L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Per primo hanno ucciso mio padre: la recensione del film Netflix diretto da Angelina Jolie #TIFF17

Per primo hanno ucciso mio padre: la recensione del film Netflix diretto da Angelina Jolie #TIFF17

Di Redazione SW

Recensione a cura di Adriano Ercolani

Tratto dall’omonimo romanzo di memorie di Luong Ung, il quarto film da regista di Angelina Jolie mette in scena l’odissea della piccola protagonista che in Cambogia venne internata dai Khmer Rossi in un campo di lavoro insieme all’intera famiglia. Solo cinque membri del nucleo sopravvissero agli stenti, alle torture e agli assassinii di massa perpetrati dai soldati.

Partiamo immediatamente con l’affermare che questo è il miglior film della Jolie dietro la macchina da presa, il primo in cui dimostra finalmente un’acquisita maturità nell’idea di messa in scena. Decisa a mostrare l’orrore della dittatura e dei campi di lavoro ma anche la bellezza della Cambogia, la Jolie sceglie di guardare il tutto attraverso gli occhi innocenti della piccola Luong. Di conseguenza l’estetica del film si muove con sorprendente agilità tra il realismo imposto dalla drammaticità del racconto e invece l’eleganza stilizzata, oseremmo dire “poetica” dello sguardo della piccola. Man mano che Luong prende coscienza di ciò che le sta succedendo intorno, ecco che coerentemente anche lo spettacolo diventa sempre più cruento e realistico, fino a culminare in un battaglia tra Khmer ed esercito regolare di fortissimo impatto cinematografico.

Per primo hanno ucciso mio padre è così un film bello da vedere, perfettamente fotografato da Anthony Dod Mantle, ma che allo stesso tempo non risparmia allo spettatore la visione dolorosa della tortura a cui la popolazione cambogiana è stata vittima in quel periodo storico. La Jolie riesce ad evitare qualsiasi retorica nella progressione della storia pur essendo capace di veicolare il messaggio umanitario per cui il film è stato esplicitamente realizzato. Anche se ampiamente superiore alle due ore nella durata, il lungometraggio costringe lo spettatore ai suoi ritmi specifici, certamente non comparabili a quelli del cinema mainstream forse proprio per questo ancora più adatti per raccontare questa vicenda. Per primo hanno ucciso mio padre non è ovviamente un film facile, e non poteva esserlo: costringe lo spettatore a uno sforzo emotivo e di concentrazione che oggi il cinema americano non sembra più richiedere. Tale impegno è però ampiamente ripagato da un prodotto capace di scuotere senza imbonire in maniera superficiale, abile nel mostrare rimanendo però lontano dallo spettacolo gratuito della violenza.

Con il suo film probabilmente più sentito Angelina Jolie ha dimostrato una notevole lucidità di racconto ed esposizione per immagini. Un passo avanti sostanziale nel suo percorso alla ricerca di una voce personale come cineasta. Questa volta ha fatto centro, e nella maniera probabilmente più difficile: fondendo la verità e la bellezza.

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL Toronto International Film Festival e cerca l’hashtag #TIFF17SW su Facebook, Twitter e Instagram per rimanere aggiornato

ScreenWEEK.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice “click”, compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWEEK.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a venerdì 15 settembre 2017.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI

macchianera_screenweek2

Vi invitiamo anche a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perderti tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Radioscopie: Juliette Binoche star del nuovo film di Claire Denis 26 Novembre 2020 - 19:15

Sarà affiancata da Vincent Lindon nel film, ambientato nel mondo della radio francese

Puffins – La serie web animata con Johnny Depp dal 27 novembre su Apple TV e Amazon Prime 26 Novembre 2020 - 18:55

La serie web animata Puffins, che può contare tra i suoi doppiatori Johnny Depp, disponibile dal 27 novembre su Apple TV e Amazon Prime

Ridatemi mia moglie: prime immagini per il film in due parti con Fabio De Luigi 26 Novembre 2020 - 18:30

Dopo pellicole come La peggior settimana della mia vita, Il peggior Natale della mia vita e 10 giorni senza mamma, Fabio De Luigi e Alessandro Genovesi tornano a collaborare in Ridatemi mia moglie, prossimamente su Sly e Now TV.

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?