L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Bloodywood: il Dampyr di Bonelli incontra Hollywood nel popolare fumetto horror

Bloodywood: il Dampyr di Bonelli incontra Hollywood nel popolare fumetto horror

Di Andrea Suatoni

LEGGI ANCHE: OSCAR 2017 – TUTTI I VINCITORI

Gli Oscar 2017 sono appena stati assegnati dall’Academy, e nell’aria sentiamo ancora le atmosfere sognanti di una Hollywood sempre più lanciata verso derive artistiche a tutto tondo, testimone al tempo stesso di sogni e speranze personali (proprio come nel pluripremiato La La Land) e di una maliziosa decadenza che riusciamo a vedere attraverso filtri nostalgici ma sostanzialmente positivi: è proprio in questo contesto che si inserisce l’ultimo numero di Dampyr, il 204, in uscita il prossimo 3 Marzo.

Da Marylin Monroe a Rodolfo Valentino fino a Lauren Bacall, a Fatty Arbuckle ed a molti altri, Bloodywood riporta alla memoria un vecchio nemico accompagnato da moltissimi nomi noti del vecchio cinema d’autore, in un mix di horror e malinconia che ne trasfigura i volti mostrandone versioni terrorizzanti ed inedite.

dampyr rimini ok_opt

CHI E’ IL DAMPYR?

L’avventura del Dampyr inizia nel 2000 con la pubblicazione da parte di Sergio Bonelli Editore di Il Figlio del Diavolo, primo numero di una fortunata serie incentrata sulla lotta di Harlan Draka contro i vampiri. Il protagonista è un Dampyr, ossia il figlio di un anziano vampiro (o Maestro della Notte) e di un’umana, morta nel darlo alla luce: proprio a causa dei suoi particolari natali, Harlan possiede dei poteri con i quali si impone di contrastare le forze del male, fra le cui fila contiamo vampiri, non-morti, demoni, addirittura spietate multinazionali ed estremisti gruppi razzisti anti-vampiro (anticipando i temi che poi verranno esplorati in serie come True Blood).

Nel corso di più di 200 numeri, Harlan, insieme ai fidi alleati Kurjak (un ex soldato che ha abbracciato la missione del Dampyr) e Tesla (una vampira rinnegata e “redenta”) ha combattuto ogni tipo di nemico, scontrandosi spesso anche con suo padre Draka: un ambiguo Maestro della Notte la cui posizione di nemesi o alleato del nostro eroe appare drammaticamente fluida.

Sono Mauro Boselli e Maurizio Colombo i creatori di quello che è a ragione ormai da molti considerato un cult: il primo, impegnato da oltre 30 anni nel mondo del fumetto, si è fatto le ossa su Tex, Mister No e Zagor; Il secondo invece inizia il suo percorso personale nel mondo dei documentari per poi approdare nella famiglia Bonelli a partire dal 1992, facendosi valere con storie su Nick Raider e Zagor. Pensato inizialmente come una miniserie, il successo di Dampyr fu tale da portare ben presto alla nascita di una fortunatissima serie regolare, ancora oggi seguitissima.

dampyr_18_opt

DAMPYR 204: BLOODYWOOD

La nostomania di Alexis Musuraka, uno dei Maestri della Notte ucciso dal Dampyr quasi agli inizi della sua avventura (lo scontro finale avvenne nel numero 18: Lo Schermo Demoniaco), è la base su cui si sviluppa l’intera vicenda: il volume raccoglie l’eredità del villain creato da Boselli e Colombo nel 2001 per affondare – letteralmente – i denti in un presente offuscato da “mostri” del passato che portano il volto di alcune delle celebrità dei tempi andati.

Bloodywood si apre con l’entrata in scena di Louise Brooks, famosissima attrice del cinema muto: si tratta solamente della prima di una serie di personaggi che strizzano l’occhio alla memoria dei cineasti più appassionati. Accade piuttosto spesso che Hollywood venga declinata in una metafora che ne sviscera il tramonto e le ombre, non sempre in modo totalmente efficace e il più delle volte pronto a cadere nel fin troppo facile tranello costituito dai clichè; Bloodywood riesce invece a trovare una propria originale chiave di lettura contestualizzando il paragone sulle proprie linee narrative. L’immortalità figurativa degli attori del cinema si sovrappone quindi perfettamente a quella strettamente materiale dei vampiri che Harlan ed i suoi alleati affrontano, mentre gli aspetti più inquietanti di una Hollywood alla mercè di abusi, sostanze stupefacenti, una notorietà ed una bellezza giovanile da perseguire e conseguire a qualsiasi costo vengono rielaborati e concentrati in dinamiche da snuff movie (che a volte riescono a creare sanguinose allegorie sulla società attuale) dove la necessità del realismo oltrepassa quelle della semplice morale comune e addirittura della vita stessa: Bloodywood così come Hollywood cattura i suoi protagonisti e li fagocita nel suo spietato meccanismo.

E lì dove il primo, opera di finzione, dirige i suoi personaggi verso una inevitabile morte violenta, il secondo, ben più disturbante poiché reale, spesso li conduce verso una vita piena di finzioni (testimoniate nel fumetto dai volti di attori deceduti decine di anni fa) che si profila in fin dei conti violenta e spaventosa praticamente quasi in egual modo.

LEGGI ANCHE: DAMPYR 204 – BLOODYWOOD: LA PAGINA UFFICIALE BONELLI

1473066804759_opt

LEGGI ANCHE: DA DOVE INIZIARE A LEGGERE I FUMETTI DI DOCTOR STRANGE

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Evangelion: 3.0+1.0: Ecco i primi 12 minuti e 10 secondi del film! 7 Marzo 2021 - 16:19

In occasione dell'arrivo nelle sale di Evangelion: 3.0+1.0 Thrice Upon a Time Kara ha condiviso i primi 12 minuti, 10 secondi e 10 fotogrammi del film

Thor: Love and Thunder – Foto e video dal set con Natalie Portman e il memoriale di Odino 7 Marzo 2021 - 16:00

Succede qualcosa a Jane Foster (Natalie Portman) nel nuovo video dal set australiano di Thor: Love and Thunder, dove possiamo vedere anche il memoriale di Odino.

Russell Crowe sarà il celebre pittore Mark Rothko in un biopic “legale” 7 Marzo 2021 - 15:00

Il film sarà incentrato sul Caso Rothko, la battaglia legale della figlia Kate dopo la morte dell'artista

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.