L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Scappa – Get Out, la recensione del thriller dei record

Scappa – Get Out, la recensione del thriller dei record

Di Redazione SW

Recensione a cura di Adriano Ercolani, New York.

Quante volte si è letto in una recensione, in particolar modo quando ci si riferisce al thriller o all’horror, che il cinema di genere è capace di contenere dietro la facciata del puro intrattenimento anche un’analisi critica della società contemporanea?

Se questo è un discorso che può indubbiamente essere accostato a numerosi lungometraggi negli ultimi tempi tuttavia nessuno di essi è riuscito a proporlo con la forza dirompente di Scappa – Get Out. Fin dalle prime scene l’esordio alla regia dell’attore comico (!) Jordan Peele riesce a catturare lo spettatore grazie al crescendo perfettamente calibrato di un’atmosfera angosciosa e insieme perfettamente plausibile. L’inferno in cui si viene a trovare suo malgrado il protagonista Chris (prova magistrale del giovane Daniel Kaluuya) è fatto di tranquille strade di campagna, di lussuose villette isolate, di famiglie benestanti le cui vedute liberal sono anche più inquietanti delle opinioni conservatrici dei loro opposti ideologici. La superficie fragile della normalità in Get Out non s’incrina per lasciar trasparire il male, è essa stessa il male. I ribaltamenti di prospettiva che svelano la vera identità dei personaggi in scena sono soltanto funzionali al genere cinematografico, perché fin dal principio il pubblico può “sentire” l’orrore pulsante di un tessuto sociale – ma prima ancora mentale – marcio.get-out-allison-williams-daniel-kaluuya

Quando si affronta il tema del razzismo nella società americana quasi sempre l’approccio scelto è quello più rassicurante del racconto al passato, con l’intento di mostrarlo presente ma in un tempo “altro”. Un esempio di questo processo di distanziamento storico è il pur convincente Il Diritto di Contare, nelle sale italiane in questi giorni. Get Out al contrario ha il coraggio di metterlo in scena tra le maglie del nostro presente, sviscerando il perbenismo ipocrita di un modo di vedere “bianco” che sconfina nel paternalismo odioso, avvalorato dal politicamente corretto. Peele, autore anche della sceneggiatura, sbugiarda questo velo di menzogna con un film agghiacciante, lucidissimo nell’esposizione delle psicologie, provocatorio quando costringe lo spettatore a sorridere anche dell’ottusità dell’opposto punto di vista, quello afroamericano che forse si è ormai adagiato all’idea di essere semplicemente “accettato”.

Dopo la notevole esperienza cinematografica di Split anche Get Out – senza dubbio più scioccante del film di M. Night Shyamalan – conferma che il thriller ha ancora molto da raccontare quando affronta le contraddizioni del nostro presente. Jordan Peele lo ha fatto con una maturità e competenza sorprendenti per un esordiente, confezionando quello che forse è il miglior film di questo inizio di 2017.

GET OUT – GUARDA IL TRAILER DEL FILM

Schermata 2017-03-02 alle 13.00.52

Nel cast troviamo Daniel Kaluuya (Sicario), Allison Williams (Girls), Catherine Keener (Captain Phillips), Bradley Whitford (Quella casa nel bosco), Caleb Landry Jones (la serie X-Men), Milton “Lil Rel” Howery (The Carmichael Show), Betty Gabriel (La notte del giudizio: Election Year), Marcus Henderson (Il drago invisibile) e Keith Stanfield (Straight outta Compton). Scritto e diretto da Jordan Peele, Get Out ha fatto il suo ingresso nelle sale americane il 24 febbraio 2017 mentre in Italia arriverà il 18 maggio distribuito da Universal Pictures.

CLICCA SULLA SCHEDA PER SCOPRIRE TUTTO SUL FILM.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Gabriele Muccino rinnega Quello che so sull’amore, il film con Gerard Butler “fu un vero incubo” 12 Aprile 2021 - 14:30

Gabriele Muccino è tornato sui social. Lo ha fatto per disconoscere ufficialmente un suo film: Quello che so sull’amore, il suo terzo film americano, realizzato nel 2012 dopo La ricerca della felicità e Sette anime.

Carrie-Ann Moss racconta di aver ricevuto offerte per “ruoli da nonna” subito dopo aver compiuto 40 anni 12 Aprile 2021 - 13:45

Carrie-Ann Moss parla del modo in cui l'industria hollywoodiana vede le donne non appena compiono 40 anni, rivelando la sua esperienza.

Joseph Siravo è morto, aveva recitato in Carlito’s Way e nei Soprano 12 Aprile 2021 - 12:45

Joseph Siravo è morto. Aveva 64 anni e da tempo era malato di cancro. Nel corso della sua carriera era comparso in pellicole come Carlito's Way e in serie come I Soprano.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.