Star Trek: Discovery – Bryan Fuller spiega i motivi del suo abbandono

Star Trek: Discovery – Bryan Fuller spiega i motivi del suo abbandono

Di Lorenzo Pedrazzi

LEGGI ANCHE: Michelle Yeoh, Doug Jones e Anthony Rapp nel cast di Star Trek: Discovery

Sappiamo che Bryan Fuller ha lasciato il ruolo di showrunner di Star Trek: Discovery, ma per quale ragione? Il talentuoso sceneggiatore ne ha parlato con Newsweek, svelando che il motivo principale è rintracciabile nel suo impegno con American Gods:

Alla fine, con le responsabilità che avevo altrove, non potevo fare ciò di cui la CBS aveva bisogno nelle tempistiche di cui aveva bisogno per Star Trek. Ho sentito che per me era meglio concentrarmi sull’atterraggio di American Gods e assicurarmi che fosse il più elegante e sofisticato possibile.

Il suo coinvolgimento in Star Trek: Discovery è quindi terminato:

Non sono coinvolto nella produzione o nella post-produzione, quindi posso soltanto dar loro il materiale che gli ho consegnato e sperare che sia d’aiuto. Sono curioso di vedere cosa ci faranno.

American Gods, la serie di Starz basata sull’omonimo romanzo di Neil Gaiman, è certamente una delle più attese del 2017.

discoverylogo

Ecco la prima sinossi di Star Trek: Discovery, pubblicata da CBS:

Il nuovo Star Trek introdurrà nuovi personaggi alla ricerca di fantastici nuovi mondi e nuove civiltà, esplorando i drammatici temi contemporanei che sono stati il tratto distintivo del franchise sin dal suo esordio nel 1966.

Nel cast figurano Michelle Yeoh (il Capitano Georgiou della Starship Shenzhou), Doug Jones (l’ufficiale scientifico Tenente Saru) e Anthony Rapp (l’astromicologo Tenente Stamets della Starship Discovery).

Lo show sarà trasmesso dalla piattaforma on-line del network, CBS All Access, e soltanto l’episodio pilota andrà in onda in televisione. Bryan Fuller (Dead Like Me, Pushing Daisies, Hannibal) ha creato questa nuova versione della serie, per poi lasciare il ruolo di showrunner in favore di Aaron Harberts e Gretchen Berg. CBS Television Studios si occupa della produzione con la supervisione di Alex Kurtzman, Heather Kadin, strong>Rod Roddenberry e Trevor Roth; i veterani Nicholas Meyer (Star Trek: L’ira di Khan) e Kirsten Beyer figurano invece tra gli sceneggiatori.

Per Bryan Fuller si è trattato di un ritorno alle origini: Fuller, infatti, cominciò la sua carriera come sceneggiatore di Deep Space Nine e Voyager, prima di creare i suoi show e diventare uno degli autori televisivi più apprezzati del panorama americano.

Fonte: ComingSoon.net

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

Inoltre, non perdete la sezione di ScreenWeek dedicata alle serie tv, dove potrete trovare informazioni e dettagli sui vostri show preferiti.

LEGGI ANCHE

For All Mankind rinnovata per la quinta stagione, annunciato lo spin-off Star City 17 Aprile 2024 - 21:00

For All Mankind è stata rinnovata per la quinta stagione ed è stata anche annunciata una serie spin-off.

Acapulco: la terza stagione dal 1° maggio su Apple TV+, il trailer 17 Aprile 2024 - 20:15

Acapulco, svelato il trailer della terza stagione della serie comedy in arrivo il 1° maggio su Apple TV+.

Oldboy diventerà una serie, Park Chan-wook tra i produttori 17 Aprile 2024 - 19:47

Park Chan-wook collaborerà con Lionsgate TV per sviluppare una serie TV in inglese di "Oldboy".

Un uomo vero dal 2 maggio su Netflix: Jeff Daniels protagonista della serie di David E. Kelley 17 Aprile 2024 - 17:00

Jeff Daniels su Netflix con Un uomo vero, nuova serie prodotta da David E. Kelley e Regina King basata sul romanzo di Tom Wolfe.

X-Men ’97 – Episodio 3: omaggi e citazioni 28 Marzo 2024 - 8:31

Curiosità, riferimenti, easter egg e omaggi ai fumetti nel terzo episodio di X-Men '97.

Kong contro Mechani-Kong: l’altro King Kong giapponese – Godzillopedia capitolo 4 26 Marzo 2024 - 8:00

Il secondo film della giapponese Toho dedicato a King Kong: Kong contro Mechani-Kong.

X-Men ’97 è una bomba (la recensione senza spoiler dei primi tre episodi) 20 Marzo 2024 - 8:01

X-Men '97 è la migliore cosa che potesse capitare a un vecchio fan dei mutanti Marvel, animati, a fumetti o entrambe le cose.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI