L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Twin Peaks: Perché Michael J. Anderson non ha partecipato alla terza stagione?

Twin Peaks: Perché Michael J. Anderson non ha partecipato alla terza stagione?

Di Filippo Magnifico

LEGGI ANCHE: Twin Peaks – La recensione della première

Difficilmente potrebbe esistere Twin Peaks senza Michael J. Anderson, che ha interpretato “L’Uomo da un altro luogo” nella serie originale e nel film prequel Fuoco Cammina con Me.

Una certezza per gran parte dei fan dello show creato da Mark Frost e David Lynch negli anni ’90, che è stata smentita recentemente con la première dell’attesissima terza stagione. Non era una sorpresa, era già stato annunciato che Michael J. Anderson non avrebbe preso parte al revival ma in ogni caso non vederlo nella loggia nera, accanto all’Agente Speciale Dale Cooper (Kyle MacLachlan), è stato decisamente strano.

the evolution of the arm

“L’Uomo da un altro luogo” non è stato però eliminato dallo show, era lì, con un’altra forma e ci è stato presentato da Mike (Al Strobel), “l’uomo con un braccio solo”, colui che ha generato il personaggio interpretato da Michael J. Anderson.
La mitologia di Twin Peaks è abbastanza complessa ma sappiamo che Mike è un’ex figura malvagia che si è successivamente convertita al bene e nel farlo ha deciso di strapparsi il braccio marchiato con la scritta “Fuoco Cammina con Me“.
Da quel braccio sembra sia nato “l’Uomo da un altro luogo” che in passato si è presentato a Cooper dicendo “I am the arm” (io sono il braccio).

iamthearm

L’albero parlante (una cosa che solo la mente di David Lynch poteva partorire!) che abbiamo visto nella première della terza stagione di Twin Peaks ci è stato presentato da Mike come “The evolution of the arm” (l’evoluzione del braccio) e ha recitato le stesse identiche battute pronunciate da Michael J. Anderson in Fuoco Cammina con Me (“I am the arm and I sound like this“).
Ecco, quindi, cos’è successo all’Uomo da un altro luogo nell’universo narrativo dello show. Si è evoluto, diventando un albero parlante. Una cosa coerente con un’altra battuta che il personaggio aveva pronunciato in passato rivolgendosi a Cooper: “When you see me again it won’t be me“.

tumblr_nouxz6CCOP1rgertho1_500

Insomma, il personaggio non è stato eliminato, si è evoluto in maniera coerente con l’universo di Twin Peaks.
C’è però un altro aspetto che si mischia a questa vicenda e riguarda la sfera personale dei diretti interessati: David Lynch e Michael J. Anderson. I due hanno collaborato in più di un’occasione in passato ma il loro rapporto sembra essersi bruscamente interrotto. L’attore ha anche recentemente confessato su Facebook di non aver mai apprezzato lo show:

Non sono mai riuscito a vedere Twin Peaks perché era troppo noioso. Ogni volta che accendevo la tv c’erano persone in una stanza che parlavano. Nient’altro. E ascoltandoli avrei scoperto che stavano parlando di niente. Ho scoperto di non riuscire a seguire la trama perché non c’era una trama. Un uomo arriva in città per indagare su un caso di omicidio. È tutto. Non è successo nient’altro. Solo persone che parlavano in delle stanze. […] Mi sono piaciute le parti in cui ho recitato (perché ero lì) ma non hanno senso.

Alla base di tutto sembra ci sia una questione economica. L’attore considerava il suo compenso troppo basso e non è stato possibile trovare un accordo ma lo scontro tra i due è andato decisamente oltre, culminando in una serie di gravissime accuse mosse da Michael J. Anderson ai danni di David Lynch. Accuse molto serie, che hanno alimentato i gossip e di cui preferiamo non parlare (potete trovare maggiori informazioni QUI).

Pur dimostrandosi coerente con l’evoluzione della storia, l’assenza di Michael J. Anderson da quest’attesa terza stagione nasconde qualcosa di torbido, quindi, in linea sia con il mondo di Hollywood che con quello dell’apparentemente tranquilla cittadina di Twin Peaks. Un rancore che ha oltrepassato il limite.

twin-peaks-3-copertina

La terza stagione di Twin Peaks sarà composta da 18 episodi e la prima puntata durerà due ore. La storia, ambientata 25 anni dopo l’omicidio di Laura Palmer, racconterà l’odissea dell’agente Cooper di ritorno a Twin Peaks.

È già stato annunciato che il cast include 217 attori noti e meno noti, tra i nomi appartenenti al cast originale di Twin Peaks rivedremo Kyle MacLachlan, Sherilyn Fenn, Madchen Amick, Sheryl Lee e David Duchovny, mentre tra le new entry della 3 stagione figurano Laura Dern, Monica Bellucci, Michael Cera e Trent Reznor. Presente anche lo stesso David Lynch nel ruolo di Gordon Cole, il Capo dell’Ufficio Regionale dell’FBI. Già nella seconda stagione dello show, Cole era stato protagonista di numerose scene ironiche, essendo spesso costretto a parlare a voce alta a causa dei suoi grossi problemi d’udito.

“Twin Peaks” debuttò nel lontano 1990 sul canale americano ABC. Al centro della serie tv c’era l’omicidio della giovane Laura Palmer in una tranquilla cittadina montana al confine tra Stati Uniti e Canada. Il suo singolare mix di mistero, surrealismo e humor, hanno reso lo show uno dei programmi televisivi più amati di sempre, permettendo a Lynch di conquistare numerosi premi.

twin-peaks-3x2-copertina

LEGGI ANCHE: Finite le riprese di Twin Peaks, ecco l’incredibile cast

GUARDA ANCHE: Il teaser di Twin Peaks con Angelo Badalamenti

Questo attesissimo revival comprende molti interpreti della serie originale, tra cui Kyle MacLachlan, Ray Wise, Alicia Witt, Dana Ashbrook, Warren Frost, Sherilyn Fenn, David Duchovny e lo stesso Lynch, ma accoglie anche moltissimi nomi nuovi, come Amanda Seyfried, Jennifer Jason Leigh, Balthazar Getty, Robert Knepper, Robert Forster, Laura Dern, Naomi Watts, Tom Sizemore. Ashley Judd, Monica Bellucci e Tim Roth. La lista completa è consultabile qui.

David Lynch ha diretto ogni singola puntata, e ha scritto le sceneggiature insieme al co-creatore Mark Frost, il quale scriverà un libro che racconterà gli eventi degli ultimi 25 anni (ovvero, il tempo trascorso tra la seconda stagione di Twin Peaks e quella nuova). Angelo Badalamenti tornerà per comporre la colonna sonora, mentre il Twede’s Cafe di North Bend, Washington, sarà nuovamente utilizzato per ospitare il set del Double R Diner.

LEGGI ANCHE: Ci saranno altre stagioni di Twin Peaks?

[AMAZONPRODUCTS asin=”B00KJH8DKI” partner_id=”screenweek-21″]

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Inoltre, non perdete la sezione di ScreenWeek dedicata alle serie tv, dove potrete trovare informazioni e dettagli sui vostri show preferiti.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Thor: Love and Thunder – Foto e video dal set con Matt Damon, Sam Neill, Luke Hemsworth e [SPOILER] 2 Marzo 2021 - 14:30

Matt Damon, Sam Neill e Luke Hemsworth torneranno in Thor: Love and Thunder, dove metteranno in scena gli eventi di Ragnarok.

The Walking Dead: Michael James Shaw sarà Mercer nella stagione 11 2 Marzo 2021 - 13:30

L'interprete di Avengers: Endgame e Limitless sarà il capo dell'esercito del Commonwealth nella stagione finale della serie

Zero – Primo teaser per la serie italiana, dal 21 aprile su Netflix 2 Marzo 2021 - 13:00

È disponibile il teaser di Zero, serie italiana dove un ragazzo scopre di poter diventare invisibile. Uscirà il prossimo 21 aprile su Netflix.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.