L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
I Medici – La recensione dei primi due episodi del serial RAI

I Medici – La recensione dei primi due episodi del serial RAI

Di Marco Lucio Papaleo

Agli inizi del quindicesimo secolo Firenze è una Repubblica all’apice del progresso, nella penisola italica, e sta per dare vita al cosiddetto Rinascimento: buona parte del merito va ai Medici, dinastia tra le più celebri della storia del nostro Paese, capace di dare nuovo afflato alla rinascita sia economica che cultural-artistica di tutto il centro Italia (e oltre). Il capofamiglia è Giovanni, uomo di sani principi e di grande modestia, in grado di creare un’ingente fortuna dal nulla, andando a porre le basi di un potere economico (e politico) in breve tempo e formare una stirpe che avrebbe fatto molto parlare di sé per i secoli a venire. In seguito al suo assassinio, a reggere le sorti della famiglia sarà il figlio Cosimo, che dovette mettere da parte le sue velleità artistiche per portare avanti il lavoro del padre insieme al fratello Lorenzo. I Medici racconta proprio l’ascesa di Cosimo ai vertici della vita politica e imprenditoriale della Toscana del 1400, sullo sfondo del giallo relativo alla sorte di Giovanni e degli accadimenti socio-politici dello stivale dell’epoca, tra la Roma papale e i vari principati e granducati.

medici family

Un punto di svolta?

E venne infine il giorno in cui la fiction RAI si svecchiò. Rimaniamo sempre e comunque in affanno rispetto a certe produzioni d’oltreoceano e d’oltremanica, proprio in un periodo in cui assistiamo a cose come Westworld, ma i paragoni risultano decisamente fuorvianti se pensiamo che fino all’altro ieri le grandi produzioni Rai ci “viziavano” al massimo con fiction a carattere religioso di dubbio valore e il massimo della spendibilità sul mercato internazionale erano Il Commissario Montalbano e Braccialetti Rossi.

L’idea, palesemente, è quella di ispirarsi nei toni a serie con basi storiche ma altamente romanzate come I Borgia e Tudors, oltre che strizzare l’occhio (anche più del dovuto) a Il Trono di Spade, a partire da certe soluzioni sceniche e parte del cast. È un animale raro, I Medici, poiché coniuga elementi poco riusciti a spunti genuinamente interessanti.
Certe cose lasciano perplessi: la ricostruzione scenografica, per quanto varia, non è decisamente all’altezza della bellezza abbacinante che dovrebbe risaltare tra costumi, arte, architettura e paesaggi, complice una CGI spesso poco credibile; così come poco credibile è l’aspetto degli attori, poco efficacemente ringiovaniti o invecchiati a seconda delle esigenze scenico-temporali. A farne le spese, il più delle volte, è proprio il protagonista Richard Madden, troppo maturo per le scene flashback e, invece, troppo poco vissuto per quelle del Cosimo adulto, a dispetto del banale lavoro svolto sulla capigliatura e sul trucco. Lui tenta di ripiegare sul carisma, ma non sempre è la scelta migliore quando per rubarti la scena non serve Dustin Hoffman ma bastano Guido Caprino e Alessandro Preziosi.

cosimo - MADDEN

C’è da dire, però, che la romanzatura della storia prende piede coi tempi giusti, complici anche buoni dialoghi (rovinati in parte da un doppiaggio stranamente fuori tempo massimo) e un afflato fanta-storico che di italiano ha ben poco. E la carta vincente è sicuramente questa: saper sfruttare il meglio della fascinazione storica per accalappiare il pubblico, al netto delle numerose sbavature in fase tecnica o recitativa, che si mantengono invece su di una generica mediocrità ben mascherata.

Alla conclusione della prima serata e delle prime due puntate, quindi, le vicende dei Medici ci hanno incuriosito e appassionato, e siamo curiosi di vedere come procederà la serie: l’importante è mantenere le aspettative a freno e godersi lo spettacolo per come ci è stato proposto. La buona volontà, da parte dei produttori, è del resto evidente (lo show è addirittura visionabile in 4K sul digitale terrestre, oltre a essere visionabile in streaming su RAI PLAY) ed è stata ricompensata da un boom di spettatori. Ora bisogna vedere se il successo resterà stabile, ma viste le premesse e i risultati medi di produzioni ben peggiori che siamo, tuttavia, abituati a vedere sul piccolo schermo italico, rimaniamo fiduciosi in merito.

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.


Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Non mi uccidere: un’oscura storia di formazione con Alice Pagani e Rocco Fasano 14 Aprile 2021 - 13:00

Non mi uccidere, il teen drama dalle tinte horror con protagonisti Alice Pagani e Rocco Fasano, è stato presentato alla stampa. Un incontro che ci ha permesso di conoscere meglio questa pellicola.

Renfield: Chris McKay dirigerà il film sul servo di Dracula 14 Aprile 2021 - 12:30

Il regista di The Tomorrow War ha sostituito Dexter Fletcher alla regia del film nato da un soggetto di Robert Kirkman

Oscar 2021: annunciati i primi presentatori, da Zendaya a Harrison Ford 14 Aprile 2021 - 11:45

Sono stati annunciati i primi 15 presentatori della prossima Notte degli Oscar, che si terrà domenica 25 aprile.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.