L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Ghost in the Shell – Come la Weta ha creato le geishe robot

Ghost in the Shell – Come la Weta ha creato le geishe robot

Di Marlen Vazzoler

GUARDA ANCHE: Ghost in the Shell: la Geisha e Scarlett Johansson sui nuovi poster

Le geishe robot avranno un ruolo chiave nel live action di Ghost in the Shell ma come sono state realizzate dalla Weta Workshop?

Richard Taylor CEO e co-fondatore della Weta Workshop ha spiegato a Adam Savage che il regista ha voluto realizzare il più possibile fisicamente e non gli effetti digitali, in particolare nella schena dell’hacking che abbiamo intravisto nei trailer.

Per creare il viso delle geishe è stata scansionata e digitalizzata la testa dell’attrice giapponese Rila Fukushima, le maschere in ceramica sono state poi create combinando la stampa 3D e la scultura a mano. L’interno è stato adattato per gli attori che le avrebbero indossate, al loro interno sono state inserite delle piccole ventole un piccolo incubo per i tecnici del suono.

Sono anche stati creati anche degli animatronic, come la testa della geisha che si apre e chiude.

LEGGI ANCHE:

Ghost in the Shell è un mash-up che omaggia Oshii

Avi Arad svela quali elementi sono stati inclusi in Ghost in the Shell

geishe

La sinossi:

Basato sul marchio di fantascienza di fama internazionale, “GHOST IN THE SHELL” segue la saga di Major, un singolare ibrido umano-cyborg delle operazioni speciali a capo della task force d’elite Section 9. Dedicato a contrastare i più pericolosi criminali ed estremisti, Section 9 affronta un nemico il cui unico obiettivo è eliminare gli sviluppi di cyber tecnologia della Hanka Robotic.

Fanno parte del cast di Ghost in the Shell: Takeshi Kitano (Daisuke Aramaki), Juliette Binoche (Dr. Ouelet), Michael Pitt (Kuze), Pilou Asbæk (Batou) e Kaori Momoi (nella parte della madre del Maggiore). I membri della Sezione 9 sono interpretati da Chin Han, Danusia Samal, Lasarus Ratuere, Yutaka Izumihara e Tuwanda Manyimo.

Ghost in the Shell uscirà nelle sale americane il 31 marzo 2017 e in quelle italiane il 30 marzo 2017. #GhostInTheShellIT

Fonte Tested

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.
ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RIMANERE AGGIORNATI SU GHOST IN THE SHELL

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Tom & Jerry: la nuova serie animata a luglio su HBO Max 12 Giugno 2021 - 18:00

Dopo il nuovo film diretto da Tim Story, Tom & Jerry sono pronti per tornare sul piccolo schermo con una nuova serie animata.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.