L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Jupiter’s Moon, lo spettacolare I figli degli Uomini ungherese

Jupiter’s Moon, lo spettacolare I figli degli Uomini ungherese

Di Andrea D'Addio

Ungheria, confine con la Serbia. Un gruppo di migranti sta provando ad entrare all’interno di ciò che significa Unione Europea a bordo di imbarcazioni di fortuna. Viene intercettato dalla polizia di frontiera. Provano a scappare, chi a nuoto, chi a piedi lungo l’argine, ma le autorità sparano senza pietà e, in alcuni casi, direttamente al cuore. Uno di loro però, nonostante le tre pallottole nello sterno, si rialza. O meglio, fa anche di più: si alza in volo. Non lo nota nessuno, lui stesso è sconvolto da ciò che gli sta succedendo, ma non sa maneggiare il suo “potere” ed è anche debilitato dalle ferite. Ripiomba per terra in mezzo al bosco. Viene ritrovato e portato in un centro d’accoglienza vicino a Budapest. È lì che viene visitato da un dottore dalla dubbia morale, ma completamente stupefatto da ciò che vede quando prova ad estrarre le pallottole dal corpo del ragazzo fino a quel momento disteso sul lettino. Decide di nascondere ciò che ha visto e aiuta il ragazzo a fuggire. Il suo obiettivo è utilizzarlo per fare un po’ di soldi in città, “venderlo” come un angelo arrivato sulla Terra per benedire e dare l’estrema unzione a ricchi malati sul punto di morte. Sulle loro tracce c’è però un detective senza scrupoli…

Jupiter's Moon Foto Dal Film 03

Nel 2006 a Venezia veniva presentato I figli degli uomini di Alfonso Cuarón, storia di un mondo senza nascite fin quando una donna povera e nera, l’ultima persona da cui ci aspetterebbe un bambino, non rimane incinta. La sua protezione veniva affidata ad un uomo disilluso dalla vita che, nonostante più volte sia tentato di abbandonare il compito, alla fine si rivela un eroe. La stessa dinamica, nonché i riferimenti biblici (tanto parodiati quanto a volte presi in maniera estremamente seria) ricorre in Jupiter’s Moon. Non è l’unico punto di contatto con I figli degli uomini (che, a detta di chi scrive, è una delle più importanti pellicole del secolo in corso). Dal personaggio del dottore (che ricorda quello di Clive Owen a patire dall’impermeabile indossato) alle scene d’inseguimento, passando per il fischio post attentato ad una regia che insiste ossessivamente sui piani sequenza senza però apparire leziosa: Jupiter’s Moon è una grande festa per gli occhi e chi ama le storie che ti attaccano alla poltrona dall’inizio alla fine.
La scena dell’inseguimento in auto così come quelle in cui il ragazzo protagonista si eleva e guarda il mondo dall’alto non ha nulla da invidiare ai kolossal americani. In tutto ciò si inserisce sia critica feroce alle politiche d’accoglienza ungheresi, violente e spesso bugiarde al fine di scuotere l’opinione pubblica contro i richiedenti asilo senza però spingere il pedale fino in fondo: è vero che tra gli immigrati c’è un angelo, ma ci sono anche terroristi pronti a fare attentati. Emblematica in tal senso è anche la scelta del titolo: una didascalia ad inizio pellicola ci rivela che lune di Giove citata è quella scoperta da Galileo e da lui chiamata Europa.

A Cannes, dove il film è stato presentato in concorso, Jupiter’s Moon ha letteralmente diviso la critica. C’è chi l’ha amato e chi detestato. Nessuna via di mezzo. Successe anche nel 2006 con I figli degli uomini, pellicola poi diventata punto di riferimento stilistico di tanti film successivi. A nostro avviso, tranne qualche lungaggine di troppo, il più grosso difetto di Jupiter’s Moon è il debito che ha nei confronti del film di Cuarón. Il che, paradossalmente, è anche un complimento, un grandissimo complimento.

A nostro avviso uno dei più importanti film di questo secolo. A distanza di 11 anni, al Festival di Cannes, arriva Jupiter’s Moon, pellicola ungherese chiaramente ispirata dal film del cineasta messicano che rinnova, declinandolo sulla più recente attualità, sia uno stile che una versione del mondo analoga.

Jupiter's Moon Foto Dal Film 02

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Lucca Changes – Cosa cambia dopo l’ultimo DPCM 23 Ottobre 2020 - 1:32

Cosa è cambiato dopo l'ultimo DPCM nel programma di Lucca Changes, dalle conferme alle cancellazioni ai rimborsi dei biglietti

Michael Keaton rivela chi è il miglior Batman e parla di The Flash 22 Ottobre 2020 - 23:29

Michael Keaton ha rivelato chi, secondo lui, è il miglior Batman. L'attore ha anche parlato del suo 'casting' in The Flash

Falcon & Winter Soldier: Wyatt Russell non sarà U.S. Agent, ma Captain America! 22 Ottobre 2020 - 21:30

Davamo per scontato che John Walker sarebbe stato U.S. Agent, ma pare che sarà ufficialmente il nuovo Cap

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).