Condividi su

18 marzo 2017 • 19:00 • Scritto da Marlen Vazzoler

Disney – Niente remake live action per i film animati usciti dopo il 2000

Sean Bailey parla dei prossimi remake live action della Disney e fornisce degli aggiornamenti su Aladdin, Mulan, Pinocchio e Il re Leone
La Bella e la Bestia 01
0

Il successo postumo del merchandise di The Nightmare Before Christmas ha spinto la Disney a voler ‘rinfrescare’ alcuni vecchi lungometraggi animati con dei remake live action.
In passato erano stati realizzati due adattamenti live action della Carica dei 101 e due dedicati al Libro della Giungla, ma con il film Alice in Wonderland di Tim Burton è stata inaugurata una nuova serie di film, come al solito destinati ai quattro quadranti, in grado di mantenere lo spirito dei film Disney ma al contempo competitivi, realizzati con le ultime tecnologie e creati da filmaker e attori di talento.

Così oltre alle pellicole di Burton su Alice sono arrivati nelle sale Maleficent, Cenerentola, Il libro della giungla di Favreau e La Bella e la Bestia. Al momento lo studio sta lavorando a più di una dozzina di remake basati sui 56 ‘Classici Disney‘ prodotti dagli Walt Disney Animation Studios, ma Sean Bailey presidente della divisione Motion Picture Production dei Walt Disney Studios avverte che la fine della fase rinascimentale dello studio segna una linea di demarcazione non ufficiale, attorno all’anno 2000, per i film presi in considerazione.

“Non stiamo guardando nulla che sia troppo recente, [nulla] che dia ancora la sensazione di provenire dalla corrente animazione della Disney”.

Tenendo presente che Tarzan segna la fine del Rinascimento Disney, lo studio per il momento potrebbe considerare un bacino di 37 pellicole per la creazione dei suoi remake live action.

prince-cinderella-header

Per ogni remake il team decide quanto il nuovo film deve seguire l’opera originale. Ad esempio nel caso di Cenerentola nel progetto iniziale la protagonista era stata abbandonata a sé stessa, creduta morta, e la giovane ha dovuto farsi strada attraverso una foresta dove ha incontrato un cavaliere farabutto. Alla fine hanno deciso di ricreare la storia classica in cui doveva assolutamente esserci la scena del ballo. Mentre nel caso della Bella e la Bestia, è stato importante bilanciare la presenza di nuove canzoni con quelle vecchie.

Ma l’opera originale non è l’unico punto di riferimento, ad esempio per Il re Leone Favreau prenderà in considerazione anche lo spettacolo di Broadway, mentre il musical di Pinocchio che uscirà prossimamente al National Theatre di Londra sarà utile per l’adattamento live action, spiega Bailey.

aladdin-film

Trovare il filmaker giusto per il progetto è un altro elemento chiave per queste produzioni:

“Questi registi hanno le loro specifiche sensibilità e competenze, se riesci a catalizzarle in un modo inaspettato, potresti trovarti con qualcosa di meglio di un’altra persona che segue il playbook della Disney o il proprio. Qualche volta capita che ‘uno più uno è uguale a tre'”.

E l’Aladdin di Guy Ritchie, spiega Bailey, è un esempio di questa sintesi tra il filmaker e la storia:

“Guy si è interessato alla realizzazione di un film Disney e ne abbiamo parlato molto. Quando abbiamo parlato di Aladdin ha detto: ‘Le mie storie parlano di truffatori di strada. Questo è quello che so fare. E Aladdin è un classico imbroglione di strada il che lo rende perfetto’. Guy ha la sua versione di quella storia ma ha voluto onorare e rispettare la versione Disney. Non vogliamo mai avere la sensazione di possedere un playbook su queste cose perché ci preoccupa, potremmo diventare compiacenti a livello creativo. L’idea di un musical Disney di Guy Ritchie altamente energizzato ci ha fatto pensare ‘Oh, non l’abbiamo fatto prima'”.

Anche nel caso di Aladdin dovranno essere presenti alcuni elementi, anche se Bailey non rivela quali, mentre il film di Mulan sarà ‘più muscoloso, più forte e con un tocco di Ridley Scott‘. Secondo delle fonti di Vulture per il momento il film sull’eroina cinese non sarà un musical alla stregua di La Bella e la Bestia e Aladdin.

Quel che è certo è che il team d Bailey ha tanto di quel materiale da cui attingere che potrebbero andare avanti per dei decenni a fare dei remake, quindi non ci resta che metterci comodi ed attendere il prossimo film.

Fonte Vulture

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.
ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *