L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Powerless 1×01: Recensione della sit-com basata sui fumetti DC Comics

Powerless 1×01: Recensione della sit-com basata sui fumetti DC Comics

Di Andrea Suatoni

LEGGI ANCHE: LA NOSTRA PRESENTAZIONE DI POWERLESS

E’ andata in onda ieri sera 2 Febbraio sul canale americano NBC Wayne or Lose, il pilot della serie Powerless, la prima sit-com ambientata nel mondo dei supereroi DC Comics. La serie crea un universo narrativo a sé stante che non tocca quello delle serie in onda su The CW o il DCEU (DC Comics Extended Universe) cinematografico; proprio per questo però può permettersi sfiziose libertà che in questo primo episodio abbiamo imparato ad apprezzare.

NON SERVONO SUPERPOTERI PER ESSERE UN EROE

E’ questo il leit motive della serie; la protagonista Emily Locke (una Vanessa Hudgens perfetta per il personaggio) arriva a Charm City per entrare alla Wayne Security, una società diretta dal cugino del noto Bruce (interpretato da un Alan Tudyk che ci è parso un po’ sottotono) carica di buoni propositi e voglia di fare, solamente per scontrarsi con la disillusione dei suoi colleghi e sottoposti e l’arrivismo del suo capo.

A Charm City le lotte fra supereroi sono ormai la regola e non fanno più notizia; il deragliamento quasi mortale di un treno in seguito ad un raggio laser è un semplice contrattempo che implicherà solamente un ritardo ai dipendenti che si stanno recando al lavoro.

La visione dell’uomo comune, non più affascinato dagli eroi ma ormai annoiato da questi ed impotente di fronte alle loro azioni, emerge prepotentemente in Powerless, riuscendo a trovare una chiave ironica legata proprio alla reazione che di fronte ad un mondo così profondamente cambiato dall’avvento dei metaumani l’individuo senza alcun potere può riuscire ad avere.

powerless-emily-joker-copertina

PILOT 2.0

Wayne or Lose è profondamente diverso dal pilot che era stato presentato come primo episodio di Powerless: l’abbandono del creatore Ben Queen ha costretto la serie ad un brusco cambiamento (che è costato alla produzione anche la straordinaria attrice comica Kate Micucci, sostituita da una comunque efficace Jennie Pierson) che ha trasformato la compagnia d’assicurazioni al centro della trama in un’azienda dedita alla produzione di strumenti di difesa personale contro i metaumani.

L’idea di fondo risulta forse migliore rispetto a quella precedente, ma la realizzazione finale appare frettolosa, con alcuni dei personaggi principali non bene inquadrati nel loro ruolo (ed un Danny Pudi decisamente limitato) ed una premessa troppo ampia che (anche se in effetti è un difetto che sparirà nei prossimi episodi) arriva solo al termine dell’episodio ad impostare i caratteri della serie, lasciando pochissimo spazio all’umorismo e all’ironia che da una serie del genere si richiederebbe.

powerless-starro-copertina

EASTER EGG

Le citazioni all’interno di Powerless sono moltissime. La serie è assolutamente imperdibile per qualsiasi DC Comics fan che si rispetti: praticamente quasi in ogni inquadratura o battuta è nascosto un riferimento ad un aspetto del mondo DC. Nel pilot compaiono l’eroina Crimson Fox e il villan Jack-O-Lantern, fa un cameo l’alieno Starro, si parla di kryptonite, si accenna maliziosamente allo scontro Batman v. Superman, al Joker, a Blackhawk, compare il fictional fast-fodd Big Belly Burger, la Luthor corporation (ovviamente) è la diretta concorrente della Wayne Security e c’è anche spazio per una battuta dai sapori Marvel: “With great powers comes living in a taint”.

E non mancano neanche i riferimenti a livello temporale e contestuale: nell’universo di Powerless Lex Luthor è il presidente degli Stati Uniti e il Joker è stato catturato.

Le easter egg piovono sullo spettatore incessantemente; molte di queste sono di facile individuazione, mentre molte altre rimarranno oscure alla stragrande maggioranza. Chi si muove a proprio agio fra i fumetti DC Comics potrebbe commuoversi di fronte alla continua sovraesposizione dei suoi personaggi, storyline e situazioni preferiti, mentre per il resto degli spettatori l’impatto lascia in parte confusi: molto spesso si riesce a capire che una particolare battuta insiste su una citazione, ma non si hanno gli elementi per renderla propria. Come abbiamo già accennato, l’umorismo “puro” è affrontato ed introdotto solamente in ultima battuta, dopo le esigenze di trama, la caratterizzazione dei personaggi, e le innumerevoli easter egg; poco o nulla rimane di ciò che dovrebbe riuscire ad divertire lo spettatore medio che arriva ad accendere la TV nella speranza di fare qualche risata.

powerless-kryptonite-copertina

INTRATTENIMENTO PER NERD

Ed è in realtà forse solamente questo il reale difetto del pilot di Powerless, se difetto si può chiamare: riesce facilmente ad intrattenere, ma non a divertire. Riesce ad essere una gioia per gli occhi dei nerd più accaniti, che (se le premesse rimarranno invariate) non potranno fare a meno di rimanere incantati davanti allo schermo, ma non riesce a fare ciò che ci si aspetterebbe da una sit-com: far ridere. Nonostante tutto, Powerless potrebbe ritagliarsi lo spazio ibrido che le compete riaggiustando lievemente alcune delle dinamiche interne alla serie che nel primo episodio sono state solamente accennate; ci rimettiamo quindi agli episodi futuri dello show, che in ogni caso il pilot ci ha ben convinto di voler vedere.

powerless-copertina

LEGGI ANCHE: GLI ULTIMI TRAILER E PROMO DI POWERLESS

Vi invitiamo a seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati sulle principali notizie riguardanti il mondo del Cinema. È inoltre disponibile la nostra nuova App per Mobile.

Inoltre, non perdete la nuova sezione di ScreenWeek dedicata alle serie tv, dove potrete trovare informazioni e dettagli sui vostri show preferiti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

The Forgiven – Trailer ufficiale del film con Ralph Fiennes e Jessica Chastain 7 Luglio 2022 - 14:00

È disponibile il trailer ufficiale di The Forgiven, film di John Michael McDonagh con Ralph Fiennes e Jessica Chastain.

I Duffer lavorano a una pièce teatrale di Stranger Things 7 Luglio 2022 - 13:00

Tra le novità annunciate con la nascita di Upside Down Pictures, c'è anche una pièce di Stranger Things diretta da Stephen Daldry

Luck dal 5 agosto su Apple TV+, il trailer ufficiale del film Skydance Animation 7 Luglio 2022 - 12:15

Luck, il nuovo film di animazione targato Skydance Animation, arriverà su Apple TV+ il prossimo 5 agosto. Ecco il trailer ufficiale.

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.