L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Inferno – La recensione del terzo film con Robert Langdon

Inferno – La recensione del terzo film con Robert Langdon

Di Leotruman

INFERNO – IL CAST PARLA DEL FILM: DETTAGLI E CURIOSITA’

Robert Langdon si risveglia in un ospedale della nostra Firenze. Non ricorda quanto gli è accaduto nelle precedenti ore, ha un vero e proprio black out, ma grazie a Sienna Brooks, giovane e brillante medico, proverà a recuperare i suoi ricordi per cercare di svelare un nuovo sistema di misteri intrecciati a catena. Dante, la Divina Commedia, Firenze, ma anche un misterioso nemico, e una minaccia globale: riuscirà il simbolista a salvare il mondo?

Il cinema di puro intrattenimento è sempre il benvenuto, in particolare quando per portarlo in vita vengono utilizzati alcuni illustri nomi, tra i migliori in assoluto del panorama mondiale. Abbiamo un regista premio Oscar, che nella sua lunga carriera ha sapientemente navigato tra i vari generi e raramente ha deluso o sbagliato in modo sostanziale: Ron Howard. Abbiamo l’attore più pagato al mondo, conosciuto per il suo carisma e per l’infinita serie di personaggio cult portati in scena in quarant’anni: Tom Hanks. Abbiamo anche lo sceneggiatore di Jurassic Park, Carlito’s Way e Spider-Man (David Koepp), l’attrice pronta letteralmente ad esplodere in pochi mesi grazie al nuovo film di Star Wars e una probabile nuova candidatura all’Oscar per A Monster Calls (Felicity Jones), un cast di co-primari variegato e di altissimo livello (Omar Sy, Irrfan Khan, Sidse Babett Knudsen), uno dei compositori più popolari dell’epoca moderna (Hans Zimmer) e molto altro.

inferno-copertina

Quello che non abbiamo è un materiale di partenza da premio Pulitzer. Dan Brown è infatti “solamente” lo scrittore più venduto in assoluto dopo J.K.Rowling, l’uomo che ha il merito di aver fatto spendere soldi in libreria a persone che non vi mettevano piede da anni, proponendo una letteratura di intrattenimento a base di misteri, scienza, cospirazioni, arte e religione. Un mix perfetto.

Si può definire come una sorta di Christopher Nolan della letteratura, più furbo ed esplicito nella sua missione rispetto al regista di Inception, e meno delicato nell’ideare e dar vita ai suoi meccanismi, pronti a far sentire intelligenti il proprio pubblico al momento della sua risoluzione (complicati, ma mai troppo, quindi gratificanti al momento della risoluzione).

È una colpa, una vergogna tutto questo? Per nulla! La letteratura di intrattenimento esiste da prima ancora che si inventassero inchiostro e carta,  vi sono tanti modi per trasporla sul grande schermo (Crichton, per fare un esempio di eccellenza a 360°). Le scelte realizzate da Howard, Koepp, i produttori e Sony si sono rivelate essere vincenti su molti fronti, in primis riguardo al fatto che in Inferno è più un adattamento del libro che la sua traduzione in immagini, come lo sono stati Il Codice Da Vinci e Angeli & Demoni.

Ron Howard a Firenze in vista delle riprese di Inferno

Depurata da alcune assurdità che avevano fatto storcere il naso a più di un fan di Brown, il film è più snello, scattante e focalizzato su un’unica tematica, un’unica minaccia: la sovrappopolazione come minaccia globale, considerata da molti l’unico vero male che può portare all’estinzione della razza umana entro cento anni. Un tema attuale, trattato con intelligenza, che colpisce e fa pensare lo spettatore mentre segue per due ore filate le folli corse di Robert e Sierra e gli intricati misteri.

Il resto lo fanno le magnifiche location, per tre quarti italiane (Firenze, splendida, così come Venezia) ma anche la Basilica delle Cisterne di Istambul, la confezione impeccabile, il cast perfetto e in parte, un ritmo che non permette di annoiarsi per un solo minuto. Si può volere di più? In realtà sì, sarebbe doveroso pretendere di più, ma con il materiale di partenza disponibile sembra essere davvero essere stato fatto il massimo per portare in scena il miglior adattamento possibile. I nomi e i mezzi in gioco sono stati effettivamente una garanzia, e Inferno non deluderà il suo pubblico di riferimento.

INFERNO: GUARDA LE FOTO E I VIDEO DELLA WORLD PREMIERE DI FIRENZE

inferno-1

Inferno uscirà nelle sale italiane il 13 ottobre.

Vi invitiamo a scaricare la nostra NUOVA APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOSAndroid) per non perdervi alcuna news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV per rimanere costantemente aggiornati.

CLICCATE SULLA SCHEDA SOTTOSTANTE E SUL PULSANTE “SEGUI” PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DI INFERNO


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

How I Met Your Father: Hulu ordina lo spin-off con Hilary Duff 21 Aprile 2021 - 21:55

Hilary Duff sarà la protagonista e uno dei produttori di How I Met Your Father la serie di dieci episodi ordinata da Hulu

Antoine Fuqua dirigerà un nuovo adattamento de La gatta sul tetto che scotta 21 Aprile 2021 - 21:15

Sarà ispirato al revival teatrale interpretato da un cast di attori afro-americani

The Conjuring – Per ordine del Diavolo: ecco le prime immagini, domani il trailer! 21 Aprile 2021 - 20:41

Domani vedremo il primo trailer di The Conjuring – Per ordine del Diavolo, il terzo capitolo della saga horror creata da James Wan. Intanto ecco le prime immagini.

Guerre fra Galassie (FantaDoc) 21 Aprile 2021 - 16:49

La storia dello Star Wars televisivo giapponese (ma con molti più calci volanti).

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.