L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Joss Whedon non è un fan del binge-watching

Joss Whedon non è un fan del binge-watching

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: Il nostro speciale dedicato all’anniversario di Buffy

Il successo crescente di Netflix ha rivoluzionato la fruizione delle serie tv attraverso il binge-watching, poiché l’immediata disponibilità di tutte le puntate di una serie – come accade sulla celebre piattaforma streaming – induce il pubblico a vedere intere stagioni in un colpo solo, con sporadiche (o inesistenti) pause tra un episodio e l’altro.

Quest’abitudine è ormai consolidata, ma non tutti la condividono: Joss Whedon, che ha appena festeggiato il ventennale di Buffy, ha toccato l’argomento durante un’intervista con The Hollywood Reporter, e ha spiegato per quale motivo non ama l’idea che un’intera stagione venga pubblicata tutta insieme:

Non lo vorrei fare. Vorrei che la gente tornasse ogni settimana e vivesse l’esperienza di guardare qualcosa nello stesso momento. Abbiamo pubblicato Doctor Horrible in tre atti. Lo abbiamo fatto, in parte, perché sono cresciuto guardando miniserie come Lonesome Dove. Adoro la televisione-evento. E mentre [la produzione di Doctor Horrible] stava per sfumare, ho pensato, “Facciamolo su internet!”. Nel corso di quella settimana, le discussioni su quello show mutarono di continuo. Era entusiasmante da guardare. Ovviamente Netflix sta producendo un sacco di roba straordinaria. E se venissero da me e dicessero “Ecco tutti i soldi! Fai quello che vuoi!”, io risponderei “Potete distribuirlo come volete. Ciao”. Ma le mie preferenze sono più “vecchia scuola”. Qualunque cosa cui possiamo aggrapparci che permetta di fare qualcosa di specifico, un episodio specifico, è utile per il pubblico. Ed è utile anche per gli sceneggiatori. “Questo è ciò di cui parliamo questa settimana!”. Avere sei, dieci, tredici ore senza un momento in cui gli spettatori possano respirare e assorbire ciò che abbiamo fatto… dire “Oh, questa è solo la parte 7 di 10”, lo rende amorfo da punto di vista emotivo. E questo mi preoccupa nella nostra cultura, il fatto di avere accesso a tutto in qualunque momento. Detto questo, se è ciò che la gente vuole, io continuerò a lavorare altrettanto duramente. Mi adatterò.

Secondo il creatore di Firefly, il binge-watching diluisce il potere di uno show:

Più realizziamo prodotti granulari e meno completi, più diventa uno stile di vita più che un’esperienza. Diventa parte dell’ambiente. Perde il suo potere, e anche noi perdiamo qualcosa. Perdiamo la nostra comprensione della narrativa. Che è quello per cui ci rivolgiamo alla televisione. Vogliamo vedere la risoluzione. Sono affezionato a questo riferimento, ma si tratta di “Angela Lansbury trova un assassino” [ogni settimana]. Sta diventando un po’ più difficile attenersi a quello schema. Il binge-watching, Dio sa se l’ho fatto, è estenuante – ma può essere piacevole. Non è il diavolo. Ma mi preoccupa. Fa parte di una questione più grande.

Da questo punto di vista, Whedon non ha torto: la cultura del “tutto e subito” può essere molto nociva perché tende a viziare il fruitore, limitando le possibilità di comprensione, riflessione e rielaborazione. Al contempo, però, le piattaforme on-line stabiliscono con gli utenti un rapporto meno dittatoriale, poiché consentono a ogni spettatore di costruire il proprio “palinsesto” nel modo più consono ai suoi tempi, ai suoi ritmi e ai suoi gusti, offrendogli così un ruolo meno passivo; inoltre, le serie di Netflix (e non solo) hanno spesso una struttura orizzontale, senza episodi autoconclusivi, e si avvicinano maggiormente all’idea di un unico film suddiviso in otto, dieci o tredici parti, a seconda dei casi: in tal senso, la pubblicazione di tutte le puntate contemporaneamente garantisce una maggiore coesione, agevolando la comprensione dell’opera nel suo insieme.

In ogni caso, è sempre bene vedere (o rivedere) il sopracitato Doctor Horrible’s Sing-Along-Blog, gioiellino che negli anni è diventato un vero e proprio cult:

Fonte: SlashFilm

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Inoltre, non perdete la sezione di ScreenWeek dedicata alle serie tv, dove potrete trovare informazioni e dettagli sui vostri show preferiti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Indiana Jones 5: Prima immagine ufficiale di Harrison Ford 26 Maggio 2022 - 21:49

Ecco Harrison Ford nei panni di Indiana Jones nella prima immagine ufficiale del quinto capitolo del franchise, diretto da James Mangold

The Mandalorian: la stagione 3 a febbraio su Disney+ 26 Maggio 2022 - 21:49

Nel corso della Star Wars Celebration è stato annunciato che la terza stagione di The Mandalorian arriverà su Disney+ a febbraio 2023.

Star Wars: Skeleton Crew, Jude Law protagonista della nuova serie live action 26 Maggio 2022 - 21:34

Jude Law è il protagonista della nuova serie di Star Wars, Star Wars: Skeleton Crew, che debutterà nel 2023.

Cip e Ciop Agenti Speciali: i 30 cameo ed easter egg più fuori di testa 24 Maggio 2022 - 16:01

Un film d'animazione Disney in cui c'è DI TUTTO? Pronto!

Thor: Love and Thunder, il nuovo trailer spiegato a mia nonna 24 Maggio 2022 - 8:04

Gorr il Macellatore di Dei

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.