L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
I, Tonya è uno schiaffo all’American Way of Life, la recensione del film con Margot Robbie #TIFF17

I, Tonya è uno schiaffo all’American Way of Life, la recensione del film con Margot Robbie #TIFF17

Di Redazione SW

Recensione a cura di Adriano Ercolani

Prima di essere il solito biopic sulla pattinatrice diventata la donna più odiata dall’opinione pubblica dopo lo scandalo del ferimento della collega Nancy Kerrigan, il film di Craig Gillespie è uno schiaffo all’American Way of Life nella sua interezza, nessuno escluso. Uno sberleffo all’America benpensante che giudica soltanto in base a ciò che legge sui giornali scandalistici o che vede nei notiziari sensazionalistici; uno sberleffo all’America povera, ignorante, violenta e arrivista. Un atto di denuncia nei confronti di una cultura in cui il singolo continua (e continuerà sempre) a essere più importante della comunità, e per questo rimarrà comunque isolato.

In questo finto, volutamente posticcio mockumentary Tonya Harding altro non è che il prototipo aberrante dell’ideale del self-made man che regge la struttura sociale americana. Gillespie sceglie fin da subito la strada della satira nerissima per mettere in scena la storia di questa anti-eroina nel senso più vero del termine. Quante volte infatti al cinema abbiamo visto un protagonista eccellere nello sport nonostante le sue umili origini, l’infanzia difficile o gli ostacoli sociali dovuti al razzismo della gente comune? Ecco, Tonya è ciò che succede alle persone comuni, senza un’adeguata base morale o culturale che le aiutino a sostenere il peso psicologico della competizione e della vittoria a tutti i costi, perché a conti fatto di questo vivono gli americani. Attraverso la messa in scena spudoratamente barocca di Gillespie Tonya diventa nonostante tutto l’emblema di una nazione, semplicemente non quello che tutti avrebbero voluto avere.

Il film non cerca messaggi sotterranei e soffusi, preferisce invece sbatterli in faccia allo spettatore, urlarglielo nelle orecchie con tutto il suo sarcasmo divertito. E l’operazione funziona per almeno tre quarti della durata di I, Tonya, salvo poi rallentare visibilmente verso la fine, quando in teoria si dovrebbe veramente iniziare a “parteggiare” per la Harding come vittima di un sistema. Per fortuna ciò non accade fino in fondo, perché davvero nessuno è innocente o tantomeno veramente buono in questi film, a conti fatti neppure la vittima Nancy Kerrigan. Ed ecco che di fronte a tutta l’ipocrisia che I, Tonya ci ha mostrato, non si può non ammettere che almeno la Harding non si è mai nascosta dietro il velo del perbenismo. Almeno non nell’idea che Gillespie ci ha regalato di lei.

Margot Robbie è perfetta nel dare volto digrignante e angelica cattiveria a Tonya Harding. Allison Janney è da inchino nell’impersonare la sua orrenda madre LaVona. Il resto del cast è funzionale come supporto alle due vere, feroci protagoniste del film.
I, Tonya è senz’altro il più corrosivo e divertente tra i lungometraggi visti fino ad ora al Toronto Film Festival. È sfrontato e coraggioso, due qualità che riescono a coprire quasi del tutto alcuni difetti nella gestione del ritmo. Pazienza, il sorriso a denti strettissimi è assicurato, e considerato che si tratta del biopic su una ragazza che tutti abbiamo amato odiare, non era davvero una cosa scontata…

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL Toronto International Film Festival e cerca l’hashtag #TIFF17SW su Facebook, Twitter e Instagram per rimanere aggiornato

Tonya-Harding-margot-robbie

ScreenWEEK.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice “click”, compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWEEK.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a venerdì 15 settembre 2017.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI

macchianera_screenweek2

Vi invitiamo anche a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perderti tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Bosch: il trailer della stagione finale, dal 25 giugno su Prime Video 13 Maggio 2021 - 20:45

Titus Welliver è pronto a tornare nella settima e ultima stagione della serie tratta dai romanzi di Michael Connelly

Snake Eyes: le prime immagini dello spin-off di G.I. Joe 13 Maggio 2021 - 20:32

il primo sguardo ufficiale a Snake Eyes, lo spin-off di G.I. Joe in arrivo nelle sale italiane il prossimo luglio.

Halston – Chi è il leggendario stilista interpretato da Ewan McGregor 13 Maggio 2021 - 20:10

Halston, su Netflix dal 14 Maggio, racconta la vita del celebre stilista: ecco la vera storia che ha ispirato la serie!

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.