L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Breathe: l’opera prima di Andy Serkis arriva dritta al cuore, la recensione #TIFF17

Breathe: l’opera prima di Andy Serkis arriva dritta al cuore, la recensione #TIFF17

Di Filippo Magnifico

Recensione a cura di Adriano Ercolani

La solida collaborazione con Peter Jackson, che gli ha affidato la regia della seconda unità della trilogia de Lo Hobbit, deve aver fatto imparare molto ad Andy Serkis su come sedere dietro la macchina da presa. Il suo esordio “ufficiale” Breathe è infatti un film visivamente molto curato, a tratti davvero splendido da guardare soprattutto nelle scene ambientate in Africa. Grazie anche alla fotografia del grande Robert Richardson alcuni colori del tramonto e un paio di visioni aeree del continente sono destinate a rimanere impresse nella memoria del pubblico. Ma Breathe non è soltanto fatto di belle immagini, tutt’altro: il biopic dedicato a Robin Cavendish, che nel 1959 rimase completamente paralizzato a causa della poliomielite ma lottò a tutti i costi per avere una vita comunque piena e felice, rappresenta per molti tratti un commovente inno alla vita e alle sue mille sfaccettature.

La forza emotiva del film sta certamente nel protagonista, efficacemente interpretato da Andrew Garfield, ma ancor più nel personaggio della volitiva e dolcissima moglie Diana, che nel film ha il volto e la grande competenza attoriale di Claire Foy. La sceneggiatura di William Nicholson, esperto di melodrammi in costume, costruisce una progressione narrativa densa di sentimenti, che permette allo spettatore di partecipare insieme ai personaggi l’ottimismo e la celebrazione della vita stessa che Cavendish abbracciò in pieno una volta accettatala sua disabilità. Breathe in più di un momento si rivela anche capace di far sorridere lo spettatore con il più tipico umorismo all’inglese. Quando poi nella parte finale del film si affronta anche il discorso più complesso della libertà di scegliere di terminare le proprie sofferenze, allora Serkis riesce quasi del tutto a evitare la retorica legata a questo argomento e, cosa ancora più importante, il sentimentalismo mieloso o pietistico.

breathe-cover-trailer

Pur non cercando mai soluzioni visive o narrative originali Breathe merita di essere apprezzato per la sua idea di cinema solida, oseremmo dire “classica”. Andy Serkis dimostra di avere a cuore la storia di Cavendish e di volerla raccontare usando tutti i mezzi che il cinema gli mette a disposizione. L’intento gli riesce anche in virtù di un cast tecnico e di attori fidati e capaci. Alla fine Breathe arriva al cuore dello spettatore, centrando l’obiettivo che il regista si era evidentemente fissato.

LEGGI TUTTE LE ULTIME NEWS DAL Toronto International Film Festival e cerca l’hashtag #TIFF17SW su Facebook, Twitter e Instagram per rimanere aggiornato

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Jude Law parla di Contagion e di come Soderbergh ha predetto la Pandemia 29 Novembre 2020 - 11:00

Jude Law, tra i protagonisti di Contagion, ha parlato del film e di come sia stato in grado di prevedere quello che è successo con il Covid-19.

Addio a David Prowse, storico interprete di Darth Vader 29 Novembre 2020 - 10:16

L'attore inglese David Prowse, che prestò il corpo a Darth Vader nella trilogia originale di Guerre stellari, è scomparso all'età di 85 anni.

Kurt Russell potrebbe ritirarsi dopo la saga di Qualcuno salvi il Natale 29 Novembre 2020 - 10:00

Lo rivela in un'intervista il regista di Qualcuno salvi il Natale 2, Chris Columbus

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.