Condividi su

17 febbraio 2017 • 16:30 • Scritto da Marlen Vazzoler

La Cura dal Benessere – La Fox si scusa per l’uso di notizie finte per promuovere il film

La campagna virale di La Cura dal Benessere si è ritorta contro la Fox e la Regency, che si sono ritrovate a dover chiedere scusa pubblicamente
0

GUARDA ANCHE: La Cura dal Benessere: Dane DeHaan incontra una paziente nella nuova clip

La Twentieth Century Fox ha chiesto formalmente scusa per aver creato dei finti siti di notizie e delle storie false per promuovere la pellicola La cura del benessere, distribuita nelle sale americane da oggi.

Sono stati creati cinque siti web: Sacramento Dispatch, Salt Lake City Guardian, Houston Leader, NY Morning Post e Indianapolis Gazette dove sono state pubblicate delle storie su presunti eventi di cronaca, molti di questi riguardanti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump come ad esempio: Trump incontra segretamente Vladimir Putin in una remota clinica nelle alpi svizzere antecedente le elezioni americane; Trump vieta le vaccinazioni; Trump rifiuta di inviare aiuti ad un’area disastrata della California; lo spettacolo del half tome di Lady Gaga è stato un tributo ai musulmani.
Oltre ai fittizi aggiornamenti sul meteo, è stata pubblicata una notizia su una falsa malattia identificata come la ‘Trump Depression Disorder’.

Non erano presenti riferimenti alla non veridicità delle notizie e nei pezzi veniva suggerito ai lettori di mandare delle obiezioni usando l’hashtag #ACureForWellness, un invito questo a pubblicizzare la pellicola senza informare adeguatamente i lettori.

a-cure-for-wellness-fake-news

Quando su Twitter sono apparsi i primi reclami sulle storie finte, Regency e Fox hanno inizialmente difeso la campagna digitale, con un comunicato pubblicato lunedì:

“La Cura dal Benessere è un film su una ‘finta’ cura che fa star male la gente. Come parte di questa campagna è stato creato un fittizio sito sul benessere healthandwellness.co e abbiamo lavorato con un creatore di finte notizie per pubblicare delle storie finte. Come dice l’antagonista del nostro film ‘C’è del male dentro di noi. E solo quando conosciamo ciò che ci affligge, possiamo sperare di trovare la cura'”.

Quando gli organi di informazione hanno esposto le notizie false, Fox e Regency hanno pubblicato un nuovo comunicato dove non hanno rivelato chi ha ideato e approvato le finte notizie:

Per sensibilizzare l’opinione sui nostri film, facciamo del nostro meglio per spingere i limiti del marketing tradizionale ed esprimere in modo creativo il nostro messaggio ai consumatori. In questo caso, abbiamo sbagliato.
La campagna digitale è stata inadeguato su tutti i livelli, soprattutto considerando la fiducia che abbiamo costruito lavorando ogni giorno con i nostri consumatori. Abbiamo rivisto il nostro processo di approvazione interno e preso le opportune modifiche per garantire che ogni parte di una campagna sia elevata e controllata dal management, al fine di evitare questo tipo di errori nel futuro. Ci scusiamo sinceramente.

Non è la prima volta che vengono realizzati dei siti fittizi per la campagna di un film, abbiamo visto molte campagne virali ma a differenza di questo caso non sono mai state così ingannevoli.

Nel cast troviamo Dane DeHaan, Jason Isaacs (il direttore dell’istituto) e Mia Goth (una delle pazienti), mentre la sceneggiatura è opera di Justin Haythe (Revolutionary Road, The Lone Ranger). L’uscita italiana di La cura del benessere è prevista per il 23 marzo 2017.

Fonti Variety, THR, Deadline

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.
ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *