L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Michael Moore in TrumpLand – La recensione in anteprima

Michael Moore in TrumpLand – La recensione in anteprima

Di Redazione SW

Pezzo a cura di Adriano Ercolani

Michael Moore sa sempre come creare l’evento, come produrre interesse intorno al suo personaggio ormai ben consolidato. Questa volta ha adoperato l’effetto sorpresa, piazzando all’IFC Center di New York l’anteprima della sua nuova creatura, il cui titolo lascia pochi dubbi a riguardo: Michael Moore in TrumpLand.

Un nuovo, segretissimo documentario capace di smascherare le malefatte politiche ed economiche dello spauracchio in corsa per la Casa Bianca? Non esattamente. Come già scritto, Moore sa bene come vendersi…Quello che è stato presentato è un one-man show che Moore ha girato undici giorni fa nel Murphy Theater a Wilmington, Ohio, in una delle zone più conservatrici e quindi pro-Trump di tutti gli Stati Uniti. 73 minuti di montato che, soprattutto nella prima parte, sembrano proprio non andare da nessuna parte, se non a favore di chi li ha appunto realizzati. Invece di attaccare Trump in una delle sue “roccaforti” Moore si limita a mettere in scena una versione del suo personaggio adattato per l’occasione alla veste di stand-up comedian. Il risultato, seppur spiritoso in alcuni momenti, si rivela addirittura irritante poiché invece di fatti o teorie l’autore si limita a battute e siparietti.

Per la prima mezz’ora almeno, se non di più, si rimpiange davvero di non essere rimasti casa a guardare magari qualche servizio firmato da John Oliver.
Poi però, da astuto manipolatore ma anche sincero “crociato” qual è, compie una mossa narrativa di intelligenza sopraffina: lascia da parte Trump, su cui ha poco o nulla a disposizione, e inizia a parlare di Hillary Clinton. Ecco allora che il suo spettacolo trova un centro narrativo ma soprattutto emozionale, e si capisce finalmente che quello era fin dall’inizio l’intento del cineasta. E alloraMichael Moore in TrumpLand diventa un lavoro vigoroso, appassionato, addirittura commovente quando viene ricordata la battaglia della Clinton per l’assistenza medica totale quando negli Stati Uniti ogni anno muoiono in media 50.000 persone perché non hanno assicurazione o ne hanno una truffaldina che non copre alcune necessità basilari.

Michael-Moore-in-TrumpLand

Il momento più forte e riuscito dello spettacolo è quello in cui Moore – cerchiamo di evitare spoiler – coniuga il sesso femminile e l’assenza di violenza. Avere una donna come Presidente degli Stati Uniti potrebbe davvero rendere il Paese e forse il mondo intero più sicuri. Sarà anche retorica, ma vederla applicare dall’autore di Bowling a Columbine di fronte a una sala gremita di suoi oppositori è francamente un momento che ci ha regalato emozioni potenti.

A conti fatti dunque Michael Moore ce l’ha fatta di nuovo: è riuscito nuovamente a far parlare di sé stesso, ha creato la “notizia”, e soprattutto con la seconda parte di Michael Moore in TrumpLand ha fatto arrivare al pubblico – non solo il suo…- il messaggio che ci teneva a consegnare. Da questo one-man show si esce sorridenti e un po’ scossi. Esattamente ciò che l’astuto Moore voleva…

LEGGI ANCHE: LA RECENSIONE DI BILLY LYNN: UN GIORNO DA EROE DI ANG LEE IN ANTEPRIMA

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Jessica Jones ha cambiato titolo su Disney+…? 5 Luglio 2022 - 18:00

Nella versione americana della piattaforma Disney, la serie con Krysten Ritter sfoggia un nuovo titolo. Ma perché?

She-Hulk – Nuova foto, Tatiana Maslany parla della tensione fra Jennifer e il suo alter ego 5 Luglio 2022 - 17:15

Tatiana Maslany parla con Empire della tensione fra Jennifer Walters e il suo alter ego, She-Hulk, che appare in una nuova immagine.

Knights of the Zodiac: Al San Diego Comic-Con il panel del film live action 5 Luglio 2022 - 16:43

Saint Seiya: Knights of the Zodiac - Battle for Sanctuary i doppiaggi in inglese, spagnolo e portoghese saranno disponibili nello stesso giorno di uscita della versione sottotitolata.

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.