L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Meyerowitz Stories: una commedia dolceamara di enorme spessore psicologico, la recensione #NYFF55

The Meyerowitz Stories: una commedia dolceamara di enorme spessore psicologico, la recensione #NYFF55

Di Redazione SW

Recensione a cura di Adriano Ercolani

A dodici anni dal suo osannato Il calamaro e la balena Noah Baumbach torna a raccontare una storia familiare, di affetti spezzati e illusioni artistiche mai diventate (veramente) realtà. Attraverso la narrazione a capitoli dedicati a ogni membro ella famiglia Meyerowitz il regista compone un quadro umanissimo e spiritoso di entità perse nella propria frustrazione, capaci di amarsi l’un l’latro senza mai veramente connettere. Tre generazioni composte da padri distratti o fin troppo affettuosi, figli corrosi dal rimorso o dall’incapacità di perdonare, nipoti in cerca della propria identità, così difficile da identificare quando i modelli familiari sono talmente confusi…

Girato a bassissimo budget e con un’idea di messa in scena immediata, dedita a catturare la verità del momento nella performance degli attori, The Meyerowitz Stories (New and Selected) è soprattutto un film di scrittura raffinata, di dialoghi reali e al tempo stesso eleganti, capaci di intenerire lo spettatore e un istante dopo di farlo scoppiare a ridere. Baumbach continua il suo percorso di ricerca di equilibrio tra la poetica del quotidiano e la rappresentazione di una New York borghese, intellettuale, quasi classista. Eppure in questo caso ogni ostentazione autoriale è lasciata da parte, a contare sono soltanto i personaggi e la loro vita interiore, delineata con enorme sensibilità. Ad aiutare Baumbach nella riuscita del suo film corale un cast impeccabile, dove a brillare sono i due fratelli Ben Stiller e Adam Sandler, entrambi probabilmente capaci di sfornare la migliore della loro carriera troppo spesso votata alla commedia superficiale (soprattutto per quanto riguarda il secondo). Vederli lavorare sulle sfumature e sul pudore delle emozioni che riescono a esprimere e insieme trattenere, è un’emozione che arriva dritta la cuore, e conferma la capacità del regista di saper dirigere i suoi attori al meglio. Nel gruppo di contorno vogliamo però menzionare con pieno merito una Emma Thompson soave nella sua leggerezza e un Dustin Hoffman finalmente tornato ai livelli altissimi che gli competono.

Noah Baumbach sembra essersi scrollato di dosso una volta per tutte quella patina leggermente distaccata con cui ha realizzato alcuni dei suoi film precedenti e ha diretto una commedia dolceamara di enorme spessore psicologico, a tratti veramente sublime nell’abbinare leggerezza del tocco e profondità introspettiva. Osiamo scrivere senza troppo timore di essere smentiti questo suo ultimo lavoro è anche il migliore da lui realizzato.

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL New York Film Festival 2017 e seguici su Facebook, Twitter e Instagram per rimanere aggiornato

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Sex Education – Patricia Allison (Ola) non tornerà nella stagione 4 7 Luglio 2022 - 11:30

Patricia Allison annuncia che non tornerà nella quarta stagione di Sex Education per seguire altre opportunità.

Crimes of the Future: il nuovo film di Cronenberg dal 24 agosto al cinema, ecco il trailer 7 Luglio 2022 - 10:30

Lucky Red ha annunciato ufficialmente la data di uscita di Crimes of the Future, l'atteso ritorno al body horror di David Cronenberg

Kazuki Takahashi, il creatore di Yu-Gi-Oh, muore a 60 anni 7 Luglio 2022 - 10:22

Il fumettista Kazuki Takahashi (vero nome Kazuo Takahashi), il creatore di Yu-Gi-Oh!, è stato trovato morto dalla Guardia Costiera giapponese al largo della costa della città di Nago, a Okinawa nella mattina di mercoledì 6 luglio. Aveva 60 anni. Secondo quanto riferito dalla Guardia Costiera, Takahashi è stato trovato con l’attrezzatura da snorkeling. Intorno alle […]

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.