L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Chiamami con il tuo nome, la recensione del film di Luca Guadagnino con Armie Hammer #TIFF17

Chiamami con il tuo nome, la recensione del film di Luca Guadagnino con Armie Hammer #TIFF17

Di Redazione SW

Recensione a cura di Adriano Ercolani

Che Luca Guadagnino fosse un regista dotato di un notevole senso estetico e di uno sguardo personale già lo avevano dimostrato alcuni dei suoi precedenti lungometraggi. Dove il suo cinema precedente difettava era nel calore dell’approccio alla vicenda trattata, che spesso si rifletteva in un estetismo “freddo”, incapace di creare un legame empatico tra personaggi e spettatori. Ebbene, con Chiamami con il tuo nome questo gap scompare totalmente, e ciò accade proprio per merito di Guadagnino, che adatta la sua visione alla sceneggiatura scritta da James Ivory con una sensibilità ammirevole.

Nulla è sottolineato in questo film a livello di messa in scena, eppure tutto è elegante, bello da guardare. Lo sviluppo della psicologia dei due protagonisti, il giovane Elio e il più maturo Oliver, è raccontato in maniera precisa, vera, pulsante nella sua sincerità. La storia d’amore si dipana prima di tutto attraverso la scoperta, principalmente emozionale e proprio per questo ancora più tocca te, capace di colpire in profondità. Ogni figura intorno a Elio e Oliver cambia insieme a loro, si evolve grazie al sentimento e alla presa di coscienza: Chiamami con il tuo nome non è soltanto un cosiddetto “coming of age” movie, sarebbe troppo riduttivo confinarlo a questo. Guadagnino riesce ad evitare qualsiasi retorica riguardante l’accettazione della sessualità mostrandone l’entusiasmo e insieme il turbamento, la passione e lo sconforto. Tutto avviene in maniera naturale in questo film, qualsiasi possibile forzatura a livello drammatico viene evitata grazie alla dolcezza del tocco sia del regista che della sceneggiatura.

chiamami-con-il-tuo-nome-cover

A impreziosire il lavoro di Ivory e Guadagnino contribuiscono poi un gruppo di attori in stato di grazia: Armie Hammer non è mai stato così elegante ed efficace prima d’ora, e il giovane protagonista Timothee Chalamet è semplicemente commovente nel dar vita ed emozioni vivissime ad Elio. Tra i comprimari merita poi segnalazione un caratterista portentoso come Michael Stuhlbarg, che con Chalamet condivide la scena più toccante del film, e probabilmente degli ultimi anni di cinema italiano.

Luca Guadagnino ha realizzato di gran lunga il suo miglior film, lavorando in sottrazione e concentrandosi sulle psicologie e sui sentimenti dei suoi personaggi. Il risultato è un film vibrante senza essere ostentato, profondo senza risultare falsamente drammatico. Chiamami con il tuo nome è cinema raffinato, soffuso, totalmente sentito. E merita tutto il successo che prevedibilmente gli pioverà addosso nei prossimi mesi.

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL Toronto International Film Festival e cerca l’hashtag #TIFF17SW su Facebook, Twitter e Instagram per rimanere aggiornato

ScreenWEEK.it è tra i candidati nella categoria Miglior Sito di Cinema ai Macchianera Internet Awards, gli Oscar della Rete!

Grazie a voi siamo finiti in finale, ora vi chiediamo di ribadire la vostra decisione con un semplice “click”, compilando il form che trovate QUI e votando ScreenWEEK.it come Miglior Sito di Cinema. È possibile votare fino a venerdì 15 settembre 2017.

Perché la scheda sia ritenuta valida è necessario votare per ALMENO 10 CATEGORIE a scelta. Se i voti saranno meno di 10 la scheda e tutti i voti in essa contenuti saranno automaticamente ANNULLATI

macchianera_screenweek2

Vi invitiamo anche a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perderti tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Chadia Rodriguez e Alice Pagani cantano Non mi uccidere per la colonna sonora del film di Andrea De Sica 19 Aprile 2021 - 21:15

È disponibile il videoclip ufficiale di Non mi uccidere, la canzone di Chadia Rodriguez e Alice Pagani presente nella colonna sonora dell’omonimo film diretto da Andrea De Sica.

Justice is Gray: la versione in bianco e nero della Snyder Cut disponibile su Sky e NOW 19 Aprile 2021 - 20:45

Anche Zack Snyder’s Justice League ha la sua versione in bianco e nero. Justice Is Gray è da oggi disponibile anche in Italia su Sky On Demand e su NOW.

Rocky IV: Stallone svela il titolo del director’s cut, ci sarà anche un documentario 19 Aprile 2021 - 20:30

John Herzfeld, regista di Escape Plan 3 - L'ultima sfida, ha seguito Stallone mentre lavorava al nuovo montaggio del suo classico

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.