The Final Problem: la recensione (spoiler free) dell’episodio finale della quarta serie di Sherlock

The Final Problem: la recensione (spoiler free) dell’episodio finale della quarta serie di Sherlock

Di Marco Lucio Papaleo

Dopo anni di speculazioni e mezze verità, è giunta infine l’ora di gettare una luce sul passato dei fratelli Holmes nell’episodio conclusivo della quarta stagione (e, forse, dell’intera serie) di Sherlock, l’amatissimo serial britannico con protagonisti Benedict Cumberbatch, Martin Freeman e Mark Gatiss.
Sì, a questo punto ci sentiamo di dovere inserire Gatiss come un protagonista, al pari dei due interpreti di Sherlock e Watson: la sua importanza è sempre stata grandissima, ma mai come in questa quarta stagione, e a maggior ragione lo è pensando al fatto che non solo è l’interprete di Mycroft ma anche l’autore della maggior parte delle vicende.

sherlock--s4-e3 A

Dopo un primo episodio che ha lasciato stupiti (nel bene e nel male) tutti, e un secondo che ha catturato l’immaginazione dei fan prima con un cattivo da antologia e poi con un fenomenale plot twist, arriva ora Il problema finale, il “caso” più difficile di sempre per Sherlock, soprattutto per le implicazioni emotive che esso porta con sé. Non spoilereremo nulla della trama dell’episodio: sappiate solo che, in un sol colpo, Sherlock dovrà vedersela con il ritorno della sua più grande nemesi e la delicatissima trappola mentale tesa a Sherlock e Mycroft dal terzo dei fratelli Holmes, “Sherrinford“, che si è finalmente palesato sul finale del secondo episodio.

sherlock--final-problem-TOP

Si tratta di una puntata al cardiopalma, che come le precedenti due, più che sulla logica deduttiva si affida alla forza di dialoghi e personaggi, qui messi a nudo come non mai. C’è talmente tanto materiale, sul piatto, che Gatiss e Moffat avrebbero potuto giocarci per altre tre puntate, espandendo alcuni punti solo abbozzati (soprattutto il ruolo e le implicazioni di Moriarty nella vicenda), ma perdendo probabilmente in esplosività delle situazioni. Al solito, il duo si diletta a metter su un numero di magia sulle aspettative dello spettatore, tenendo bene in mente il canone di Conan Doyle e quello interno della saga (alcuni riferimenti sono dannatamente ben piazzati) dando infine soddisfazione sgombrando il campo da molti dubbi e regalando diversi momenti assolutamente intensi.
Le tematiche dell’intero arco narrativo si vanno finalmente a incastrare al loro posto, e dopo aver visto l’umanità e la fallibilità di Watson e Sherlock è ora il turno di Mycroft, così come di Sherrinford: la bravura di Sian Brooke, nel conquistarsi un posto di rilievo al pari e al fianco degli interpreti storici, è notevole, e questo ruolo potrebbe garantirle una spinta notevole nella sua carriera, che proprio come per Freeman e Cumberbatch nell’era pre-Sherlock era già ben avviata, ma non così percepita dal grande pubblico.

sherlock-the-final-problem

Chi ama la serie BBC per i suoi personaggi e interpreti adorerà questo episodio. Chi, invece, auspicava un ritorno in pompa magna dei “grandi casi di deduzione” resterà inevitabilmente deluso: Il problema finale è “solamente” una sequela di colpi di scena e momenti emotivi fortissimi, che porta a quello che potrebbe, effettivamente, anche essere il degno finale di tutta la serie, che consegna il detective del 221B di Baker Street al mito. Ma, come tutti i fan dello Sherlock letterario sapranno, The Final Problem era stato scritto da Doyle come ultimo (in senso definitivo) racconto della saga, salvo poi il riaffiorare del personaggio nel momento più opportuno. Chissà. Per ora, tutto quel che possiamo fare è rivedere l’intera stagione, per ricollegare tutti i vari pezzi del puzzle e, perché no, ripensare in chiave diversa anche alcuni avvenimenti delle altre tre, alla luce delle nuove rivelazioni. The Game is (always) on.

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.


LEGGI ANCHE

Willow: la recensione della serie Disney+ 30 Novembre 2022 - 12:00

La serie sequel del classico anni '80 è arrivata su Disney+. Un'avventura corale che aggiorna il fantasy di Ron Howard

Con Inside Man Steven Moffat è tornato alla grandissima, la recensione 23 Novembre 2022 - 16:47

Su Netflix la nuova creatura dell’istrionico autore britannico, uno scherzo di genere avvincente e sorprendente.

Mammals è uno sguardo realista sulle relazioni umane, la recensione 22 Novembre 2022 - 15:30

Su Prime Video James Corden protagonista di una serie tv atipica sui rapporti umani e la complessità del vivere moderno.

Non siamo i morti che camminano: la recensione del finale di The Walking Dead 21 Novembre 2022 - 15:58

Più che un finale di serie, un finale di stagione, perché l'universo di The Walking Dead deve andare avanti

Black Panther: 15 momenti pazzeschi nella sua storia a fumetti 9 Novembre 2022 - 12:41

Per l'uscita in sala di Wakanda Forever, ricordiamo perché, se vuole, il Black Panther a fumetti è in grado di prendere a calci pure Superman.

Ant-Man and the Wasp: Quantumania, il trailer spiegato a mia nonna 25 Ottobre 2022 - 14:45

Kang, il regno quantico e un altro bel casino cosmico causato da giovani che non sanno tenere le mani a posto, pare.

Boris 4, la recensione (senza spoiler) dei primi due episodi 24 Ottobre 2022 - 20:00

"L'algoritmo non deve neanche troppo rompere il c*zzo"

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI