L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Autopsy – La recensione dell’horror con Brian Cox e Emile Hirsch

Autopsy – La recensione dell’horror con Brian Cox e Emile Hirsch

Di Filippo Magnifico

Siamo tutti libri di sangue; in qualunque punto ci aprano, siamo rossi”.

La frase è di Clive Barker ed è in grado di evocare un discreto numero di immagini macabre. Questa citazione ha anche il pregio di descrivere alla perfezione le sensazioni che si provano durante la visione di Autopsy (titolo originale The Autopsy of Jane Doe), ultima fatica del regista di Trollhunter André Øvredal. Un horror claustrofobico che strizza l’occhio alle classiche storie gialle/poliziesche alla CSI, quelle, per intenderci, con una scena del crimine e un gruppo di persone impegnate a trovare e raccogliere anche il più piccolo indizio per risolvere l’enigma.

Il corpo senza vita di una donna arriva in un obitorio. Chi è? Perché è morta? Per trovare una risposta è necessario, appunto, esaminare la scena del crimine, che però corrisponde a quel cadavere. Durante l’autopsia Jane Doe (nome generico usato oltreoceano per identificare persone la cui identità è sconosciuta) si rivela, strato dopo strato, pagina di sangue dopo pagina di sangue, fino all’inquietante verità. Ad eseguire l’autopsia troviamo Tony Tilden (Brian Cox) e il figlio Austin (Emile Hirsch), che gestiscono un obitorio in un paesino della Virginia. Due personalità unite ma al tempo stesso opposte, professionale e solo all’apparenza freddo il padre, che opera con la nonchalance tipica di chi ha dissezionato corpi per anni; decisamente più emotivo il figlio, che subito comincia ad intuire che c’è qualcosa che non va nel corpo di quella donna e che forse sarebbe meglio non proseguire con l’autopsia.

Autopsy

Ambientazione quasi unica ma considerando che si tratta di un obitorio la suggestione di certo non manca. Un cast altrettanto minimale, che comprende anche la giovane Olwen Catherine Kelly nel ruolo, immobile, di Jane Doe. Se da un lato queste componenti sono ridotte al minimo sindacale, è anche vero che il risultato per quanto riguarda i brividi è inversamente proporzionale. Autopsy gioca bene ogni sua carta, non indugiando facilmente sulla componente splatter e regalandoci un vero e proprio viaggio all’insegna del terrore. Il regista André Øvredal non ci risparmia quasi niente per quanto riguarda i dettagli truculenti, è vero, ma riesce sempre a mantenere un certo distacco, lo stesso dei protagonisti, abituati da anni ad effettuare quel lavoro. Niente exploitation fine a se stessa, insomma, ma un più efficace occhio clinico che non distrae lo spettatore dall’escalation continua della tensione.

E se da un lato è facile intuire la soluzione dell’enigma che si trovano di fronte i due protagonisti, è altrettanto vero che questo non influisce in alcun modo sull’atmosfera del film, in grado di dare il meglio nei momenti più silenziosi, giocando a astutamente sul fatto che lo spettatore sa bene che qualcosa di orribile sta per succedere. Funzionale è anche la profonda malinconia che aleggia costantemente sulla storia, frutto di dinamiche familiari e di un’efficace colonna sonora. Autopsy è, in poche parole, un horror decisamente riuscito. Non perfetto (quale opera lo è in fin dei conti?) ma avvincente ed è questa la cosa più importante, visto il genere e la sfida che la storia impone.

Autopsy farà il suo ingresso nelle sale italiane l’8 marzo, distribuito da M2 Pictures.

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Mission: Impossible 7 – Il trailer del film con Tom Cruise arriva prima del previsto 22 Maggio 2022 - 18:39

il trailer di Mission: Impossible – Dead Reckoning – Part 1 è arrivato prima del previsto. Ecco il video con il protagonista Tom Cruise.

Crimes of the Future – I character poster del film di David Cronenberg 22 Maggio 2022 - 18:00

NEON ha svelato cinque poster dedicati ai personaggi di Crimes of the Future, l'atteso ritorno di David Cronenberg.

High School Musical: The Musical: La Serie rinnovata per la quarta stagione 22 Maggio 2022 - 15:00

Disney+ ha dato il via libera alla quarta stagione di High School Musical: The Musical: La Serie.

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.

She-Hulk, il trailer spiegato a mia nonna 18 Maggio 2022 - 8:43

Finalmente la She-Hulk di Tatiana Maslany in azione e... ma chi sono tutti quei tizi?

Bang Bang Baby, episodi 6-10: una chiusura col botto (no spoiler) 16 Maggio 2022 - 14:45

Sì, anche il secondo blocco di episodi di Bang Bang Baby, la serie di Prime Video, merita assolutamente la visione.