L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
American Vandal, una satira amara e intelligente dei documentari true crime

American Vandal, una satira amara e intelligente dei documentari true crime

Di Lorenzo Pedrazzi

Tesi e controtesi: Netflix ha rilanciato i documentari true crime (serie tv che esplorano casi di cronaca più o meno irrisolti con approccio investigativo) grazie a Making a Murderer e The Keepers, ma ne propone anche la satira definitiva con American Vandal, lanciato in sordina lo scorso 15 settembre e già destinato a diventare un piccolo cult.

Se lo merita, perché i creatori Tony Yacenda e Dan Perrault (autori di sketch per College Humour) e lo showrunner Dan Lagana (Deadbeat) confezionano una parodia che non si limita a deridere il linguaggio delle docu-serie, ma ne rielabora i cliché per metterne a nudo le strategie visivo-narrative, sfiorando al contempo il cuore delicato dell’adolescenza. Non a caso, il (finto) crimine indagato da questo mockumentary ha luogo nel liceo Hanover di Oceanside, tranquilla cittadina sulla costa californiana, dove ben 27 automobili – molte delle quali appartenenti ai professori – vengono deturpate da altrettanti disegni fallici. Chi è il colpevole? I sospetti cadono subito sul diplomando Dylan Maxwell (Jimmy Tato), noto per le sue bravate goliardiche e per lo scarso rendimento scolastico: la sua situazione diventa però ancora più critica quando un compagno di scuola, Alex Trimboli (Calum Worthy), afferma di averlo visto nel parcheggio mentre imbrattava le auto, spingendo il corpo docenti ad accusarlo del fattaccio ed espellerlo dall’istituto. Per Dylan, che si dichiara innocente, si prospetta un’udienza in tribunale e il rischio di dover pagare ben 100 mila dollari di risarcimento danni.

Non tutti, però, credono alla sua colpevolezza. Peter Maldonado (Tyler Alvarez), uno studente che lavorava con lui nel morning show della scuola, decide di girare un documentario investigativo per scoprire la verità, accompagnato dal suo migliore amico Sam Ecklund (Griffin Gluck) e dall’amica Gabi Granger (Camille Hyde); il documentario s’intitola American Vandal, ed è proprio quello che vediamo noi spettatori in un cortocircuito tra realtà e finzione. All’inizio della sua ricerca, Peter mette in discussione la credibilità di Alex come testimone chiave, ma l’indagine si ramifica ben oltre i confini dell’atto vandalico e denuda un groviglio di segreti, livori e inganni che coinvolge tutti, studenti e insegnanti, mentre la verità sembra perennemente sfuggire di mano.

Quella che inizialmente sembra una piccola vicenda concentrata in un pugno di attanti, ben presto si rivela un racconto corale animato da personaggi ricorrenti e riconoscibili, in modo non così diverso da un’altra acclamata serie Netflix, Tredici. Anche qui, infatti, cominciamo a sviluppare simpatie o antipatie per determinati studenti o professori, e siamo portati a coltivare teorie o sospetti a seconda del coinvolgimento, della caratterizzazione e dei potenziali moventi dei vari personaggi, fino a una rivelazione conclusiva che lascia una tenue ombra di mistero. In effetti, American Vandal tende un tranello alla nostra morbosità spettatoriale, prendendosi gioco di tutti quei meccanismi che ci tengono incollati ai documentari true crime o agli show televisivi di cronaca nera: la spettacolarizzazione del mistero si articola per mezzo di sapienti cliffhanger, primi piani “empatici” sui volti degli intervistati e argute soluzioni di montaggio che alimentano la tensione, alternando le riprese di Peter e i filmati “di repertorio”. Il trucco è sottile, al punto che quasi non ce ne accorgiamo. Come nelle migliori parodie, American Vandal ci costringe a soffermarci su un dettaglio o un evento di poco conto (in questo caso un normale atto vandalico) e ci induce a prenderlo dannatamente sul serio, perché in primo luogo è la narrazione stessa a prendersi sul serio. Il divertimento non nasce da gag o battute forzate, ma dall’assurdità surreale della situazione, dall’idiozia dei suoi protagonisti – Dylan in primis – e dallo scarto fra la serietà dell’inchiesta e la demenzialità del soggetto.

La serie lavora sui codici del true crime fin dalla sigla (dove Maldonado e Ecklund compaiono come autori) e li mette in scena con una precisione impressionante, dai movimenti di macchina – rigorosamente a mano – ai buffi stratagemmi grafici per ricostruire non solo il “delitto”, ma anche le sue diramazioni: memorabile, in tal senso, la ricostruzione del percorso della bomboletta di vernice spray durante l’epica festa di Rachel Balducci (Catherine Davis), quasi ipnotica per il clima di suspense crescente che instilla nel fruitore. Yacenda, Perrault e Lagana ri-mediano però anche i codici di altri generi, soprattutto il teen drama, la commedia adolescenziale e il giallo, come si evince sia dalla svolta narrativa che porta alla soluzione dell’enigma (dove il caso e la deduzione giocano un ruolo importante, come spesso accade nei gialli) sia dalla sfumatura drammatica che incupisce lo show negli ultimi episodi. Questo perché, al di là della satira, American Vandal è una riflessione amara sull’influenza della popolarità in età puberale, quando i pochi anni del liceo pretendono di definirti come persona, assegnandoti un ruolo sociale basato sulla tua reputazione e sul tuo intelletto ancora acerbo. Le pressioni degli adulti e il giudizio dei coetanei pesano sullo sviluppo dell’individualità, minando le già fragili certezze di un adolescente in fase di crescita. La competitività del contesto americano non fa che amplificare tale frustrazione, e infatti il documentario di Peter ha conseguenze nefaste su molti suoi compagni, i cui altarini rischiano di rovinarne l’immagine o di pregiudicarne la carriera accademica. Un discorso a parte lo merita invece Dylan, che si ritrova intrappolato in una nomea da cui nessuno, docenti compresi, è disposto a scagionarlo, e che lo condiziona a tal punto da trasformarlo proprio in quella figura di cui l’opinione pubblica parla con disprezzo: un vandalo americano. D’altra parte, è più facile archiviare uno studente come “irrecuperabile” piuttosto che sforzarsi di aiutarlo.

Il disincanto con cui si chiude American Vandal dimostra che la satira può essere ben più amara di qualunque forma drammatica, ma anche più lucida nell’esaminare l’immaginario di cui ci nutriamo, l’ambiente con cui ci rapportiamo e l’epoca storica in cui viviamo.

Voto: ★★★★

Se le serie TV sono il tuo pane quotidiano e non puoi farne a meno, non perderti #BingeLove, la sketch comedy targata ScreenWEEK.it, e iscriviti al nostro gruppo dedicato alle serie TV, costantemente aggiornato con tutte le novità legate al mondo del piccolo schermo!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Loki – Uno spot con gli elogi della critica e il video con il cast e gli autori 13 Giugno 2021 - 19:00

Il nuovo spot di Loki include gli elogi della critica, ma c'è anche un video con il cast e gli autori che parlano della serie Marvel.

Jujutsu Kaisen 0 the Movie: Nei cinema giapponesi dal 24 dicembre, nuova visual 13 Giugno 2021 - 18:52

Jujutsu Kaisen 0 the Movie verrà distribuito da Toho nei cinema giapponesi dal 24 dicembre, una nuova visual e prime informazioni sul videogioco RPG mobile Jujutsu Kaisen: Phantom Parade

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth e Chris Pratt in una nuova foto 13 Giugno 2021 - 18:00

Chris Hemsworth pubblica una foto con Chris Pratt per fare gli auguri a... Chris Evans. I due attori indossano i loro costumi di scena sul set di Thor: Love and Thunder.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.