L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Alcolista, la recensione del film di Lucas Pavetto

Alcolista, la recensione del film di Lucas Pavetto

Di Filippo Magnifico

Daniel (Bret Roberts) vive per soddisfare la sua sete di alcol e la sua sete di vendetta, che lo stanno divorando dall’interno come un cancro. Passa le sue giornate a bere e a spiare il suo vicino di casa (Bill Moseley) con l’obiettivo di ucciderlo. La sua vita si incrocia con quella di Claire (Gabriella Wright), un’operatrice di un centro per alcolisti anonimi, che cerca di aiutarlo e di liberarlo dalla sua dipendenza. Ma l’alcolismo di Daniel non sembra possibile da curare, ha già provocato profondi danni nella sua psiche e la disintossicazione potrebbe rivelarsi la strada sbagliata.

Alcolista Bret Roberts foto dal film 2

L’alcolismo e i suoi danni sono più volte intervenuti nel mondo della settima arte, declinati con sfumature diverse più o meno tragiche. Alla lista di pellicole che riflettono su questo argomento (usandolo come spunto per discorsi più profondi) si unisce Alcolista, ultima fatica di Lucas Pavetto. Un progetto che unisce Italia e America, prodotto e distribuito da due realtà indipendenti nostrane come Dea Film e West46 ma girato negli negli Stati Uniti, in inglese, con troupe italiana e con un cast straniero (se si esclude la siciliana Tania Bambaci) che può vantare grandi nomi del cinema di genere come Bill Moseley (La Casa del Diavolo) e una piccola apparizione del papà della Troma Lloyd Kaufman.

Il risultato di questa unione è un’opera oscura, disperata, per certi versi accostabile a L’uomo senza sonno di Brad Anderson ma più lineare a livello di trama. Muovendosi tra tormento concreto e onirico, Lucas Pavetto ha dato vita ad una pellicola che fa della dipendenza il suo leitmotiv, fisica, ovviamente, ma anche mentale. Alcolista porta sul grande schermo l’ossessione a 360°, scegliendo come protagonista un uomo che ha perso tutto ma riesce a reggersi in piedi (in modo molto figurato) perché spinto a fare ciò che il suo corpo e la sua mente gli dicono di fare, poco importa se giusto o sbagliato.

Degli ottimi spunti penalizzati in parte dalla loro stessa essenza. Nel voler essere scarno e al tempo stesso complicato, lineare e contemporaneamente onirico, Alcolista riesce a rendere in maniera efficace la difficile e complicata situazione di chi vive tormentato dalla dipendenza dall’alcol ma soccombe sotto il suo eccesso di manierismo. Resta in ogni caso una pellicola interessante, distante dalla miriade di produzioni standardizzate tipiche del nostro cinema e proprio per questo degna di nota.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.
ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

John Cleese commenta le scuse di Hank Azaria per il suo doppiaggio di Apu 21 Aprile 2021 - 11:11

Hank Azaria, tra i più importanti doppiatori originali de I Simpson, ha chiesto recentemente scusa per il doppiaggio di Apu Nahasapeemapetilon. Ecco il commento di John Cleese.

The Witcher, You e Cobra Kai torneranno su Netflix a fine 2021 21 Aprile 2021 - 10:30

Le nuove stagioni delle tre serie arriveranno nel quarto trimestre dell'anno, insieme ai film Red Notice ed Escape from Spiderhead

Crudelia – Nuove immagini per il live action Disney con Emma Stone 21 Aprile 2021 - 9:45

Emma Stone sfoggia i costumi di Crudelia nelle nuove foto del live action Disney, che uscirà il prossimo 28 maggio su Disney+ con accesso premium.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.