L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Addio a Martin Landau, premio Oscar per Ed Wood

Addio a Martin Landau, premio Oscar per Ed Wood

Di Lorenzo Pedrazzi

Il cinema perde un altro grande: Martin Landau si è infatti spento sabato scorso in un ospedale di Los Angeles, ma la notizia è stata diffusa solo adesso. Aveva 89 anni.

Nato a New York il 20 giugno 1928, Landau cominciò a lavorare come fumettista del Daily News all’età di 17 anni, poi fu ammesso al prestigioso Actors Studio nel 1955, dove studiò con Lee Strasberg, Elia Kazan e Harold Clurman, in compagnia di James Dean (che divenne suo caro amico) e Steve McQueen. Il suo debutto a Broadway risale al 1957 con Nel mezzo della notte, mentre nel 1959 ottenne il suo primo ruolo cinematografico importante: interpretò Leonard in Intrigo internazionale di Alfred Hitchcock, per poi apparire anche in due leggendari colossal come Cleopatra (1963) e La più grande storia mai raccontata (1965).

La sua notorietà popolare, però, è dovuta in gran parte a due ruoli televisivi: quello di Rollin Hand in Mission: Impossible (1966) e quello del Comandante John Koenig in Spazio: 1999 (1975), anche se quest’ultima serie ebbe vita breve. Landau lavorò molto sul piccolo schermo fino alla fine degli anni Ottanta, quando Francis Ford Coppola lo chiamò per Tucker – Un uomo e il suo sogno (1988), che gli fruttò un Golden Globe come Miglior Attore Non Protagonista e una nomination agli Academy Awards. Ottenne la nomination anche l’anno successivo con Crimini e misfatti di Woody Allen, ma l’Oscar arrivò finalmente nel 1994, quando Landau prestò il volto a un anziano Bela Lugosi in Ed Wood di Tim Burton, biopic sul celebre regista di film a basso budget. Una performance delicata, la sua, dove il grande attore agì per sottrazione, lasciando esprimere la teatralità di Lugosi in modo naturale.

In seguito, Martin Landau apparve in un altro film di Tim Burton, Sleepy Hollow (1999), non accreditato, e diede la voce a Mr. Rzykruski in Frankenweenie (2012). Tra le sue partecipazioni cinematografiche si ricordano inoltre EDtv, The Majestic, Hollywood Homicide, City of Ember e 9, ma è il caso di citare anche i suoi ruoli nelle serie Senza traccia ed Entourage, che gli garantirono due nomination agli Emmy Awards. I suoi ultimi due film sono Remember (2015) di Atom Egoyan e The Last Poker Game (2017) di Howard L. Weiner.

martin_landau

Fonte: The Hollywood Reporter

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

WandaVision: come Dick Van Dyke ha aiuta la serie (senza conoscere il MCU) 18 Gennaio 2021 - 21:15

Il regista dai WandaVision Matt Shakman ha parlato dell’incontro che ha avuto con Dick Van Dyke, durante un pranzo a cui ha partecipato anche il Presidente dei Marvel Studios Kevin Feige.

Johnny Depp – Amber Heard: Anche Disney e LAPD chiamate in causa al processo 18 Gennaio 2021 - 21:11

Amber Heard ha citato la Walt Disney Motion Picture Group e la LAPD nei processi in corso contro Johnny Depp. Eccoun aggiornamento sui processi e le querele.

Master of None tornerà su Netflix con la stagione 3 18 Gennaio 2021 - 20:37

Sembra che dopo una pausa di ben tre anni, la serie Master of None sia pronta per tornare su Netflix con la stagione 3.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.