20 Ottobre 2019 - 17:00

Le locandine di Terminator: Destino oscuro per il formato IMAX e per il mercato internazionale sono le più suggestive tra quelle viste finora.

La storia di Balle Spaziali (FantaDoc) 17 Ottobre 2019 - 10:00

Come Balle Spaziali ha fatto morire dal ridere George Lucas... e quasi fatto morire e basta Mel Brooks: storia di una parodia legata a filo doppio con la saga che l’ha ispirata.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Il Calabrone Verde 16 Ottobre 2019 - 13:00

La storia de Il Calabrone Verde: quando Bruce Lee faceva l'autista di un vigilante mascherato, menava Batman e terrorizzava Robin...

7 cose che forse non sapevate su Goldrake 15 Ottobre 2019 - 12:00

Il prototipo, il remake di Goldrake, i nomi italiani e Lost in Translation: sette cose che forse non sapevate su Atlas Ufo Robot.