L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ghost in the Shell – Le reazioni dei fan giapponesi, tra whitewashing e fedeltà all’originale

Ghost in the Shell – Le reazioni dei fan giapponesi, tra whitewashing e fedeltà all’originale

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: La recensione di Ghost in the Shell

Come accade spesso quando un manga o anime giapponese viene adattato da Hollywood, anche Ghost in the Shell ha incontrato le critiche di alcuni appassionati, ma pare che i fan occidentali siano molto più severi e intransigenti di quelli giapponesi.

The Hollywood Reporter ha raccolto le reazioni di alcuni di loro, e il risultato è interessante, soprattutto per quanto riguarda la polemica del whitewashing (ovvero, il fatto che la protagonista sia interpretata da un’attrice caucasica come Scarlett Johansson). In generale, la performance della star americana è stata apprezzata, così come l’apparato estetico del film, mentre i temi alla base della trama sono stati giudicati superficiali in confronto al manga di Masamune Shirow.

Ecco l’opinione di Tomoki Hirano, intervistato dopo aver visto il blockbuster al Toho Cinema di Shinjuku, a Tokyo:

Ha un aspetto molto fico, e mi è piaciuto molto. Non hanno solo tentato di copiare l’originale, ma si sono inventati una storia nuova, che è un approccio migliore.

Inoltre:

Trattandosi di una produzione hollywoodiana, hanno potuto usare un budget di quella consistenza per creare effetti visivi di quel livello.

Hirano non ha problemi con il casting di Scarlett Johansson:

È molto cool. L’ho amata in The Avengers, e volevo vedere questo film perché c’era lei. Se avessero fatto una versione in live-action giapponese, probabilmente avrebbero scritturato qualche stupida cantante pop.

Meno convincente, dal suo punto di vista, è il modo in cui sono stati trattati i temi della storia:

Era quella la base della storia originale: dove risiede l’anima? Ha influenzato film come Matrix, ma non è stata trattata in questo film.

Yuki, giovane impiegato che ha visto Ghost in the Shell nello stesso cinema, ha espresso un parere molto simile:

L’estetica era fantastica. Credo fosse il migliore stile visivo che potessero fare in una versione live-action. La storia però era un po’ superficiale; non si addentrava a fondo nei temi dell’anime. Ma è una versione hollywoodiana, quindi è proprio ciò che ti aspetti.

Yukio non ha letto il manga, e sostiene che Scarlett Johansson fosse “probabilmente la scelta migliore” per interpretare la protagonista:

Ho sentito che la gente negli U.S.A. voleva un’attrice asiatica per interpretarla. Sarebbe andato bene se fosse stata asiatica o asiatica-americana? Onestamente, sarebbe stato peggio se qualcuno da un altro paese asiatico si fosse finto giapponese. Meglio limitarsi a rappresentarla come bianca.

Si tratta solo di due testimonianze, quindi non sappiamo se rappresentino il pensiero generale, ma non c’è dubbio che le polemiche sul whitewashing siano talvolta frutto di un’ossessione tutta occidentale (e paternalistica) per il politicamente corretto. Non sempre, ovvio: ci sono casi in cui sono sacrosante. Ma con Ghost in the Shell, come dimostra il commento di Tomoki Hirano, vale il discorso sullo star power: il film è stato realizzato anche grazie al coinvolgimento di una diva come Scarlett Johansson, che ha il potere di facilitare la realizzazione di qualunque progetto. Al momento, nessuna attrice giapponese possiede lo stesso star power a livello mondiale. Inoltre, nella polemica c’è un elemento superficiale che Yukio ha sottolineato molto bene: scegliere un’attrice “genericamente” asiatica (di nascita o di origine) per interpretare un personaggio giapponese sarebbe stato ancora più offensivo.

ghostintheshell-scarlett

LEGGI ANCHE:

Ghost in the Shell è un mash-up che omaggia Oshii

Avi Arad svela quali elementi sono stati inclusi in Ghost in the Shell

Il manga segue le vicende della Sezione 9, un’organizzazione antiterroristica che opera nel Giappone del futuro, specializzata nella risoluzione di crimini informatici e tecnologici. A capo della Sezione 9 c’è l’agente Motoko Kusanagi, il cui corpo è stato interamente sostituito da protesi artificiali; anche i suoi colleghi sono equipaggiati con impianti cibernetici, ma conservano ancora il loro corpo originale. Al di là della sua componente spettacolare, il manga è caratterizzato da profonde riflessioni esistenziali legate al rapporto tra umanità e tecnologia, e alla progressiva fusione di queste due sfere.

Nel cast figurano anche Michael Pitt, Takeshi Kitano (Daisuke Aramaki), Juliette Binoche (Dr. Ouelet), Pilou Asbæk (Batou) e Kaori Momoi. I membri della Sezione 9 sono interpretati da Chin Han, Danusia Samal, Lasarus Ratuere, Yutaka Izumihara e Tuwanda Manyimo. Il regista è Rupert Sanders (Biancaneve e il Cacciatore), mentre Bill Wheeler (Il fondamentalista riluttante) e Jonathan Herman (Straight Outta Compton) hanno scritto la sceneggiatura.

La produzione di Ghost in the Shell è a cura della Dreamworks e di Steven Spielberg, grande fan del manga.

Fonte: The Hollywood Reporter

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI GHOST IN THE SHELL!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

What If…? – Marvel condivide il volantino del Gran Maestro per il party di Thor 26 Settembre 2021 - 20:00

Il Gran Maestro ci invita all'epocale party di Thor nel volantino tratto dal settimo episodio di What If...?, uscito questa settimana su Disney+.

Dalla mia finestra: il teaser trailer della serie teen spagnola Netflix 26 Settembre 2021 - 18:00

La serie, tratta dai romanzi di Ariana Godoy, arriverà su Netflix il 4 febbraio 2022

Eternals potrebbe essere uno dei film più lunghi del MCU 26 Settembre 2021 - 17:00

Pare che Eternals durerà 156 minuti, e in tal caso sarebbe il terzo film più lungo del Marvel Cinematic Universe, dopo Endgame e Infinity War.

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

LEGGI ANCHE: La recensione di Ghost in the Shell Come accade spesso quando un manga o anime giapponese viene adattato da Hollywood, anche Ghost in the Shell ha incontrato le critiche di alcuni appassionati, ma pare che i fan occidentali siano molto più severi e intransigenti di quelli giapponesi. The Hollywood Reporter ha raccolto le […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.