L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Sherlock: la recensione di The Six Thatchers, primo episodio della quarta stagione

Sherlock: la recensione di The Six Thatchers, primo episodio della quarta stagione

Di Marco Lucio Papaleo

Abbiamo lasciato Sherlock, alla fine della terza stagione, di ritorno a Londra -dopo l’esilio più breve della storia- per prepararsi a fronteggiare il temuto ritorno (o, quantomeno, il colpo gobbo) di Moriarty, l’arcinemico del nostro amato sociopatico ad alta funzionalità. La vita, per il resto, scorre piuttosto tranquilla e ordinaria per chi gravita attorno a Sherlock: John e Mary, addirittura, sembrano essersi lasciati alle spalle i traumi del loro passato, presi come sono dal prendersi cura della loro piccola appena nata. I casi da risolvere, tuttavia, non mancano mai: uno, in particolare, attira l’attenzione delle autorità… e di Sherlock. Alcuni inconsueti omicidi sono, in qualche modo, legati a una serie di busti della storica First Lady Margaret Thatcher. Cosa si sta muovendo nell’ombra?

sherlock-TOP

Ogni volta che qualcosa di nuovo targato “Sherlock” viene dato in pasto al pubblico è, ovviamente, un evento: la serie BBC è un titolo decisamente atipico, dalle tempistiche dilatate ma anche di breve fruizione, data la quantità esigua di episodi prodotti. L’hype, come si suol dire, è una brutta bestia e quindi le aspettative sono sempre altissime, adeguatesi presto agli standard a cui Mark Gatiss e Steven Moffat ci hanno abituato fin dagli albori della saga, sei anni fa.
Per questa quarta stagione (che potrebbe anche essere l’ultima) l’impressione è quella di trovarsi davanti, effettivamente, alla resa dei conti, espandendo l’originale meccanica narrativa a incastro sperimentata, con sempre maggior successo, nel corso degli anni fino ad arrivare a quel piccolo capolavoro di metanarrativa che è stato L’abominevole sposa. Ancora una volta, con The Six Thatchers, Moffat e Gatiss si rivelano abili prestigiatori, dispensando ironia e fan service, indizi e dramma, oltre che una notevole profondità di dialoghi, tematiche e introspezione, con personaggi tutt’altro che statici, fino ad arrivare alle risoluzioni finali, inaspettate eppure sotto gli occhi di tutti fin da subito, come si conviene ai migliori gialli. Il tutto immerso in una narrazione piena di ritmo e impreziosita dal cast, che dona nuove sfumature a personaggi già così tanto noti eppure sempre freschi e irresistibili.

sherlock-t 2

Difetti? Principalmente, si può rimproverare a questo primo episodio il voler spingere parecchio sull’acceleratore e mostrare, fin da subito e quasi a tradimento, alcune delle famose e più volte promesse “conseguenze” delle azioni e dell’atteggiamento che hanno caratterizzato e caratterizzano Sherlock e Watson. Pur rimanendo perfettamente nel solco della tradizione conandoyliana, difatti, il serial continua a vivere di vita propria, a espandersi in modo inaspettato e spiazzante, e a non poter essere fruito senza volontà di stare al gioco, usando grande attenzione al presente quanto alla continuity. Temiamo che, da qui alla conclusione della stagione, Sherlock sarà un personaggio (e una serie) da amare o da odiare senza mezze misure, ancor più della già molto discussa terza tranche (e mezzo) di episodi. Lo scopriremo presto. Nel frattempo, ci riascoltiamo Samarcanda di Roberto Vecchioni, cercando di scoprire se si può sfuggire al proprio destino.

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

So cosa hai fatto – La serie arriverà su Prime Video il prossimo ottobre 24 Luglio 2021 - 19:00

So cosa hai fatto, serie basata sull'omonimo teen horror del 1997, arriverà su Amazon Prime Video il prossimo ottobre, giusto in tempo per Halloween.

Indiana Jones 5 – Un altro attore ha subito un piccolo infortunio sul set 24 Luglio 2021 - 18:00

Un attore di cui non conosciamo l'identità ha subito un piccolo infortunio sul set di Indiana Jones 5 mentre lui e Harrison Ford giravano un inseguimento.

The Walking Dead: che fine ha fatto il film su Rick Grimes? 24 Luglio 2021 - 17:00

Come sappiamo, l’universo di The Walking Dead è pronto ad espandersi con un film, incentrato su Rick Grimes, il personaggio interpretato da Andrew Lincoln. Ma che fine ha fatto il film?

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.