L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
La mia vita da Zucchina – La recensione da Lucca 2016

La mia vita da Zucchina – La recensione da Lucca 2016

Di Marlen Vazzoler

Il libro di Gilles Paris, La mia vita da Zucchina, prende vita nell’opera prima del regista svizzero Claude Barras una pellicola in stop-motion che si è già portata a casa il premio del pubblico e il Cristal per il miglior lungometraggio animato all’Annecy International Animated Film Festival, ed è stata selezionata come rappresentante della Svizzera nella categoria per il miglior film straniero agli Oscar 2017.

La vincita ad Annecy non sempre viene riconfermata con una nomination agli Oscar, dobbiamo tornare indietro al 2014 per trovare un altro nominato Il bambino che scoprì il mondo (candidatura agli Oscar 2016) a al 2010 per il bellissimo Fantastic Mr Fox.

Il film racconta la storia del piccolo Icaro (preferisce farsi chiamare Zucchina, il nomignolo datogli dalla madre), un bambino di nove anni che vive con la mamma alcolizzata e depressa dopo la morte del padre. Ben presto la sua vita cambia quando accidentalmente provoca la morte della genitrice e viene mandato in una casa famiglia abitata da altri bambini che come lui non hanno più una casa o sono stati abbandonati dai propri genitori.
Nei pochi mesi coperti dal film assistiamo all’evoluzione del piccolo protagonista, grazie all’amicizia stretta con gli altri bambini e all’arrivo di Camille, una bambina che nasconde un tetro passato.

la-mia-vita-da-zucchina-recensione

Il regista Barras ha scelto un design particolare per i pupazzi usati per la stop-motion, dal punto di vista dell’animazione la pellicola non riserva grosse sorprese, ma in alcuni punti del film gli occhi dei personaggi riescono a trasmettere la scintilla della vita, permettendo un maggior coinvolgimento da parte del pubblico.
La scenografia di Ludovic Chemarin è semplice, essenziale e molto dettagliata e ben si presta a questa storia dove le espressioni dei faccioni dei piccoli protagonisti sono uno dei perni su cui si basa la pellicola.

La caratterizzazione dei bambini è ben delineata, oltre a Zucchina emerge la figura di Simon (il mio personaggio preferito) che da bullo presto si trasforma in un amico fidato, il suo ruolo è quello del fratello maggiore che veglia sugli altri bambini anche se con dei modi spesso rudi.

Una delle scene che vi rimarrà più impressa vede Zucchina e Camille mettere a nudo i propri sentimenti, sotto un cielo stellato.  La delicatezza della sua messa in scena rendono questa sequenza una delle migliori del film.

Il punto di forza della pellicola è la sceneggiatura della francese Celine Sciamma, che tratta con un’incredibile tatto temi difficili come l’abuso sui minori, l’abbandono, il rimorso, la depressione, il primo amore e il sesso (le scene in cui i bambini parlano di questo argomento vi strapperanno più di una risata).

Il film non è perfetto, uno sviluppo maggiore di alcuni elementi sarebbe stato apprezzato, ma la sua visione è consigliata, in 66 minuti vi farà riflettere, divertire e scioglierà il vostro cuore.

La mia vita da Zucchina verrà distribuita nelle nostre sale dal 24 novembre 2016, da Teodora Film.

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.
ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Fino All’ultimo Indizio è il nuovo Se7en? I punti di contatto con il cult di David Fincher 5 Marzo 2021 - 17:30

Fino All’ultimo Indizio arriva in Italia. Il film con Jared Leto, Denzel Washington e Rami Malek ricorda molto Seven, il cult movie del 1995 diretto da David Fincher.

Lupin – Teaser trailer della Parte 2, su Netflix questa estate 5 Marzo 2021 - 17:25

La faida tra Assane e Hubert Pellegrini raggiunge nuovi livelli dopo il rapimento di Raoul, Lupin tornerà questa estate

WandaVision, epilogo e genesi: la recensione dell’episodio finale 5 Marzo 2021 - 16:45

L'episodio finale di WandaVision recupera le dinamiche spettacolari del racconto supereroistico, ma premia l'investimento emotivo nei personaggi.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.