L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Autopsy – La recensione dell’horror con Brian Cox e Emile Hirsch

Autopsy – La recensione dell’horror con Brian Cox e Emile Hirsch

Di Filippo Magnifico

Siamo tutti libri di sangue; in qualunque punto ci aprano, siamo rossi”.

La frase è di Clive Barker ed è in grado di evocare un discreto numero di immagini macabre. Questa citazione ha anche il pregio di descrivere alla perfezione le sensazioni che si provano durante la visione di Autopsy (titolo originale The Autopsy of Jane Doe), ultima fatica del regista di Trollhunter André Øvredal. Un horror claustrofobico che strizza l’occhio alle classiche storie gialle/poliziesche alla CSI, quelle, per intenderci, con una scena del crimine e un gruppo di persone impegnate a trovare e raccogliere anche il più piccolo indizio per risolvere l’enigma.

Il corpo senza vita di una donna arriva in un obitorio. Chi è? Perché è morta? Per trovare una risposta è necessario, appunto, esaminare la scena del crimine, che però corrisponde a quel cadavere. Durante l’autopsia Jane Doe (nome generico usato oltreoceano per identificare persone la cui identità è sconosciuta) si rivela, strato dopo strato, pagina di sangue dopo pagina di sangue, fino all’inquietante verità. Ad eseguire l’autopsia troviamo Tony Tilden (Brian Cox) e il figlio Austin (Emile Hirsch), che gestiscono un obitorio in un paesino della Virginia. Due personalità unite ma al tempo stesso opposte, professionale e solo all’apparenza freddo il padre, che opera con la nonchalance tipica di chi ha dissezionato corpi per anni; decisamente più emotivo il figlio, che subito comincia ad intuire che c’è qualcosa che non va nel corpo di quella donna e che forse sarebbe meglio non proseguire con l’autopsia.

Autopsy

Ambientazione quasi unica ma considerando che si tratta di un obitorio la suggestione di certo non manca. Un cast altrettanto minimale, che comprende anche la giovane Olwen Catherine Kelly nel ruolo, immobile, di Jane Doe. Se da un lato queste componenti sono ridotte al minimo sindacale, è anche vero che il risultato per quanto riguarda i brividi è inversamente proporzionale. Autopsy gioca bene ogni sua carta, non indugiando facilmente sulla componente splatter e regalandoci un vero e proprio viaggio all’insegna del terrore. Il regista André Øvredal non ci risparmia quasi niente per quanto riguarda i dettagli truculenti, è vero, ma riesce sempre a mantenere un certo distacco, lo stesso dei protagonisti, abituati da anni ad effettuare quel lavoro. Niente exploitation fine a se stessa, insomma, ma un più efficace occhio clinico che non distrae lo spettatore dall’escalation continua della tensione.

E se da un lato è facile intuire la soluzione dell’enigma che si trovano di fronte i due protagonisti, è altrettanto vero che questo non influisce in alcun modo sull’atmosfera del film, in grado di dare il meglio nei momenti più silenziosi, giocando a astutamente sul fatto che lo spettatore sa bene che qualcosa di orribile sta per succedere. Funzionale è anche la profonda malinconia che aleggia costantemente sulla storia, frutto di dinamiche familiari e di un’efficace colonna sonora. Autopsy è, in poche parole, un horror decisamente riuscito. Non perfetto (quale opera lo è in fin dei conti?) ma avvincente ed è questa la cosa più importante, visto il genere e la sfida che la storia impone.

Autopsy farà il suo ingresso nelle sale italiane l’8 marzo, distribuito da M2 Pictures.

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Far East Film Festival 23: 60 film in arrivo tra cui Endgame e Wheel of Fortune and Fantasy 6 Maggio 2021 - 18:53

Saranno sessanta i film della line-up della 23ma edizione del Far East Film Festival, tra cui il cinese Endgame e in concorso il giapponese Wheel of Fortune and Fantasy

Gabriele Muccino lascia la giuria dei David Di Donatello 6 Maggio 2021 - 18:32

Prosegue la battaglia di Gabriele Muccino contro i David di Donatello!

Nintendo – Chris Meledandri diventa direttore esterno, altri progetti animati in arrivo 6 Maggio 2021 - 17:43

Il presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa rivela che la compagnia è interessata in altri progetti animati, mentre a fine giugno gli azionisti voteranno per l'entrata di Chris Meledandri, CEO di Illumination, nel consiglio di amministrazione

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.